Ennio Quirino Visconti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ennio Quirino Visconti

Ennio Quirino Visconti (Roma, 1º novembre 1751Parigi, 7 febbraio 1818) è stato un archeologo, politico e museologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il figlio del prefetto pontificio per le antichità Giovanni Battista Antonio Visconti.

Collaborò con il padre per l'edizione di un catalogo per la collezione del Museo Pio-Clementino. In seguito proseguì da solo l'opera del padre e divenne conservatore dei Musei Capitolini di Roma e console della Repubblica romana del 1798-1799.

Nel 1799 andò a Parigi come rifugiato politico, e divenne curatore delle antichità al Louvre. Nel 1803 divenne professore e membro dell'Institut de France.

Si occupò di iconografia greca e di plastica romana. Scrisse anche il primo volume sulla iconografia romana che per molti anni ha costituito il punto di riferimento sull'argomento. I rimanenti tre volumi furono pubblicati, dopo la sua morte, fino al 1826.

Suo figlio fu l'architetto francese Louis Visconti.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Iconographie grecque (1808)
  • Primo volume di Iconographie romaine (4 vol., 1817–26), terminato da Antoine Mongez

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

All'archeologo repubblicano è stato intitolato l'omonimo liceo classico, il più antico di Roma. A lui è dedicato uno dei 229 busti di italiani illustri che ornano la passeggiata del Pincio a Roma.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12366161 · ISNI (EN0000 0000 6630 8789 · SBN IT\ICCU\SBLV\222931 · LCCN (ENn2001060774 · GND (DE117437093 · BNF (FRcb12259585k (data) · BAV ADV10246834 · CERL cnp00917690 · WorldCat Identities (ENn2001-060774