Enrico Reycend

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Enrico Reycend (Torino, 3 novembre 1855Torino, 21 febbraio 1928) è stato un pittore italiano.

Biografia e opere[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Torino il 3 novembre 1855; qui frequentò l'Accademia Albertina ed ebbe la possibilità di seguire le lezioni di artisti come Lorenzo Delleani e Antonio Fontanesi. Affinò la propria formazione pittorica grazie ad una serie di soggiorni parigini; fu in particolare colpito da Corot, che ne influenzò la produzione successiva.
Cominciò ad esporre non ancora ventenne al Circolo degli Artisti di Torino inaugurando una carriera pittorica di grande successo ed estremamente produttiva, che lo vide presente alla principali mostre nazionali ed internazionali. Nel 1902 fondò la rivista L'arte decorativa moderna con Davide Calandra, Leonardo Bistolfi, Giorgio Ceragioli ed Enrico Thovez. Tra i suoi committenti particolare importanza ebbe la famiglia reale, ed alcune delle sue opere furono acquistate da Umberto I e da Vittorio Emanuele III.
Morì nella sua città natale il 21 febbraio 1928[1].

Enrico Reycend nei musei[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA.VV. La Nuova enciclopedia dell'arte, Garzanti, 1997

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN96036181 · ULAN (EN500053514