Enrico VI d'Inghilterra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enrico VI
King Henry VI from NPG.jpg
Ritratto di Enrico VI tratto dal Cassell's History of England del 1902
Re d'Inghilterra e Signore d'Irlanda
Stemma
In carica 31 agosto 1422 -
4 marzo 1461 e
13 ottobre 1470 -
11 aprile 1471
Incoronazione 6 novembre 1429 (come Re d'Inghilterra)
16 dicembre 1431 (come Re di Francia)
Predecessore Enrico V
Successore Edoardo IV
Re di Francia
De iure
In carica 31 agosto 1422 - 1453
Nome completo Henry of Windsor
Altri titoli Duca di Lancaster,
duca d'Aquitania
Nascita Windsor, Berkshire, Inghilterra, 6 dicembre 1421
Morte Torre di Londra, Londra, Inghilterra, 21 maggio 1471
Luogo di sepoltura Saint George's Chapel
Casa reale Lancaster
Padre Enrico V di Monmouth
Madre Caterina di Valois
Consorte Margherita d'Angiò (1430-1482)
Figli Edoardo di Lancaster
Religione cattolica
Firma HenryVISig.svg

Enrico VI d'Inghilterra (Windsor, 6 dicembre 1421Londra, 21 maggio 1471) fu re d'Inghilterra dal 1422 al 1461 (con un reggente fino al 1437[1]) e poi dal 1470 al 1471 e re di Francia dal 1422 al 1453. Asceso al trono quando non aveva nemmeno nove mesi, Enrico VI assistette al tracollo della potenza militare inglese in Francia e alla conclusione della sanguinosa guerra dei cent'anni con la perdita di quasi tutti i feudi inglesi. La crisi che ne conseguì, facilitata anche dall'inettitudine del re al governo e dalla follia da cui era affetto, scatenò la guerra delle due rose con la rivale casata degli York, durante la quale Enrico perdette la vita[2]. Il regno di Enrico VI, nonostante si sia rivelato un completo fallimento dal punto di vista politico e militare, fu caratterizzato però da una serie di iniziative di rilievo sul versante culturale, quale la costruzione del College di Eton e del King's College dell'Università di Cambridge. Uomo estremamente pio, fu oggetto di culto popolare all'indomani della sua morte, mentre William Shakespeare lo rese protagonista del suo dramma omonimo, in cui Enrico incarna il simbolo dell'uomo forzato a ricoprire ruoli di comando, in contrasto con la sua stessa volontà[3].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il re bambino (1421-1437)[modifica | modifica wikitesto]

Il consiglio di reggenza: Gloucester, Bedford e Beaufort[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni di Lancaster, primo Duca di Bedford, in una miniatura del XV secolo. Abile politico e generale, il duca di Bedford cercò di conservare i territori conquistati dal fratello Enrico V pochi anni prima, fallendo però a causa delle faide interne al regno d'Inghilterra.

Enrico era l'unico figlio ed erede di Enrico V d'Inghilterra e di Caterina di Valois, figlia di Carlo VI di Francia. Dopo la morte improvvisa del padre, avvenuta a Bois-de-Vincennes il 31 agosto 1422 a causa di febbre tifoide e di dissenteria, quando aveva appena trentasei anni[4], l'infante Enrico divenne re all'età di soli nove mesi[2][1][5]. Alla regina madre Caterina fu impedito di prendere parte attiva nell'educazione del figlio, essenzialmente perché era figlia del mortale nemico francese della Corona inglese, cosa che suscitava diffidenza da parte della maggior parte della corte. Il 28 settembre 1423, quando il 5 novembre[1] giunse a Londra la notizia della morte del sovrano[6], i nobili giurarono fedeltà al re infante, riunirono il parlamento nel suo nome e istituirono un consiglio di reggenza, composto da:

  • Humphrey di Lancaster duca di Gloucester, il più giovane figlio di Enrico IV che era stato già nominato nel terzo testamento di Enrico V del 10 giugno 1421, Lord Protector (ovvero, Lord Protettore) del Regno, incarico che consisteva nella gestione della politica interna del Paese[7].
  • Il vescovo di Winchester Henry Beaufort, fratellastro di Enrico IV e cardinale dal 1426, ebbe un ruolo importante nel consiglio per la sua autorità morale e la sua forte personalità[8].
  • Il fratello maggiore ancora vivente di Enrico V, Giovanni, 1º Duca di Bedford, ebbe la carica ufficiale di Reggente ma, in quanto comandante in capo delle operazioni militari in Francia[9], dovette lasciare il potere civile del Regno al fratello nei periodi in cui era assente dalla madrepatria. Infatti, Bedford aveva poteri più ampi di quelli del fratello minore e, quando rientrava in Inghilterra, poteva gestire gli affari interni in piena autonomia[6].
  • Il conte Edmondo Mortimer fu, invece, nominato luogotenente dell'Irlanda[1].

I membri del consiglio di reggenza, nonostante i legami di parentela, non avevano buoni rapporti fra di loro[10][11]: Bedford e Gloucester erano perennemente in lotta fra loro[12] e, dopo la morte di Bedford nel 1435, l'anziano Beaufort entrò in contrasto con il nipote Gloucester[8]. In questo quindicennio di reggenza, come osserva lo storico George Macaulay Trevelyan, le fazioni aristocratiche che i due precedenti re Lancaster, cioè Enrico IV ed Enrico V, erano riusciti a tenere sotto controllo, ripresero vigore durante la minore età di Enrico VI, suscitando quelle discordie e rivalità che non verranno più placate, dopo la fine della reggenza[13].

La guerra in Francia[modifica | modifica wikitesto]

La fase dal 1422 al 1429[modifica | modifica wikitesto]
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra dei cent'anni (1415-1429) e Giovanna d'Arco.

Come risultato dei successi conseguiti durante la guerra dei cento anni, Enrico V aveva lasciato il suo paese in possesso di ampi territori francesi e il figlio Enrico VI erede al trono di Francia dove, alla morte di Carlo VI nel 1422, fu acclamato re come Enrico II[9]. Nel frattempo, il duca di Bedford consolidava le conquiste del fratello e, insieme all'alleato duca di Borgogna Filippo III il Buono, reggeva il governo di tutto il nord e l'ovest della Francia, compresa la capitale Parigi. Bedford, buon generale[14], riuscì a consolidare e a portare avanti la guerra (Trattato difensivo di Amiens del 1423, durante il quale sposò Anna di Borgogna[10]), sconfiggendo i francesi sostenitori del delfino Carlo a Cravant (1423) e a Verneuil (17 agosto 1424)[1][9]. Inoltre, grazie ad un'oculata amministrazione dei territori conquistati[14], Bedford riuscì a renderli efficienti dal punto di vista economico e governativo, contribuendo così a diminuire le spese inglesi per il loro mantenimento[9]. Nel 1429, la guerra sembrava vedere ormai come vittoriosi gli anglo-borgognoni: Bedford, infatti, stava assediando la città di Orléans (l'assedio cominciò nel mese di aprile[14]), l'ultima vera roccaforte ancora in mano ai francesi fedeli al delfino Carlo. Inaspettatamente, però, le forze francesi si rianimarono all'arrivo di Giovanna d'Arco, una giovane contadina di Domremy che convinse il delfino di essere un'inviata da Dio per sconfiggere gli inglesi e mettere il legittimo erede alla corona di Francia sul trono[15]. L'arrivo di Giovanna ebbe un effetto psicologico di rivalsa nell'animo dei soldati francesi[16], al punto da capovolgere le sorti dell'assedio e costringere Bedford a ritirarsi[17].

Incoronazione di Enrico VI a Notre-Dame, in un dipinto anonimo del XV secolo. L'incoronazione si svolse nel 1431 in reazione a quella di Carlo VII a Reims di due anni prima, col fine di legittimare le pretese di Enrico rispetto a quelle di Carlo.
L'incoronazione di Carlo VII e quella di Enrico VI[modifica | modifica wikitesto]

Le armate francesi, galvanizzate da Giovanna e comandate da generali del calibro di Jean de Dunois e La Hire, ottennero, nel giro di un anno, una serie di schiaccianti vittorie (tra le quali, la più importante fu la battaglia di Patay) che aprirono la strada di Reims a Carlo, ove fu incoronato col nome di Carlo VII (17 luglio 1429)[18][19]. Bedford, riparatosi a Parigi[14], pensò di far venire in Francia il giovane Enrico: bisognava dimostrare che non solo Carlo, ma anche Enrico era il legittimo sovrano di Francia. Pertanto, il re fanciullo fu incoronato prima re d'Inghilterra nell'Abbazia di Westminster il 6 novembre 1429[2][6] dallo zio Enrico Beaufort[20].

Dopo aver varcato la Manica il 23 aprile 1430[20], Enrico giunse prima a Calais e, dopo una pausa di alcuni mesi, risiedette a Rouen presso lo zio Bedford. La lentezza con cui il viaggio procedette fu dovuta, con tutta probabilità, alle difficoltà che gli inglesi militarmente stavano affrontando nella valle della Loira, costringendo re Enrico a non mettersi in cammino verso la capitale per questioni di sicurezza e a risiedere nel capoluogo normanno fino al novembre del 1431[21]. Stabilizzatasi momentaneamente la situazione, Enrico poté procedere il suo viaggio fino a Parigi, ove fu incoronato (sempre da parte di Beaufort[20]) re di Francia nella Cattedrale di Notre-Dame il 16 dicembre 1431[6][22]. Nonostante la duplice incoronazione, non si ottenne però l'effetto sperato: in primo luogo, perché il luogo tradizionale d'incoronazione dei re di Francia non era Parigi, ma Reims[20]; in secondo luogo, perché l'incoronazione non avvenne per mano del vescovo di Parigi (un francese, quindi), ma sempre per mano di un prelato inglese[20]. Pertanto, risultò sicuramente più prestigiosa l'incoronazione di Carlo di quella avvenuta due anni dopo nell'ancora occupata Parigi.

L'inizio della catastrofe: Arras e la morte di Bedford[modifica | modifica wikitesto]

Comunque, la guerra contro Carlo VII non proseguiva al meglio. Nonostante gli inglesi fossero riusciti a mandare al rogo, con l'accusa di stregoneria, Giovanna d'Arco (Rouen, 30 maggio 1431), le difficoltà finanziarie in cui versava il governo inglese e i continui attriti tra i reggenti causarono una rotta definitiva delle sorti belliche nella guerra in Francia,[9] disastro aggravato da una serie di altre motivazioni, di cui la più importante fu la scomparsa di Bedford. Questi, che si era recato nel 1434 per reprimere un'insurrezione in Normandia,[1] morì l'anno seguente a Rouen, mentre si stava svolgendo il Congresso di Arras[14] tra Borgognoni, Francesi e Inglesi. La morte di Bedford (preceduta tre anni addietro da quella della moglie[14]) fu una disgrazia per l'Inghilterra: non solo perché l'Inghilterra perdeva il suo più valido generale, ma anche il più abile uomo politico. Difatti, all'indomani della scomparsa di Bedford, il duca Filippo di Borgogna lasciò l'alleanza con gli Inglesi[23], permettendo così a Carlo VII di entrare trionfalmente a Parigi nell'aprile del 1436[18][24].

I difficili rapporti con la Lega Anseatica[modifica | modifica wikitesto]

Durante la reggenza, oltre agli eventi bellici, si segnalarono degli sviluppi nei rapporti commerciali tra Inghilterra e la potente federazione commerciale della Hansa. Inizialmente, Enrico confermò i privilegi dei mercanti anseatici in territorio inglese ma, nel 1431, furono aumentate le tasse di importazione e di esportazione di diversi generi, che la Hansa non accettò di buon grado[25]. Seguirono anni difficili, finché nel 1437, per merito del cardinale Beaufort, fu stipulato un trattato (Il secondo trattato di Londra[26]) che, in cambio della libertà per i mercanti inglesi di commerciare in tutte le città anseatiche, prevedeva il ripristino di tutti i privilegi per i mercanti anseatici esentati da tutti i diritti non menzionati nella Charta Mercatoria del 1303[27][28]. Nonostante le buone intenzioni, gli attacchi inglesi al naviglio anseatico, continuarono, e i mercanti inglesi nei porti anseatici non furono favoriti nei loro commerci e inoltre i prodotti inglesi venivano boicottati[29].

Il governo personale di Enrico (1437-1453)[modifica | modifica wikitesto]

L'ultima fase della guerra[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra dei cent'anni (1429-1453).

Il sopravvento del partito pacifista[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione dei territori sotto il controllo francese ed inglese tra il 1337 e il 1453

Enrico impugnò le redini del paese quando fu proclamato maggiorenne il 13 novembre 1437,[1] il medesimo anno in cui morì sua madre Caterina[2]. Divenuto adulto, Enrico VI si dimostrò profondamente diverso dal padre: era infatti più profondamente votato alla spiritualità, privo di quella saggezza mondana necessaria per governare[30], tutt'altro che abile politico e militare. Assunto il potere, Enrico permise alla sua corte di essere dominata da pochi favoriti e il partito pacifista (che era a favore della fine della guerra in Francia) rapidamente dominò la scena, mentre le voci di Riccardo di York e di Gloucester[31], esponenti di punta della fazione bellicista, furono relegate ai margini e generalmente ignorate. Nel contempo, il cardinale Beaufort prima e William de la Pole (marchese, all'epoca, e poi elevato al rango di duca nel 1448[32]) poi, convinsero il re che la via migliore per mantenere il controllo dei territori che governava in Francia fosse quella di ottenere la pace con la Francia[33]. Si cercarono vari espedienti per ottenere tale obiettivo: nel giugno 1439 (incontri di Gravelines)[9][34], si cercò attraverso Isabella di Borgogna, moglie del duca Filippo, di arrivare a un accordo tra le due parti, ma senza successo. Si tentò un nuovo approcio diplomatico nel 1440, quando il cardinale Beaufort[35] liberò il duca Carlo d'Orléans (prigioniero in Inghilterra dal 1415) per indurre i francesi ad intavolare dei negoziati, ma anche questo tentativo fallì come il precedente[9].

La tregua di Tours e Margherita d'Angiò (1444-1445)[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 maggio 1444[36], il marchese di Suffolk guidò un'ambasceria in Francia e ottenne una tregua di due anni (Tregua di Tours) rafforzata dal matrimonio di Enrico con la nipote di Carlo VII, Margherita d'Angiò[11]. Enrico acconsentì, specialmente quando sentì i racconti sulla bellezza della donna, e inviò Suffolk a negoziare con il monarca francese. Quest'ultimo approvò il matrimonio, a condizione che egli non dovesse preoccuparsi della dote prevista, ricevendo per buona misura in cambio i territori del Maine e dell'Anjou dagli Inglesi.[11] Tali condizioni furono accettate, ma della cessione dei predetti territori, il parlamento inglese fu tenuto all'oscuro, in quanto avrebbe respinto sicuramente la proposta regia.[37] Il matrimonio avvenne il 22 aprile del 1445[11][38] e Margherita sembrò aver integrato la personalità del consorte: la principessa francese, nonostante avesse solo 16 anni, era pronta a prendere delle decisioni e dimostrava capacità di comando, laddove Enrico si rivelava completamente inetto[39]. Si giunse quindi alla spinosa questione del Maine e dell'Anjou. Enrico, intenzionato a concludere un conflitto del quale non sentiva il motivo e mosso dalla volontà di rispettare la parola data[40], annunciò pubblicamente ciò di cui era stato tenuto all'oscuro il parlamento. Esso, logicamente, reagì molto negativamente, determinando uno stallo nelle trattative con Carlo VII e concentrando l'odio su Suffolk[1].

"Maestro di Talbot" (Talbot Master), Margherita d'Angiò, particolare della presentazione del Shrewsbury Book a Margherita e ad Enrico VI da parte di John Talbot, miniatura, 1445 ca. Donna energica e volitiva, Margherita fu l'animatrice della fazione lancasteriana all'interno della corte inglese, sostenendo i diritti del marito infermo alla corona.

La morte di Gloucester (1447)[modifica | modifica wikitesto]

Mentre il governo inglese temporeggiava con i francesi e cercava di placare gli animi dei parlamentari, nel 1447 il re, la regina ed i loro fidi (Suffolk, il conte di Somerset Edmund Beaufort, ed il cardinale Beaufort) convocarono Gloucester davanti al parlamento, a Bury St Edmunds (18 febbraio) con l'accusa di tradimento[41]. Gloucester morì in prigionia, non si sa se per cause naturali o per mano assassina. La morte di Gloucester lasciò York come apparente erede di Enrico, ma quest'ultimo non lo riconobbe mai ufficialmente e York continuò ad essere escluso dalla corte, essendo stato “bandito” a governare l'Irlanda[42], mentre Enrico e Margherita appoggiarono Suffolk e Edmund Beaufort, che nel frattempo era stato elevato alla dignità di duca (un titolo normalmente riservato ai parenti stretti del sovrano), divenendo il secondo duca di Somerset.

La perdita della Normandia e della Guascogna (1449-1453)[modifica | modifica wikitesto]

Come già visto nel paragrafo sulla caduta di Suffolk, l'inadempimento delle clausole del trattato di Tour causarono la ripresa delle ostilità fra le due nazioni già a partire dal 1447. I continui tentennamenti di Enrico e l'approvazione, da parte del parlamento, di inviare un corpo d'armata sotto la guida del marchese di Dorset nel febbraio di quell'anno ruppero la tregua[1]. L'iniziativa politica non poté essere più infelice, in quanto la Francia nel frattempo si era riorganizzata militarmente, mentre l'Inghilterra cominciava a manifestare i primi segni dell'anarchia che la sconvolgeranno da lì a pochi anni dopo. Difatti, il 16 marzo del 1448 Le Mans, capoluogo del Maine, si arrese davanti alle armate di Carlo VII[1][43], relegando gli inglesi al solo ducato di Normandia e alla Guascogna. Come il Maine, la Normandia capitolò in pochissimo tempo, a causa del mancato rafforzamento militare da parte di Enrico VI[44]: il 26 ottobre 1449, con velocità fulminea, gli inglesi persero Rouen[45]. Dopo la battaglia di Formigny del 14 aprile 1450[46][47], l'intera Normandia conquistata trent'anni prima da Enrico V ripassò così nelle mani dei francesi[48]. Poco più di due anni dopo, nel 1453, toccò la stessa sorte all'Aquitania, finora quasi mai teatro di eventi bellici[40]. Il Ducato di Aquitania, posseduto sin dai tempi di Enrico II di Inghilterra, era profondamente legato all'Inghilterra da vincoli di natura commerciale: la borghesia di Bordeaux avrebbe perso il suo più importante cliente di vini, visti i fiorenti traffici con Londra[40][49]. Anche questo feudo, però, andò perso in seguito alla battaglia di Castillon del 17 luglio[40], nonostante l'eroica difesa guidata dall'ormai veterano John Talbot[50]. Nel 1453, dell'antico impero angioino, rimaneva soltanto il porto di Calais[51].

John Cade sulla London stone, illustrazione di Sir John Gilbert (1817-97) neo Works of William Shakespeare (Londra, Routledge, 1881), vol. 8.

La caduta in disgrazia di Suffolk (1450)[modifica | modifica wikitesto]

Mentre si consumava la tragedia della guerra in Francia, i sovrani videro la caduta e la tragica fine del loro alleato, il duca di Suffolk. Nel 1449, dopo la caduta di Rouen, il parlamento prese posizione contro l'influente cortigiano, il più malvisto tra i seguaci del re e considerato un traditore per le cessioni territoriali proposte a Tour[32]. Pertanto, nel 1450, fu rinchiuso nella Torre di Londra per essere processato. Alla fine fu raggiunto un compromesso, Suffolk non venne giudicato, ma Enrico fu costretto ad esiliarlo per cinque anni[32]. Uscito dalla torre, de la Pole, il 1º maggio si imbarcò per Calais, ma la nave su cui era imbarcato fu intercettata nel canale della Manica da una nave reale ribelle e il duca fu assassinato[52].

Le conseguenze del conflitto[modifica | modifica wikitesto]

L'instabilità interna e la rivolta di John Cade (1450)[modifica | modifica wikitesto]

La debolezza del sovrano, la divisione in fazioni e il disastro bellico contribuirono allo sfacelo della legge e dell'ordine, alla corruzione, alla distribuzione delle terre del re ai favoriti di corte e alla situazione problematica delle finanze della corona[53]. I reduci inglesi, spesso senza paga, aumentarono il senso di anomia che vigeva nelle contee meridionali d'Inghilterra[54] e l'irlandese Jack Cade, forse in accordo con Riccardo di York[55], guidò una ribellione nel Kent con l'appellativo di "John Mortimer"[56] a partire dalla primavera del 1450[57]. Il 18 giugno del medesimo anno, ventimila ribelli si concentrano presso la città di Blackheath (ora Lewisham), a sud-est della capitale[56]. Ai rivoltosi, in gran parte contadini, si unì una parte della cittadinanza di Londra («Cade's men marched on London, where they were welcomed by the Londoners, who were in sympathy with many of Cade's aims»[57]) e, soprattutto, un buon numero di soldati e marinai inglesi di ritorno dalla Francia, raddoppiandone il numero. Enrico si recò allora a Londra con un esercito per schiacciare la ribellione[58] e, lasciato a Greenwich il grosso delle sue truppe, con l'avanguardia incontrò i ribelli a Sevenoaks. Le forze reali, però, si sollevarono anch'esse, lasciando sguarnita la capitale, permettendo a Cade di impossessarsi del ponte della torre di Londra. Entrato in città stabilì la sua residenza alla locanda del Cervo Bianco (che era stato il simbolo del deposto Riccardo II) a Southwark[58]. Durante la notte le truppe reali, organizzatesi nella torre di Londra, diedero l'assalto al ponte, ma, alla fine, dovettero ritirarsi nella torre. I ribelli si impossessarono della città e dopo pochi giorni di disordini il Lord Cancelliere, l'arcivescovo John Kemp[59], convinse Cade[60] a porre fine alla rivolta. Queste trattative avvennero l'8 luglio 1450, durante le quali l'arcivescovo concesse un'amnistia generale per i ribelli e il perdono reale. Cade, intimorito dalla presa degli eventi, cercò di fuggire nel Sussex, ma fu catturato il 12 luglio ad Heathfield[57], morendo poco dopo per le ferite ricevute[56]. La rivolta non portò a risultati concreti, ma l'evento servì ad esternare i sentimenti di malcontento che stavano infervorando gli animi.

James William Edmund Doyle, Enrico VI seduto mentre i Duchi di York e Somerset discutono fra di loro, tratto da A Chronicle of England, p. 400, 1864.

La follia di Enrico e la reggenza di York (1453-1454)[modifica | modifica wikitesto]

Tra il luglio e l'agosto del 1453[61], non appena giunse la notizia della sconfitta di Castillon e la perdita dei possedimenti francesi, Enrico subì un crollo psico-fisico che perdurò ben 17 mesi[40]. Neanche la nascita del suo erede al trono, Edoardo di Lancaster (1453-1471)[62], riuscì a rinsanirlo dallo stato catatonico e di demenza in cui era caduto: non era più neanche in grado di riconoscere né chi gli stava intorno, né se stesso[2]. La regina Margherita, constatata l'incapacità del re d'intendere e di volere, chiese per sé la reggenza, ma il 3 aprile 1454 fu Riccardo di York ad essere nominato Lord Protector, ottenendo finalmente la posizione di peso che aveva desiderato[6]. Rafforzatasi la sua posizione grazie all'alleanza con il nipote Richard Neville, XVI conte di Warwick[63], la regina fu completamente esclusa dal governo e Somerset imprigionato nella Torre di Londra per essere giudicato, ma la regina Margherita intervenne per impedirne il processo[64]. La reggenza di York fu impegnata nell'affrontare il problema delle spese del governo, e il difficile risanamento interno del Reame dopo la disastrosa conclusione della guerra. Il giorno di Natale del 1454[6], il re si riprese e l'influenza di Somerset riprese vigore, mentre York fu nuovamente isolato[65] grazie all'alleanza stretta dal Somerset con Henry Percy, conte di Northumberland[66].

La guerra delle due rose[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: guerra delle due rose.

Dal 1455 al 1461[modifica | modifica wikitesto]

La contesa dinastica[modifica | modifica wikitesto]

York e Warwick, pertanto, decisero di riprendere in mano[67] il potere perso in seguito alla guarigione del re. Entrati apertamente in conflitto con il vero leader della causa reale, la regina Margherita, i due uomini raccolsero intorno a loro una serie di nobili insoddisfatti della piega presa dagli eventi e York, sentendosi forte della sua posizione, reclamò il trono in quanto discendente diretto del secondogenito di Edoardo III (1327-1377), Lionello duca di Clarence. Infatti, Enrico IV di Lancaster, il fondatore dell'attuale dinastia, era figlio di Giovanni di Gaunt, che era il terzogenito di Edoardo[68]. Pertanto, Riccardo di York reclamò per sé il trono in quanto discendente più diretto dell'ultimo sovrano plantageneto, Riccardo II.

Da St. Albans a Towton: l'ascesa degli York[modifica | modifica wikitesto]

William Dyce, Re Enrico VI di Inghilterra a Towton, dipinto, 1860.

Le ostilità si aprirono nella primavera del 1455, quando York e i suoi fautori raccolsero delle truppe, marciarono su Londra e alla fine di maggio, entrati in città, sconfissero le truppe reali (il 22 maggio 1455 nella prima battaglia di St Albans[6][69]), comandate da Somerset che, durante la battaglia, perse la vita[65]. Enrico VI, di fatto prigioniero, fu confermato re dal parlamento, ma de facto privato di tutti i poteri. In novembre, per di più, il re ebbe una ricaduta e Riccardo di York fu nominato per la seconda volta Lord Protector il 19 dello stesso mese[6].

Rispetto alla prima crisi, la seconda fu di più breve durata: Enrico infatti, il 26 febbraio 1456, si ristabilì[6]. Pur tenendo York come consigliere, il rapporto con il potente duca di York fu sempre meno amichevole ed improntato ad una cordiale ostilità. Dopo che, nel 1457, fu inscenata una pacificazione fittizia[70] tra la fazione reale e quella yorkista, nell'estate 1459 Riccardo, sempre più insofferente per la sempre più crescente ostilità di Margherita nei suoi confronti, si schierò definitivamente contro Enrico VI[6]. Nonostante poco dopo fossero stati sconfitti prima a Blore Heath e poi a Ludford Bridge (23 settembre e 12 ottobre)[71][72], gli yorkisti (riparati momentaneamente in Irlanda[70]) raccolsero le forze rimaste, sbarcarono a Sandwich nel giugno 1460[73] e, nella battaglia di Northampton (10 luglio 1460[6]), trionfarono sui Lancaster. Conquistata Londra e fatto prigioniero re Enrico, Riccardo convocò in ottobre il parlamento che, dopo avergli negato la corona, lo ricompensò nominandolo erede di Enrico al momento della sua morte, ed eliminando dalla successione il legittimo erede Edoardo di Lancaster[70]. Nel frattempo la regina Margherita, con l'appoggio degli scozzesi, aveva raccolto nel nord un imponente esercito che, riunitosi nello Yorkshire, si avviava verso sud. Riccardo affrontò i lancasteriani a Wakefield (30 dicembre 1460[74]), ma fu sconfitto e nella battaglia perse la vita[6][70]. L'eredità di Riccardo fu raccolta dal figlio poco meno che ventenne Edoardo che, dopo essersi riunito alle truppe sconfitte di Warwick, batté a Mortimor's Cross (2 febbraio 1461) i lancasteriani[75], aprendosi le porte di Londra (26 febbraio). Enrico fu deposto il 4 marzo 1461 e suo cugino Edoardo fu eletto re per acclamazione divenendo re Edoardo IV di Inghilterra[6]. Edoardo IV inseguì i lancasteriani e li sconfisse a Towton, il 28 marzo 1461, senza riuscire a catturare Enrico e la regina, i quali riuscirono a fuggire in Scozia[33].

La guerra contro Edoardo e la cattura di Enrico (1461-1470)[modifica | modifica wikitesto]

La battaglia di Tewkesbury, miniatura estratta dal Manoscritto di Gand, della fine del XV secolo.

Durante il primo periodo del regno di Edoardo IV, la resistenza dei Lancaster proseguì soprattutto sotto la guida della regina Margherita la quale, dopo aver lasciato il marito in Scozia, si recò dal cugino Luigi XI di Francia, ottenendo da lui un piccolo contingente armato guidato da Pierre de Brézé[76]. Forte di queste truppe francesi, Margherita si recò nelle contee settentrionali dell'Inghilterra e del Galles per fomentare delle rivolte contro Edoardo IV. Enrico, che nel 1464 era rientrato sul suolo inglese per galvanizzare gli animi dei partigiani della causa lancasteriana[33], fu catturato da Edoardo l'anno successivo, mentre vagava nel Lancashire[2]. Poco dopo, il sovrano Lancaster fu imprigionato nella Torre di Londra, rimanendovi per il successivo quiquennio[2]. L'indomita regina Margherita, invece, riuscì a riparare ancora in Francia, portandosi addietro il figlio Edoardo[76]; da lì, formò un'alleanza con Richard Neville, Conte di Warwick, che aveva avuto un alterco con Edoardo IV e che da questi era stato sconfitto nella battaglia di Stamford del 1470[77]. Dopo aver fatto sposare sua figlia, Anna, con il Principe di Galles Edoardo, Warwick (e con lui il duca di Clarence, fratello di Edoardo IV con cui aveva avuto una serie di litigi[77]) tornò in Inghilterra, costrinse Edoardo a fuggire presso Carlo il Temerario duca di Borgogna, liberò Enrico VI e lo rimise sul trono il 13 ottobre 1470, con una fastosa "reincoronazione"[6]. Da tutti i resoconti dell'epoca, il sovrano risulta letargico ed indifferente, specie mentre Warwick ed i suoi uomini lo facevano sfilare per le strade di Londra come il legittimo re d'Inghilterra[33].

Il breve ritorno dei Lancaster (1470-1471)[modifica | modifica wikitesto]

Il ritorno in auge di Enrico fu destinato a durare molto poco. Nell'arco di pochi mesi, difatti, Warwick fece il passo più lungo della gamba e si schierò dalla parte di Luigi XI nella guerra contro il ducato di Borgogna, sperando di ottenere in cambio le ricche regioni olandesi e fiamminghe[78]. Carlo il Temerario, che inizialmente si era dimostrato ostile ad Edoardo, reagì fornendogli l'aiuto necessario per riprendersi il trono con la forza. Questi, dopo aver occupato Londra, batté severamente le truppe del Warwick a Barnet (11 aprile), uccidendolo[67]. Nell'ultimo, disperato tentativo di frenare l'avanzata di Edoardo IV, Margherita e il giovane Edoardo di Lancaster affrontarono il nemico nella Battaglia di Tewkesbury del 4 maggio 1471: Margherita riuscì a fuggire, ma il figlio diciassettenne vi trovò la morte[33].

La morte di Enrico VI[modifica | modifica wikitesto]

Enrico VI fu rinchiuso nuovamente nella Torre di Londra, dove fu assassinato nella notte tra il 21 e il 22 maggio 1471[6]. Il sovrano inglese fu dapprima sepolto nell'abbazia di Chertsey, poi nel 1484 il suo corpo fu trasferito nella cappella di San Giorgio (nel castello di Windsor) per volere di Riccardo III, ove riposa tuttora[79][80].

La figura di Enrico VI[modifica | modifica wikitesto]

Il re santo[modifica | modifica wikitesto]

Enrico VI, estratto dal The National Portrait Gallery History of the Kings and Queens of England di David Williamson, basatosi a sua volta sulla base di un ritratto, realizzato da un pittore anonimo, del 1540, conservato nella National Portrait Gallery di Londra.

