Enrico-Francesco di Foix-Grailly-Candale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Enrico-Francesco di Foix-Grailly-Candale
vescovo della Chiesa cattolica
François de Foix-Candale.png
TitoloVescovo di Aire
 
Nato1512
Deceduto1594
 

Enrico-Francesco di Foix-Grailly-Candale (15121594) è stato un vescovo cattolico francese.

Appartenente a un ramo della famiglia dei conti di Foix, era figlio di Gastone III di Foix-Candale[1] e di Françoise de la Rochefoucauld.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Successe al fratello Cristoforo di Foix nella titolarità della sede vescovile di Aire, che mantenne dal 1570 al 1594 e fu Captal de Buch dal 1572 al 1587, come tutore dei nipoti, figli di Enrico di Foix-Grailly-Candale.

Egli riacquistò le terre di Cadillac e di Benauges per lasciarle in godimento al cugino Federico di Foix-Grailly-Candale.

Il 21 luglio 1591 fondò la cattedra di matematica presso l'Università di Bordeaux, dotandola di una pensione di 2000 scudi. Il titolare della medesima venne reclutato mediante concorso pubblico nel quale doveva esporre e risolvere due congetture di geometria. Il prelato acquisì un immobile per fornire vitto ed alloggio gratuiti agli studenti bisognosi. Spirito universalista, egli tradusse dal greco il Pimander, parte del Corpus Hermeticum di Ermete Trismegisto, che pubblicò nel 1579, [2], e pubblicò un commento e traduzione degli Elementi di Euclide.[3]

Scrisse inoltre un trattato sull'Eucaristia. Inventò numerose macchine, fece esperimenti di chimica e ideò un elisir noto con il nome di "acqua di Candale".

Precursore dell'alpinismo, tentò di scalare la vetta del Midi d'Ossau.[4]

Alla morte, lasciò in legato agli agostiniani la sua ricca biblioteca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Gallica
  2. ^ (FR) Gallica
  3. ^ Candale, François de Foix conte di, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  4. ^ (FR) Revue Pyrenées[collegamento interrotto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56867562 · ISNI (EN0000 0000 7997 4326 · LCCN (ENnr93001576 · GND (DE104348089 · BNF (FRcb146345539 (data) · CERL cnp01019087 · WorldCat Identities (ENnr93-001576
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie