Ennio Fiaschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ennio Fiaschi
Como Calcio 1979-1980.jpg
Fiaschi (in piedi, primo da sinistra) nel Como della stagione 1979-1980
Nazionalità sportiva Italia Italia
Altezza 178 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista, attaccante
Ritirato 1982
Carriera
Giovanili
Saviglianese
Squadre di club1
1964-1965 Saviglianese ? (?)
1965-1967 Cuneo 60 (23)
1967-1969 Novoli 51 (20)
1969-1974 Lecce 161 (41)
1974-1975 Vigevano 36 (16)
1975-1976 Novara 35 (9)
1976-1978 Verona 40 (4)
1978-1980 Como 44 (8)
1980-1982 Rhodense 59 (12)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ennio Fiaschi (Uliveto Terme, 2 ottobre 1945) è un ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista o attaccante.

Giocava anche nel ruolo di ala.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Toscano d'origine, Fiaschi si trasferì sin da adolescente al Nord, dove trovò lavoro alla Fiat come tornitore. In quel periodo iniziò a dare i primi calci al pallone a livello dilettantistico nel Savigliano. Passò al Cuneo per poi trasferirsi in Puglia nel Novoli, sempre conciliando sport e lavoro.

Il primo salto di qualità della sua carriera avvenne nel 1972-1973, quando venne acquistato dal Lecce dove rimase per tre anni. Anche nel capoluogo salentino continuò a fare il calciatore-lavoratore, svolgendo anche il mestiere di imbianchino.

Dopo una breve parentesi nel Vigevano, conseguì il passaggio al professionismo nelle file del Novara in Serie B. Nell'unica stagione disputata in maglia azzurra scende in campo 35 volte segnando 9 reti.

Nel 1976 venne acquistato dal Verona, con cui esordirà in Serie A, dove verrà utilizzato in un ruolo diverso dall'attacco nel quale il giocatore era abituato, vista l'inamovibilità della coppia d'attacco Gianfranco Zigoni-Livio Luppi. Mise a segno una doppietta contro la Juventus di Zoff nel girone eliminatorio della Coppa Italia 1977-78.

Dopo due campionati in gialloblù, chiusi entrambi con la salvezza degli scaligeri passò al Como ottenendo la promozione dalla Serie C1 alla Serie B. Chiuse la carriera agonistica nella Rhodense in Serie C2 rimanendo nell'ambiente come direttore sportivo.

In carriera ha totalizzato complessivamente 40 presenze e 4 reti in Serie A e 49 presenze e 9 reti in Serie B.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Figurine Gialloblù (Raffaele Tomelleri – Ed. Liederform – anno 2003)

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Como: 1979-1980
Como: 1978-1979
Rhodense: 1980-1981

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]