La figura di Enrico VI come re è meglio sintetizzabile in quella di uomo devoto, indeciso e facilmente influenzabile e, qualche tempo dopo, di persona seriamente instabile di mente[2][81]. Fu premuroso e generoso verso coloro di cui si prendeva cura (compresi i fratellastri Edmund e Jasper Tudor), regalando terre e titoli ai suoi consiglieri e amici. Enrico era un sincero e devoto cristiano, più un monaco che un sovrano: evitò i pomposi simboli del suo ruolo, preferendo abiti semplici[2]; era estremamente pudico, da rifiutare con orrore l'idea del sesso[81]; pregava incessantemente; aborriva la violenza, mai mandando a morte qualcuno in suo nome[81]; era prodigo nell'aiutare i poveri e i bisognosi, tanto che era parco a tavola perché gli avanzi fossero dati in elemosina[81].

Buona parte della virtuosa condotta di Enrico è stata tramandata ai posteri dal Collectarium mansuetudinum et bonorum morum regis Enrici VI, del monaco certosino John Blackman[82], che provvide a delineare i tratti del carattere poc'anzi delineati. La trattazione latina del Blackman, nei secoli successivi, è stata tradotta in inglese, di cui il passo sotto citato ne è una prova:

(EN)

« He was a man of pure simplicity of mind, truthful almost to a fault. He never made a promise he did not keep, never knowingly did an injury to anyone. Rectitude and justice ruled his conduct in all public affairs. Devout himself, he sought to cherish a love for religion in others [...] He was liberal to the poor, and lived among his dependants as a father among his children. He readily forgave those who had offended him[2]. »

(IT)

« Fu un uomo dalla mente pura fino all'eccesso. Non fece nessuna promessa che non poté poi mantenere, né consciamente recò torto a qualcuno. La rettitudine e la giustizia guidavano la sua condotta di vita in tutti gli affari pubblici. Devoto, egli cercava di instillare nel prossimo l'amore per la religione [...] Era liberale verso i poveri, e viveva tra i suoi servi come un padre tra i suoi figli. Prontamente, perdonava coloro i quali gli avevano recato offesa. »

Se Enrico fosse vissuto in un contesto storico-politico più calmo, avrebbe sicuramente lasciato una migliore immagine di sé nella storia inglese. Uomo tranquillo e pieno di buone intenzioni, Enrico non aveva la stoffa del politico e del generale come il padre, lasciandosi guidare da politicanti e uomini d'arme improvvisati[33]. Appassionato dalla lettura e dallo studio dei libri, non dimostrò alcuna inclinazione nel guidare in battaglia il suo Paese[83]; ciò può apparire ironico, se si considera che il suo regno fu uno dei più sanguinosi della storia inglese. Enrico VI detestò fare la guerra ai suoi fratelli cristiani e fu desideroso che fosse fatta giustizia nel suo nome; ancora una volta il fatto può apparire paradossale, se si tiene conto dell'enorme diffusione della corruzione e del tracollo della legge e dell'ordine avvenute sotto il suo scettro.

Ogni anno all'anniversario della morte di Enrico VI, i prevosti di Eton e Cambridge depongono delle rose e dei gigli sull'altare eretto nel luogo in cui morì.

Il culto popolare[modifica | modifica wikitesto]

Per l'animo caritatevole e la sua grande fede in Dio, fin dall'indomani della sua morte Enrico fu considerato un santo da parte del popolo[84]: gli venivano attribuiti alcuni miracoli, tra cui la capacità di guarire dal mal di testa[84]. Nonostante i tentativi, da parte di Edoardo IV[2], di frenare la devozione verso il suo ex rivale, il popolo continuò a venerarne la memoria. Enrico VII Tudor (1485-1509), nipote di Enrico VI, favorì immensamente la devozione del suo predecessore presso il popolo, col fine di legittimare la sua ascesa al trono. Difatti, Enrico tentò di canonizzare il suo avo[2]. Non volendo arrendersi davanti al diniego papale, il primo sovrano Tudor coltivò la memoria di Enrico VI attraverso la fondazione della Henry VII Chapel nell'abbazia di Westminster. La memoria di Enrico non si conservò, a causa della Riforma Inglese patrocinata da Enrico VIII, quando la venerazione per i santi fu considerata idolatria. Nonostante ciò, i prevosti di Eton e Cambridge, nell'anniversario del suo assassinio, si recano alla Torre di Londra per deporre gigli e rose in segno di ringraziamento per l'alto patronato del sovrano Lancaster verso le loro istituzioni[2][79][84].

Il re folle[modifica | modifica wikitesto]

La figura di Enrico VI è associata anche alla debilitante malattia mentale che iniziò ad affliggerlo a partire dal 1453, quando aveva poco più di trent'anni. Grazie allo sviluppo della psichiatria, gli esperti (Steve Farrar, per esempio[85]) concordano sul fatto che il sovrano soffrisse di quella malattia mentale ereditata a sua volta dal nonno materno Carlo VI di Francia, da alcuni individuata come una grave forma di schizofrenia[86][79]. In base ai sintomi psicotici riportati dalle cronache, gli storici propendono nell'individuarne la causa immediata sicuramente al grande stress accumulato negli ultimi anni, sia per l'instabilità interna sia per le difficoltà crescenti in Francia[79], ma individuano nella madre del re, Isabella, la portatrice sana della tara genetica[2]. Come l'avo, infatti, Enrico manifestò i primi segni clinici in età relativamente giovane, palesando uno stato catatonico, caratterizzato da amnesia e da disturbi dissociativi, al punto da non riuscire neanche a rendersi conto della nascita del figlio Edoardo, avvenuta durante la sua malattia[79]:

(EN)

« ...Henry, went made at the age 31 and lost his memory, only to recover briefly before succumbing again, hearing voices and seeing visions. He may have lapsed into a catatonic-like stupor »

(ITA)

« ...Enrico divenne pazzo a 31 anni di età, perdendo la sua memoria, solo per recuperarla brevemente prima di soccombervi nuovamente, sentendo voci e avendo visioni. Potrebbe essere entrato in uno stato catatonico. »

(The American Psychiatric Publishing Textbook of Schizophrenia, p. 7)
Vista frontale del King's College, istituzione voluta fortemente da Enrico VI per promuovere la cultura nel suo regno.

L'amore per l'istruzione e la cultura[modifica | modifica wikitesto]

Appassionato nel promuovere l'istruzione, Enrico elargì generose sovvenzioni sia alla fondazione dell'Eton College (nell'atto di fondazione chiamato the College Roiall of oure Ladie of Eton beside Windesor[87]) vicino a Windsor, per l'istruzione di 70 studenti di umili origini, sia per il college di Cambridge, dove potevano continuare gli studi[88]. Il re stesso posò la prima pietra del college il 2 aprile 1441[89]. Lui stesso fu educato (talvolta con estrema severità) da Richard Beauchamp, conte di Warwick[90][81][33], in letteratura, lingue e religione, dimostrando di possedere una notevole intelligenza e predisposizione per le arti liberali. Continuando il patrocinio architetturale di Enrico V di Inghilterra, commissionò opere generalmente consistenti in grandi chiese in stile tardo gotico (ingannevolmente definite “cappelle”), con annesse delle fondazioni monastiche e/o di istruzione[91]. Infine, sotto il suo regno, visse e morì il poeta John Lydgate (1370-1450 ca), la principale figura letteraria tra Chaucher e Tommaso Moro[92].

Famiglia e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Enrico VI sposò Margherita d'Angiò, figlia di Renato d'Angiò e di Isabella di Lorena, quindi nipote di Carlo VII di Francia. Margherita diede a Enrico un figlio:

Riguardo la paternità di Enrico, già all'indomani della nascita del principe di Galles erano stati mossi parecchi dubbi. Vari pettegolezzi sostenevano che Edoardo fosse figlio di Margherita e di Somerset, dicerie rafforzate da quanto lo stesso Enrico ebbe a pronunciare quando, dopo aver recuperato la sanità mentale nel Natale del 1454, scoprì di essere padre:

(EN)

« He must have been fathered by the Holy Ghost, as [Henry] had no recollection of doing so. »

(ITA)

« Deve essere stato generato dallo Spirito Santo, dal momento chee Enrico non ha alcun ricordo di tale evento. »

(Enrico VI dopo aver appreso di essere diventato padre)

Enrico ebbe due fratellastri, Edmondo[93] e Jasper Tudor, figli del secondo matrimonio della madre con il suo paggio gallese Owen Tudor, a cui fu concesso successivamente il titolo di conte.

