Enrico Pranzini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Enrico Pranzini, francesizzato in Henri-Jacques Pranzini e conosciuto anche con il soprannome di "le Chéri magnifique" (Alessandria d'Egitto, 1856Parigi, 31 agosto 1887), è stato un criminale francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era di lontane origini italiane ma nato ad Alessandria d'Egitto. Uomo colto e cosmopolita, parlava circa otto lingue; avventuriero, entra nell'esercito dove svolge le funzioni anche di interprete per l'esercito inglese e partecipa alla guerra in Afghanistan. Gli si confaceva una vita libertina e a Parigi, dove era giunto insieme ad un suo amico svedese che faceva il pittore, frequentava volentieri gli ambienti artistici. Uomo d'azione, trafficante con la passione per il gioco, finì per indurlo a frequentare gli ambienti della piccola delinquenza, fino a che un giorno il destino lo farà incontrare con le sue tre vittime: Marie Régnault, che si faceva chiamare Régine de Montille, originaria di Chalon, da taluni descritta come donna di facili costumi, aveva abbandonato la provincia per andare a Parigi con la speranza di fare fortuna, la sua domestica Annette Gremeret, e la sua figlia illegittima Marie-Louise, che faceva passare per la figlia della domestica.

La vicenda del Pranzini e delle tre donne trovò il suo epilogo drammatico presumibilmente nella notte tra il 16 e il 17 marzo 1887 con il triplice omicidio avvenuto al numero 17 di via Montaigne a Parigi; la pressoché immediata cattura il 21 marzo a Marsiglia del presunto assassino; il rapido processo, la condanna e la susseguente esecuzione del Pranzini nel giro di un mese, il 31 agosto.

Il delitto di due donne di 40 e 38 anni, Marie et Annette, e di una ragazzina di 12, Marie, tutte nella stessa abitazione, ha una vasta eco sia sulla stampa locale, in Francia, che all'estero.

Gli inquirenti, da parte loro, accertano solo la scomparsa di alcuni gioielli di poco valore e una piccola somma di danaro, ma infine seguendo le sue tracce arrestano a Marsiglia il seguente 21 marzo il trentunenne Pranzini, che continuerà a dichiararsi innocente, anche con un fare insolente e di disprezzo per gli accusatori, sino alla fine.

Il processo si svolse dal 9 al 13 luglio 1887.

L'esito del processo fu abbastanza scontato, e venne così condannato alla ghigliottina. L'esecuzione avvenne il 31 agosto seguente.


Bibliografia

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie