Enrico Paribeni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Enrico Paribeni (Roma, 4 settembre 1911San Casciano in Val di Pesa, 4 ottobre 1993) è stato un archeologo e accademico italiano.

Figlio di Roberto Paribeni, insegnò come professore di Archeologia e Storia dell'arte greca e romana all'Università di Firenze dal 1964 al 1981 e si dedicò come principale attività allo studio dell'arte greca, soprattutto nell'ambito della scultura e della ceramiche. Rivelò una straordinaria attenzione all'approfondimento degli aspetti artistici e stilistici.[1] Fu ispettore delle antichità in vari luoghi, quali Cirenaica (nel 1937), a Firenze (tra il 1937 e il 1939) e a Roma (a partire dal 1939). Collaborò con l'enciclopedia dell'Arte Antica Classica e Orientale diretta da Ranuccio Bianchi Bandinelli.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo Nazionale Romano. Le sculture greche del V secolo (1953)
  • Catalogo delle sculture di Cirene (1959)
  • Catalogo dei marmi antichi del palazzo Rondinini di Roma (in L. Salerno, Palazzo Rondinini, 1964)
  • L'arte dell'antichità classica. I. Grecia (con R. Bianchi Bandinelli, 1976).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enrico Paribeni, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
Controllo di autoritàVIAF (EN41920717 · ISNI (EN0000 0000 6124 2530 · SBN IT\ICCU\CFIV\027997 · LCCN (ENn80104081 · GND (DE12066304X · BNF (FRcb12379951z (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie