Enrico Nascimbeni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enrico Nascimbeni
Enrico Nascimbeni 1.jpg
Enrico Nascimbeni
NazionalitàItalia Italia
Periodo di attività musicale1977 – in attività
Album pubblicati9
Studio9
Sito ufficiale

Enrico Nascimbeni (Verona, 20 novembre 1959) è un cantautore, giornalista, scrittore e poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomatosi al liceo classico Beccaria, stringe un'amicizia con Roberto Vecchioni e collabora con lui in vari brani tra i quali Vincent e L'ultima notte di un vecchio sporcaccione interpretata con Vecchioni durante il Premio Tenco nell'edizione del 2003 che gli è valso il premio della critica assegnato da una giuria presieduta da Fernanda Pivano.

Dopo due lauree in Lettere Moderne e Filosofia, inizia la propria carriera come giornalista nel 1985 seguendo le orme del padre Giulio Nascimbeni. Ha collaborato con Corriere d'Informazione e il Corriere della Sera ed ha lavorato stabilmente per Il Giorno, L'Arena, L'Indipendente, Studio Aperto, Verissimo e Sette. Nel 2000 per La 7 Gold ha condotto una trasmissione sportiva e un programma di intrattenimento pomeridiano in diretta della durata di quattro ore. Si è occupato di cronaca nera, di cronaca giudiziaria e di guerre seguendo, in particolare, l'inchiesta di Mani Pulite, intervistando per l'occasione Bettino Craxi ad Hammamet. Su questa vicenda ha scritto per la Mondadori, con Andrea Pamparana, il libro Le mani pulite. È stato nominato inviato speciale durante la guerra dei Balcani a Sarajevo. Precedentemente aveva seguito in loco la guerra in Libano. È stato anche inviato di guerra a Kabul in Afghanistan. Collabora con La Stampa e All Music Italia. Nel 2015 ha curato per un anno la collana letteraria Le due anime per la casa editrice Rupe Mutevole.

Dal 2001 riprende a fare il cantautore e a scrivere canzoni per altri artisti. Nascimbeni ha scritto brani per e con Tom Waits, Leonard Cohen, Joaquin Sabina, Suzanne Vega, Roberto Vecchioni, Paola Turci, Mango, Francesco Baccini, Mietta, Marco Carta.

Tra i suoi concerti più famosi quello del 1979 con Peter Hammil dei Van der Graaf Generator al Palalido di Milano.

Nel 2003 vince il Premio della Critica al Club Tenco con Roberto Vecchioni e partecipa come autore al Festival di Sanremo con il testo di "Chiama di notte" degli Allunati.

Nel 2009 vince la classifica annuale iTunes Rewind come primo artista italiano con l'album "Uomini sbagliati" (Emi Penthar-Mizar) davanti a lui gli U2 e Michael Jackson. E per lui arrivano disco d'oro e disco di platino.

Nel 2010 compare nella classifica annuale di iTunes Rewind è nei primi dieci artisti che hanno venduto di più. E' al secondo posto con l'album "Il serpente tonto" (Emi Penthar-Mizar) e al sesto posto con l'album "Hotel Costarica 1983" (Warner ). E arriva per lui il secondo disco d'oro.

Nel 2016 vince in Venezuela quello che viene definito "Il piccolo Nobel del Sudamerica" cioè il premio Simon Bolivar per il suo impegno artistico e sociale. Che Nascimbeni rifiuta in contrasto con la dittatura del presidente venezuelano Maduro e con la giuria formata da giornalisti e uomini di cultura seguaci e sostenitori dell'ex presidente Chavez e di Maduro, Viene poi insignito del Premio "Amico del Popolo Rom" per il suo impegno attivo contro tutti i razzismi e del "Premio Internazionale Phralipe", destinato ad enti, organizzazioni o persone che esprimono disinteressatamente la loro solidarietà verso il popolo Rom. Dal novembre 2016 si occupa della comunicazione dell'Associazione laica Saman fondata da Mauro Rostagno per il recupero delle tossicodipendenze, reinserimento nel tessuto sociale degli ex carcerati e tutela e sostegno delle donne che hanno subito violenze.

Dal marzo 2017 Enrico Nascimbeni ha assunto la direzione della testata web "Border On Line" del gruppo Saman, un mese dopo cura la collana editoriale "L'uomo delle luci" per la casa editrice Il Leggio. Il 20 giugno 2017 riceve il Premio "Arte e spettacolo" e "Premio giornalismo e impegno civile".

Enrico Nascimbeni è Ambasciatore dell'UNICEF.

Enrico Nascimbeni è' stato nominato Commendatore della Repubblica dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano durante il governo Monti.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Nascimbeni, Il Tropico del Ricordo, [ Bompiani], 1989.
  • Enrico Nascimbeni, Andrea Pamparana, Le mani pulite. L'inchiesta di Milano sulle tangenti, [Arnoldo Mondadori Editore], 1992
  • Enrico Nascimbeni, Non-Poesie - L'amore ai tempi di Myspace , [Edizioni Paradisi di Carta], 2009
  • Enrico Nascimbeni, Generazione meno X - Ricordi e deliri di un cinquantenne (Edizioni Rupe Mutevole) - 2011
  • Enrico Nascimbeni, "Il non-amore ai tempi di Facebook" (Edizioni Rupe Mutevole) - 2012
  • Enrico Nascimbeni, "Normalmente anormale" (Edizioni Rei) - 2013
  • Enrico Nascimbeni, "Il collezionista di biglie di vetro" (Edizioni Divinafollia) - 2013 - Presentato al Salone Internazionale del Libro di Torino 2014
  • Enrico Nascimbeni - "Sognando di vivere a trecento all'ora su una macchinina a pedali" (Edizioni Rupe Mutevole) - 2014 - Presentato alla Fiera Internazionale del Libro di Francoforte
  • Enrico Nascimbeni ha curato dal novembre 2014 al 31 dicembre 2015 per la casa editrice Rupe Mutevole la collana di prosa e poesia Le due anime.
  • Enrico Nascimbeni pubblica "Senza titolo" (Adelphi). 2016
  • Enrico Nascimbeni pubblica " Ho scelto di sbagliare" ( Il leggio). 2017

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]