Enrico VI nella cultura[modifica | modifica wikitesto]

Shakespeare[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Enrico VI, parte I, Enrico VI, parte II, Enrico VI, parte III e Riccardo III (Shakespeare).
La morte di Enrico VI, illustrazione tratta dall'Enrico VI dell'edizione del Shakespeare's Complete Works di Nicholas Rowe (1709).

Nell'ultimo decennio del XVI secolo, William Shakespeare scrisse una trilogia teatrale sulla vita di Enrico VI, il dramma storico Enrico VI[3]. Ricostruita esattamente dal punto di vista storico, il dramma espone la personalità di Enrico VI indagandone a fondo l'animo tormentato, complessato, proteso a trovare quella pace che il destino non gli ha potuto donare, come il drammaturgo inglese espose drammaticamente in questo monologo:

(EN)

« Was ever king that joy'd an earthly throne,
And could command no more content than I?
No sooner was I crept out of my cradle
But I was made a king at nine months old.
Was never subject long'd to be a king
As I do long and wish to be a subject. »

(ITA)

« Ci fu mai monarca che occupasse un trono in terra,
e fosse meno felice di me?
Non appena fui uscito dalla mia culla
fui fatto re all’età di nove mesi.
Non vi fu mai suddito che desiderasse di essere sovrano
quanto io desidero di essere suddito. »

(William Shakespeare, Enrico VI, parte II - Atto IV, scena IX)

Ucciso poi da Riccardo III nella Torre di Londra, il monarca Lancaster riapparirà come un fantasma nel Riccardo III alla vigilia della battaglia di Bosworth Field, durante il sonno dell'ultimo sovrano York[94]. Insieme agli spiriti di Edoardo di Lancaster, di Giorgio di Clarence e altri, Enrico maledice il suo assassino, augurandogli la disperazione e la morte[95].

Nel cinema[modifica | modifica wikitesto]

Nel cinema, Enrico VI apparve per la prima volta in The Tower of London (1939), film ove il sovrano è interpretato da Miles Mander[81]. Nel corso del XX secolo, il sovrano Lancaster apparve più volte nei vari adattamenti televisivi delle opere shakespeariane, venendo interpretato da Terry Scully, Peter Benson, Paul Brennen e David Shelley[96].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Giarrettiera
Rosa d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Rosa d'Oro
— 1444[97]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Trattamenti di
Enrico VI
Stemma
Re d'Inghilterra, Re di Francia e Signore d'Irlanda
Trattamento di cortesia Sua Maestà
Trattamento colloquiale Vostra Maestà
Trattamento alternativo Sir
I trattamenti d'onore
Enrico VI d'Inghilterra Padre:
Enrico V d'Inghilterra
Nonno paterno:
Enrico IV d'Inghilterra
Bisnonno paterno:
Giovanni di Gand
Trisnonno paterno:
Edoardo III d'Inghilterra
Trisnonna paterna:
Filippa di Hainaut
Bisnonna paterna:
Bianca di Lancaster
Trisnonno paterno:
Henry Plantageneto
Trisnonna paterna:
Isabelle di Beaumont
Nonna paterna:
Maria di Bohun
Bisnonno paterno:
Humphrey di Bohun, VII conte di Hereford
Trisnonno paterno:
William di Bohun, I conte di Northampton
Trisnonna paterna:
Elizabeth de Badlesmere
Bisnonna paterna:
Joan FitzAlan
Trisnonno paterno:
Richard FitzAlan, X conte di Arundel
Trisnonna paterna:
Eleanor di Lancaster
Madre:
Caterina di Valois
Nonno materno:
Carlo VI di Francia
Bisnonno materno:
Carlo V di Francia
Trisnonno materno:
Giovanni II di Francia
Trisnonna materna:
Bona di Lussemburgo
Bisnonna materna:
Jeanne di Borbone
Trisnonno materno:
Pietro I di Borbone
Trisnonna materna:
Isabelle di Francia
Nonna materna:
Isabella di Baviera
Bisnonno materno:
Stefano III di Baviera-Ingolstadt
Trisnonno materno:
Stefano II di Baviera
Trisnonna materna:
Isabella d'Aragona
Bisnonna materna:
Taddea Visconti
Trisnonno materno:
Bernabò Visconti
Trisnonna materna:
Regina della Scala

