Enrico Carmassi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Enrico Carmassi (La Spezia, 1897Torino, 1975) è stato uno scultore italiano.

Sviluppata molto precocemente la passione per il disegno, ha l'opportunità di frequentare a Spezia lo studio di Angiolo Del Santo che lo incoraggia ad iscriversi all'Accademia di Belle Arti di Carrara.

Le scarse risorse e lo scoppio della guerra lo costringono ad abbandonare gli studi d'arte nel 1915 per aiutare la famiglia. È chiamato alle armi nel 1917 e vi rimane fino al termine del conflitto. Tornato alla vita di civile, s'immerge nel vivace ambiente culturale di cui Spezia è ricca nel dopoguerra. I circoli culturali cittadini lo trovano sostenitore di un'arte svincolata dai canoni accademici e libera di esprimere una propria mobilità d'ispirazione.

Nel 1922 apre un proprio studio a La Spezia in via dei Mulini. Pur riconoscendosi non completamente preparato a causa degli studi forzatamente interrotti si sforza di elaborare un proprio linguaggio esente da trionfalismi e formalismi accademici.

Aderisce al movimento futurista, pur conservando la propria autonomia di espressione.
La fine degli anni Venti vede la sua attività di scultore raggiungere il massimo del consenso e di successo critico. Per il nuovo teatro spezzino Monteverdi esegue le statue delle Muse ed i fregi a decorazione della facciata ed i mascheroni per il proscenio.

Espone a Milano, Genova e a La Spezia. Nel 1934 espone La donna elica alla Biennale di Venezia e, per due volte, è invitato alle Quadriennali di Roma ( Sesta e Ottava, ove espone, rispettivamente, Ragazzo e Frammento ).

Negli anni Trenta lo troviamo attivo anche nel campo della critica d'arte. Importante è poi il suo contributo alla creazione, con Fillia e Marinetti, del più prestigioso evento pittorico spezzino dal 1934 al 1940 e oltre: il Premio di pittura Golfo della Spezia, facendo parte della giuria del medesimo insieme a Maraini e Casorati.

Lo scoppio della seconda guerra mondiale comporta bombardamenti e distruzioni alla Spezia: il suo studio è ripetutamente colpito con la distruzione dei suoi lavori. Nel 1944 sposa Tullia Socin, pittrice trentina che aveva conosciuto in occasione del Premio di pittura spezzino; la coppia condivide a La Spezia lo studio e il lavoro.

Una rappresaglia di soldati nazisti porta alla distruzione dello studio. Decide allora di trasferirsi a Castellamonte in provincia di Torino, per dirigervi la locale Scuola d'Arte. Dopo il pensionamento, nel 1958 si trasferisce definitivamente a Torino continuando a svolgere un proficuo lavoro, non solo scultoreo, ma anche di grafica e di ceramica che espone in ripetute occasioni a Torino, Biella Vercelli a Ivrea e ancora a La Spezia.
Muore improvvisamente a Torino nel novembre 1975.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • La Spezia, cimitero, Esedra ai Caduti di Pagliari
  • La Spezia, cimitero, vari rilievi funerari
  • Monumento a Cesare Battisti, La Spezia
  • Monumento a Nazario Sauro, La Spezia
  • Monumento ai Caduti di Ceparana
  • Monumento ai Caduti di Corniglia
  • Statue per la Chiesa di S.Andrea e S. Cipriano, La Spezia
  • La Spezia, Stadio Alberto Picco, Statue di atleti

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie