Enrichetto Virginio Natta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Enrichetto Virginio Natta, O.P.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Template-Cardinal (Bishop).svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Alba (1750-1768)
 
Nato10 gennaio 1701 a Casale Monferrato
Ordinato presbitero15 giugno 1726
Nominato vescovo22 luglio 1750 da papa Benedetto XIV
Consacrato vescovo25 luglio 1750 dal cardinale Carlo Alberto Guidobono Cavalchini
Creato cardinale23 novembre 1761 da papa Clemente XIII
Deceduto29 giugno 1768 (67 anni) ad Alba
 

Enrichetto Virginio Natta (Casale Monferrato, 10 gennaio 1701Alba, 29 giugno 1768) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo di dieci figli di Gerolamo e Luciana Matilde Ignazia Pelletta Mesturelli, Raffale Francesco Natta nacque a Casale Monferrato il 10 gennaio 1701.

Il padre, rimasto vedovo, ed uno dei fratelli entrarono nell'ordine domenicano. Anche Raffale Francesco, compiuti gli studi primari, entrò nell'ordine di san Domenico, assumendo il nome religioso di Enrichetto Virginio. Ottenne il titolo di magister in teologia il 9 marzo 1747.

Fu ordinato sacerdote il 15 giugno 1726. Teologo consultore dell'Inquisizione di Modena, professore di teologia all'università di Torino nel 1739, divenne provinciale di Lombardia del suo ordine.

Il 22 luglio 1750 fu eletto vescovo di Alba; ricevette la consacrazione episcopale dalle mani del cardinale Carlo Alberto Guidobono Cavalchini il 25 luglio 1750 nella chiesa dei Santi Domenico e Sisto a Roma.

Fu creato cardinale-presbitero da papa Clemente XIII nel concistoro del 23 novembre 1761. Tuttavia, non si recò mai a Roma per l'assunzione del titolo cardinalizio.

Morì il 29 giugno 1768 ad Alba. I suoi resti riposano nella cattedrale cittadina.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89117562 · ISNI (EN0000 0001 1937 393X · GND (DE1011827379 · CERL cnp01287370