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j (EN) Sanderson Beck, England of Henry IV, V and VI, Sanderson Beck, 2010. URL consultato il 5 giugno2 015.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n Henry VI su English Monarchs, 2004-2005. URL consultato il 4 aprile 2015.
  3. ^ a b Per la trama, si veda:(EN) Henry 6, Part 1 Synopsis. URL consultato il 20 giugno 2015.
  4. ^ C.D. Ross, Henry V su Encyclopedia Britannica. URL consultato il 4/4/2015.
  5. ^ (EN) Philip J. Potter, Monarchs of the Renaissance: The Lives and Reigns of 42 European Kings and Queens, p. 25. URL consultato l'8 giugno 2015.
    «...Henry V died from the effects of dysentery contracted during the siege of Meaux.».
  6. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Biography of Henry VI su Archontology.org, 14 Mar 2010. URL consultato il 5/04/2015.
  7. ^ Humprey, Duke of Gloucester su English Monarchs. URL consultato il 5 aprile 2015.
  8. ^ a b Henry, Cardinal Beaufort su English Monarchs. URL consultato il 5/04/2015.
  9. ^ a b c d e f g K. O'Morgan, Storia dell'Inghilterra, p. 178.
  10. ^ a b John A. Wagner, Encyclopedia of the Hundred Years War, p. 177. URL consultato il 5 aprile 2015.
  11. ^ a b c d Alfredo Bosisio, Il Basso Medioevo in Storia universale, p. 275.
  12. ^ John, Duke of Bedford su English Monarchs. URL consultato il 5/04/2015.
    «John vied with his younger brother, Humphrey, Duke of Gloucester, for control of the Kingdom during the minority of his nephew King Henry VI».
  13. ^ George Macaulay Trevelyan, Storia di Inghilterra, a cura di Gina Martini e Erinna Panicieri, Garzanti [1960], 1962, p. 295.
    «Solo in occasione della lunga minorità di Enrico VI (1422-1437) il Consiglio cadde inevitabilmente nelle mani dell'alta aristocrazia: e quando infine Enrico ebbe raggiunto la maggiore età, non ebbe l'abilità e l'energia sufficienti per riprendere nelle sue mani l'autorità regia...».
  14. ^ a b c d e f John, Duke of Bedford su English Monarchs. URL consultato il 5 aprile 2015.
  15. ^ (EN) Joan of Arc, luminarium.org, 18 aprile 2007k. URL consultato il 20 giugno 2015.
  16. ^ (EN) Maurice Keen, Joan of Arc and English defeat, bbc.co.uk, 17 febbraio 2011. URL consultato il 20 giugno 2015.
    «Her charisma breathed new confidence into the relieving army that she led to Orléans in May, and it successfully broke the siege.».
  17. ^ (EN) Joan of Arc, luminarium.org, 18 aprile 2007. URL consultato il 20 giugno 2015.
    «Joan succeeded in entering Orleans on the 29th of April 1429, and through the vigorous and unremitting sallies of the French the English gradually became so discouraged that on the 8th of May they raised the siege. It is admitted that her extraordinary pluck and sense of leadership were responsible for this result».
  18. ^ a b John A. Wagner, Encyclopedia of the Hundred Years War, Carlo VII, p. 90.
  19. ^ Allen Williamson, Joan of Arc biography - Segment 7: ... et Dieu donnera victoire: The Loire Valley Campaign, Allen Williamson, 2000-2014. URL consultato il 5 giugno 2015.
  20. ^ a b c d e C.T. Allmand, The Coronations of Henry VI, History Today Ltd. Company. URL consultato il 9 giugno 2015.
  21. ^ (EN) C.T. Allmand, The Coronations of Henry VI, History Today Ltd. Company. URL consultato il 9 giugno 2015.
    «Probably on account of the very uncertain military situation in the Seine valley between Rouen and Paris, Henry was to stay in Rouen until November 1431, a period of some sixteen months.».
  22. ^ (EN) Philip J. Potter, Monarchs of the Renaissance: The Lives and Reigns of 42 European Kings and Queens, p. 26.
  23. ^ La Borgogna giunse ad attaccare addirittura Calais nel 1436. L'attacco sferrato fu, però, eroicamente sventato da parte della guarnigione locale. Vedi K. O'Morgan, Storia dell'Inghilterra, cit., p. 185.
  24. ^ (FR) Auguste Vallet, VII. Paris anglais, suite et fin. Réduction de la capitale sous l'autorité de Charles VII (1435-1436 avril ) in Histoire de Charles VII, roi de France, et de son époque, 1403-1461, vol. 2, p. 346. URL consultato l'8 giugno 2015.
  25. ^ (EN) Frederik Pedersen, Trade and Politics in the Medieval Baltic: English Merchants and England’s Relations to the Hanseatic League 1370-1437, pp. 172-173. URL consultato il 9 giugno 2015.
  26. ^ (EN) Jurgen Sarnowsky, The 'Golden Age' of the Hanseatic League in A Companion to the Hanseatic League, p. 96. URL consultato il 9 giugno 2015.
  27. ^ La Charta Mercatoria che, in cambio della promessa di pagare ulteriori tasse sulle merci importate o esportate, concedeva ampi privilegi ai mercanti stranieri era stata promulgata da Edoardo I d'Inghilterra; tali privilegi furono sfruttati soprattutto dai mercanti della Hansa
  28. ^ (EN) Frederik Pedersen, Trade and Politics in the Medieval Baltic: English Merchants and England’s Relations to the Hanseatic League 1370-1437, p. 174. URL consultato il 9 giugno 2015.
  29. ^ (EN) Jurgen Sarnowsky, The 'Golden Age' of the Hanseatic League in A Companion to the Hanseatic League, p. 97.
    «In April 1452, Lubeck concluded an agreement with Christian I of Denmark to stop any english goods coming through the Oresund. Lubeck added an ordinance to completely stop all trade with English cloth.».
  30. ^ K. O'Morgan, Storia dell'Inghilterra da Cesare ai giorni nostri, pp. 179-180.
  31. ^ Humphrey di Lancaster, che durante la giovinezza del re era stato il più potente tra i reggenti, cadde in disgrazia, fu accusato di tradimento e probabilmente assassinato nel 1447.
  32. ^ a b c William de la Pole, duca di Suffolk su Luminarium Encyclopedia Project, 2007-2009. URL consultato il 6 aprile 2015.
  33. ^ a b c d e f g C. L. Kingsford, Henry VI su Luminarium Encyclopedia Project, ricavato dall'Encyclopedia Britannica del 1910. URL consultato il 6/04/2015.
  34. ^ Philip J. Potter, Monarchs of the Renaissance: The Lives and Reigns of 42 European Kings and Queens, p. 27. URL consultato l'8 giugno 2015.
  35. ^ F. S. Pulling, Henry Beaufort su Luminarium Encyclopedia Project, dal The Dictionary of English History, 1910. URL consultato il 6/04/2015.
  36. ^ Auguste Vallet, Traité de Tours (du 19 juin 1441 au 1er juin 1444) in Histoire de Charles vii, roi de France, et de son époque, 1403-1461, vol. 2, p. 453. URL consultato l'8 giugno 2015.
  37. ^ I membri della piccola e media aristocrazia avevano vari possedimenti e interessi in Francia, specialmente nelle due regioni che sarebbero state cedute a Carlo VII. Molti dei membri di questa classe sociale, inoltre, erano membri del parlamento. Vedi K. O'Morgan, Storia dell'Inghilterra, cit., p. 178
  38. ^ Philip J. Potter, Monarchs of the Renaissance: The Lives and Reigns of 42 European Kings and Queens, p. 28. URL consultato l'8 giugno 2015.
  39. ^ (EN) C. L. Kingsford, Margaret of Anjou, Queen of England su luminarium.org, Anniina Jokinen. URL consultato l'8 giugno 2015.
  40. ^ a b c d e K.O'Morgan, Storia dell'Inghilterra da Cesare ai giorni nostri, p. 179.
  41. ^ Humprey, Duke of Gloucester su Luminarium Encyclopedia Project, basato sul The Dictionary of English History, 1910. URL consultato il 6/04/2015s.
  42. ^ Riccardo, duca di York non accettò di buon grado l'ordine di recarsi in Irlanda, infatti lo eseguì solo due anni dopo, nel 1449.
  43. ^ (FR) Auguste Vallet, Histoire de Charles VII: Roi de France et de son époque, vol. 3, p. 138. URL consultato l'8 giugno 2015.
    «La garnison anglaise se retira, corps et bien saufs, et livra la ville au roi de France le 16 mars 1448».
  44. ^ Philip J. Potter, Monarchs of the Renaissance: The Lives and Reigns of 42 European Kings and Queens, p. 29. URL consultato l'8 giugno 2015.
  45. ^ (FR) Auguste Vallet, Histoire de Charles VII: Roi de France et de son époque, p. 163. URL consultato l'8 giugno 2015.
  46. ^ Kennedy Hickman, Hundred Years' War: Battle of Formigny, About.com, 2015. URL consultato il 5 giugno 2015.
  47. ^ (FR) Auguste Vallet, Histoire de Charles VII: Roi de France et de son époque, p. 196. URL consultato l'8 giugno 2015.
  48. ^ Alfredo Bosisio, Il Basso Medioevo in La storia universale, p. 273.
  49. ^ Quando Carlo VII conquistò Bordeaux nel 1451, gli stessi abitanti della città mandarono a Londra degli agenti segreti per spingere gli inglesi ad ingaggiare battaglia contro i nuovi occupanti (« Long an English possession, the residents resented their new French overlords and soon were secretly dispatching agents to London asking for an army to liberate their territory»). Si veda: (EN) Kennedy Hickman, Hundred Years' War: Battle of Castillon, about.com, 2015. URL consultato il 5 giugno 2015.
