Ennio Calabria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ennio Calabria (Tripoli, 7 marzo 1937) è un pittore e illustratore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ennio Calabria è un artista ed intellettuale italiano, importante esponente del figurativismo europeo.

Nel 1958 espone la sua prima personale alla galleria "La Feluca" di Roma. Nel 1959 prende parte alle esposizioni della VIII Quadriennale di Roma. A questa prima partecipazione faranno seguito quelle del 1972, del 1986 e del 1999

Nel 1961 fece parte di quella cerchia di artisti (Renzo Vespignani, Ugo Attardi, Fernando Farulli, Piero Guccione e Alberto Gianquinto) che, insieme ai critici d'arte Antonio Del Guercio, Dario Micacchi e Morosini, diedero vita al gruppo denominato Il pro e il contro, punto di riferimento della ricerca nel campo della pittura figurativa.

Nel 1963 una sua opera viene esposta alla mostra Contemporary Italian Paintings, allestita in alcune città australiane[1]. Nel 1963-64 espone alla mostra Peintures italiennes d'aujourd'hui, organizzata in medio oriente e in nordafrica[2].

Nel 1964 prese parte all'Esposizione internazionale d'arte della Biennale di Venezia.

La sua prima antologica si tenne nel 1985 a Milano, presso la Rotonda della Besana; una seconda si terrà nel 1987 a Roma, in Castel Sant'Angelo. A quegli anni risale anche la pubblicazione, presso l'editore Vangelista di Milano, di una monografia a cura di Carandente e Mario De Micheli, di cui uscirà una seconda edizione cui si aggiungerà la collaborazione del critico d'arte Dario Micacchi.

Opere di Ennio Calabria sono conservate in importanti collezioni private e raccolte pubbliche. Tantissime le mostre personali dedicate alla sua opera. Nel 2009 grande successo ha riscosso la mostra "La forma da dentro" tenutasi prima presso la Fondazione Luciana Matalon di Milano poi presso la Villa Paolina Bonaparte di Viareggio.

Nel 2015 prende parte nuovamente all'Esposizione internazionale d'arte della Biennale di Venezia, dove farà parte del collettivo La Grande Bouffe[3].

Ha lavorato come illustratore di racconti, copertine librarie, opere di poesia e oltre 90 manifesti.

Ha partecipato come Presidente e Membro di Giuria in tanti eventi di arte a 360°, come al Concorso Internazionale Premio Massenzio Arte, il Premio Antonio Canova, Connekt Art Expo, il Premio Adelina e tanti altri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Contemporary Italian Paintings, su www.quadriennalediroma.org. URL consultato il 28 febbraio.
  2. ^ Peintures italiennes d'aujourd'hui, su www.quadriennalediroma.org. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  3. ^ Biennale di Venezia 2015, scandali, atmosfera noir e sarcasmo alla mostra Sweet Death, su Il Fatto Quotidiano, 05 maggio 2015. URL consultato il 21 novembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN57412378 · LCCN: (ENn87882237 · SBN: IT\ICCU\CFIV\027011 · ISNI: (EN0000 0000 7860 5211 · GND: (DE118869892 · ULAN: (EN500099411