Enrico Turolla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Enrico Turolla (Venezia, 11 ottobre 1896Venezia, 2 gennaio 1985) è stato un grecista, latinista, filologo classico, traduttore e accademico italiano, tra i più insigni nella storia degli studi classici del Novecento.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque da Vincenzo e Beatrice Miani. S'iscrisse all'Università degli Studi di Padova, poi combatté come ufficiale di fanteria nella Prima Guerra Mondiale, e si laureò nel 1921 all'Istituto di Studi Superiori di Firenze con Ermenegildo Pistelli. Insegnò nei licei a Venezia e Rovigo, poi al Liceo Parini di Milano (1926-1931) e al Liceo Foscarini di Venezia (1931-1950). Libero docente dal 1932 all'Università di Padova, insegnò dal 1938 al 1954 Lingua e letteratura latina presso l'Istituto Universitario Ca' Foscari di Venezia. Dal 1954 al 1966 fu professore ordinario di Letteratura latina e di Filologia bizantina all'Università degli Studi di Catania (prima cattedra della materia), e dal 1961 al 1967 di Letteratura greca e di Filologia bizantina all'Università degli Studi di Genova. Si occupò, tra gli altri, di Platone, Orazio, Lucrezio, Marco Aurelio, Virgilio, Sofocle, Pascoli, Omero, Aristotele, Proclo. Dionigi l'Areopagita, Rosmini.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Chi è? Dizionario degli italiani d'oggi, A.F. Formìggini Editore, Roma, 1928, p. 465.
  • E. Degani, La filologia greca nel secolo XX in Italia, in AA.VV, La filologia greca e latina in Italia nel secolo XX. Atti del Congresso Internazionale, Roma, 17-21 settembre 1984, Giardini, Pisa 1989, pp. 1065-1140 (=E.D., Filologia e storia. Scritti di Enzo Degani, Olms, Hildesheim 2004, pp. 1046-1137), p. 1120 (1101) n. 53.
  • A. Traina, L'Orazio di Enrico Turolla: un momento della critica oraziana in Italia, in E. Turolla, Studi oraziani, a cura di D. Zammattio, Hakkert, Amsterdam 2000, vii-xix (= A. T. , La lyra e la libra, Tra poeti e filologi, Pàtron, Bologna 2003, pp. 117-132), con bibliografia (e nota biografica di D.Z. a p. 245).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79185046 · ISNI (EN0000 0001 0919 2473 · SBN IT\ICCU\RAVV\027164 · LCCN (ENno2001013461 · GND (DE117753904 · BNF (FRcb14477316r (data) · BAV ADV10081221 · WorldCat Identities (ENno2001-013461