  50. ^ Hugh James Rose, John Talbot su Luminarium Encyclopedia Project, basato sul A New General Biographical Dictionary, 1857. URL consultato il 6 aprile 2015.
  51. ^ (EN) Richard Cavendish, End of the Hundred Years War, historytoday.com, 10 ottobre 2003. URL consultato il 20 giugno 2015.
  52. ^ William de la Pole, I duca di Suffolk, senza giudizio e senza ulteriore processo, fu decapitato da un ignoto irlandese, con sei colpi di una spada arrugginita.
  53. ^ (EN) Henry VI - The Reign of England's Weakest King, h2g2.com, 10 giugno 2012. URL consultato il 9 giugno 2015.
    «...in the 1440s and 50s real power began to grow in local nobles and their supporters, who could corrupt justice to suit their own needs».
  54. ^ George Macaulay Trevelyan, Storia dell'Inghilterra, a cura di Gina Martini e EErinna Panicieri, Garzanti [1960], 1962, p. 296.
    «Il rimpatrio delle guarnigioni e degli eserciti dalle terre d'oltremare affollò l'Inghilterra di cavalieri e di arcieri, abituati alla vita di guerra, con le sue sfrenatezze i suoi saccheggi, rotti ad ogni misfatto».
  55. ^ Riccardo fu inviato come luogotenente in Irlanda, a causa dell'opposizione reale nei confronti della sua politica bellicistica.
  56. ^ a b c John Cade su Luminarium Encyclopedia Project, basato sull'Encyclopedia Britannica del 1910. URL consultato il 06/04/2015.
  57. ^ a b c (EN) David Ross, Jack Cade's Rebellion - 1450, Britain Express. URL consultato il 5 giugno 2015.
  58. ^ a b (EN) Philip J. Potter, Monarchs of the Renaissance: The Lives and Reigns of 42 European Kings and Queens, p. 30.
  59. ^ John Kemp, Arcivescovo di York, ricoprì due volte la carica di Lord Cancelliere: nel periodo 1426-1432 e dal 1450 fino alla morte, il 22 marzo 1454. Fu eletto, per volontà del re, Arcivescovo di Canterbury nel 1452. Nello stesso anno venne eletto cardinale da papa Niccolò V. La morte lo colse proprio nell'imminenza dello scoppio della guerra delle due rose, quando, con l'ascesa degli York, la sua popolarità stava rapidamente declinando. Si veda: (EN) Archbishop John Kemp (1380?-1454) su luminarium.org, Anniina Jokinen., 24 maggio 2012. URL consultato l'8 giugno 2015.
  60. ^ Jack Cade venne catturato e ucciso quattro giorni dopo che i ribelli avevano lasciato Londra.
  61. ^ La battaglia avvenne il 17 luglio e K.O'Morgan in Storia dell'Inghilterra, cit., p. 179, scrive: «Tre settimane dopo Castillon, egli [Enrico VI] subì un collasso psicofisico...», mentre su archontology viene riportato che già a luglio Enrico subì una delle sue prime numerosi crisi di follia: «In July 1453 the king's health collapsed and he suffered the bouts of insanity».
  62. ^ Sulla paternità di Edoardo di Lancaster (o di Westminster, in base alla località ove nacque) sono stati avanzati dei dubbi. Giravano delle voci, infatti, che il bambino non fosse il figlio di Enrico VI, ma di Somerset: «Rumours abounded, fed by the Yorkist faction, that the child was not the feeble minded king's but Somerset's, all of which threw more fuel on the fires of discontent». Vedi: (EN) Edward of Westminster, Prince of Wales, English Monarchs, 2004 - 2005. URL consultato il 5 giugno 2015.
  63. ^ Richard Neville, Earl of Warwick su Luminarium Encyclopedia Project, basato sull'Encyclopedia Britannica del 1910. URL consultato il 6/04/2015S.
  64. ^ Edmund Beaufort, II duca di Somerset, fu tenuto in prigionia nella torre di Londra per proteggerlo dai seguaci di Riccardo di York.
  65. ^ a b Alfredo Bosisio, Il Basso Medioevo in La storia universale, p. 279.
  66. ^ (EN) Philip A. Haigh, Origins of the Wars of the Roses, WarsOfTheRose.com. URL consultato il 5 giugno 2015.
  67. ^ a b C. L. Kingsford, Edward IV su Luminarium Encyclopedia Project, basata sull'Encyclopedia Britannica del 1910. URL consultato l'8/04/2015.
  68. ^ Per la genealogia, vedi qui
  69. ^ (EN) First St. Albans - 22 May 1455, WarsOfTheRose.com. URL consultato il 5 giugno 2015.
  70. ^ a b c d Richard, duke of York su Luminarium Encyclopedia Project, basata sul The Dictionary of English History del 1910. URL consultato il 6 aprile 2015.
  71. ^ (EN) Timeline, WarsOfTheRose.com. URL consultato il 5 giugno 2015.
  72. ^ K. O'Morgan, Storia dell'Inghilterra, p. 180.
  73. ^ (EN) Northampton - 10 July 1460, WarsOfTheRose.com.. URL consultato il 5 giugno 2015.
  74. ^ (EN) Wakefield - 30 December 1460, WarsOfTheRose.com. URL consultato il 5 giugno 2015.
  75. ^ (EN) Mortimer's Cross - 2 February 1461, WarsOfTheRose.com. URL consultato il 5 giugno 2015.
  76. ^ a b Si consulti la biografia di Margherita d'Angiò qui, URL consultato il 05 aprile 2015.
  77. ^ a b Alfredo Bosisio, Il Basso Medioevo in La Storia Universale, p. 280.
  78. ^ (EN) Ian Dawson, Enquiring History: The Wars of the Roses: England 1450-1485, Hachette, Hodder Education, 2012, ISBN 978-1444144482. URL consultato il 6 giugno 2015.
  79. ^ a b c d e (EN) Henry VI, findagrave.com, 1 gennaio 2001. URL consultato il 20 giugno 2015.
  80. ^ (EN) Clare Rider, Richard III and St George’s Chapel, 21/05/2013. URL consultato l'8/04/2015.
  81. ^ a b c d e f J.N.W. Bos, Biography of Henry VI, 2009-2011. URL consultato l'8 aprile 2015.
  82. ^ M.R. James, Henry the Sixth, a reprint of John Blacman's memoir, Cambridge, University Press, 1919. URL consultato il 5 giugno 2015.
  83. ^ Solamente una volta, in occasione della rivolta di John Cade del 1450, Enrico indossò l'armatura per mostrare il suo coraggio (vedi qui).
  84. ^ a b c Enid Davies, Lilies and Roses for a King, 4/02/2010. URL consultato l'8/04/2015.
  85. ^ Findings: Henry VI: parts one and two, timeshighereducation, 18 ottobre 2002. URL consultato il 5 giugno 2015.
  86. ^ Jeffrey A. Lieberman, T. Scott Stroup e Diana O. Perkins (a cura di), The American Psychiatric Publishing Textbook of Schizophrenia, Arlington, American Psychiatric Pub, 2007, p. 7, ISBN 1-58562-191-9. URL consultato il 5 giugno 2015.
  87. ^ (EN) Rev. T.A. Walker, XV. English and Scottish Education. Universities and Public Schools to the Time of Colet. 13. Henry VI, Eton and King’s College. in A.W. Ward, A.R. Waller, W.P. Trent, J. Erskine, S.P. Sherman, and C. Van Doren (a cura di), The Cambridge History of English and American Literature, vol. 2, G.P. Putnam’s Sons - Cambridge, New York - University Press, 1907–21, ISBN 1-58734-073-9. URL consultato il 5 giugno 2015.
  88. ^ A brief history of Eton College. URL consultato l'8/04/2015.
  89. ^ E.C. Fernie-Paul Crossley (a cura di), Medieval Architecture and Its Intellectual Context, p. 210. URL consultato l'8/04/2015.
  90. ^ La figlia di Beauchamp, Anne, sposò poi proprio Richard Neville, il XVI conte di Warwick (vedi nota 5 sulla Biography of Henry VI).
  91. ^ Enrico, in un documento chiamato Will of King Henry VI del 1448, aveva delineato il progetto della fondazione di una cappella nel college di Cambridge. Vedi qui, a pagina 215.
  92. ^ (EN) George Saintsbury., VIII. The English Chaucerians. 1. Lydgate. in A.W. Ward, A.R. Waller, W.P. Trent, J. Erskine, S.P. Sherman, and C. Van Doren (a cura di), The Cambridge History of English and American Literature, 2. The End of the Middle Ages, New York - Cambridge, G.P. Putnam’s Sons - University Press, 1907-1921, ISBN 1-58734-073-9.. URL consultato il 5 giugno 2015.
  93. ^ Edmondo fu il padre di Enrico Tudor, futuro re d'Inghilterra.
  94. ^ (EN) Richard III Characters, PlayShakespeare.com. URL consultato il 6 giugno 2015.
  95. ^ Riccardo III - Atto V, scena III: «When I was mortal, my anointed body / By thee was punched full of deadly holes / Think on the Tower and me: despair, and die! / Harry the Sixth bids thee despair, and die!». Traduzione: «Quando ero un mortale, il mio corpo consacrato / da costui fu trafitto appieno di ferite mortali / Pensa alla Torre e a me: dispera, e muori! / Enrico VI ti augura di disperare, e di morire!»
  96. ^ (EN) King Henry VI (Character) su http://www.imdb.com. URL consultato il 6 giugno 2015.
  97. ^ (EN) Golden Rose, Kevin Knight, 2012. URL consultato il 20 giugno 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re d'Inghilterra Successore Royal Standard of England (1406-1603).svg
Enrico V 1422-1461
1470-1471
Edoardo IV
Predecessore Signore d'Irlanda Successore Banner of the Lordship of Ireland.svg
Enrico V 1422-1461
1470-1471
Edoardo IV
Predecessore Re di Francia Successore Royal Standard of the King of France.svg
Carlo VI 1422-1453 Carlo VII
Predecessore Duca d'Aquitania Successore Flag of Aquitaine.svg
Enrico V 1422-1449 Carlo VII di Francia
Controllo di autorità VIAF: (EN96926832 · LCCN: (ENn80057239 · ISNI: (EN0000 0000 7100 6013 · GND: (DE118548190 · BNF: (FRcb13182404c (data)