Ennio Calabria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ennio Calabria (Tripoli, 7 marzo 1937) è un pittore e illustratore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ennio Calabria è un artista ed intellettuale italiano, esponente del figurativismo europeo. Ha lavorato come illustratore di racconti, copertine librarie, opere di poesia e manifesti.

Nel 1958 espone la sua prima personale alla galleria "La Feluca" di Roma. Nel 1959 prende parte alle esposizioni della VIII Quadriennale di Roma. A questa prima partecipazione faranno seguito quelle del 1972, del 1986 e del 1999

Nel 1961 fece parte di quella cerchia di artisti (Renzo Vespignani, Ugo Attardi, Fernando Farulli, Piero Guccione e Alberto Gianquinto) che, insieme ai critici d'arte Antonio Del Guercio, Dario Micacchi e Morosini, diedero vita al gruppo denominato Il pro e il contro, punto di riferimento della ricerca nel campo della pittura figurativa.

Nel 1963 una sua opera viene esposta alla mostra Contemporary Italian Paintings, allestita in alcune città australiane[1]. Nel 1963-64 espone alla mostra Peintures italiennes d'aujourd'hui, organizzata in medio oriente e in nordafrica[2].

Nel 1964 prese parte all'Esposizione internazionale d'arte della Biennale di Venezia.

La sua prima antologica si tenne nel 1985 a Milano, presso la Rotonda della Besana; una seconda si terrà nel 1987 a Roma, in Castel Sant'Angelo. A quegli anni risale anche la pubblicazione, presso l'editore Vangelista di Milano, di una monografia a cura di Carandente e Mario De Micheli, di cui uscirà una seconda edizione cui si aggiungerà la collaborazione del critico d'arte Dario Micacchi.

Nel 2009 si è tenuta la mostra "La forma da dentro" presso la Fondazione Luciana Matalon di Milano e in seguito presso la Villa Paolina Bonaparte di Viareggio.

Nel 2015 partecipa nuovamente all'Esposizione internazionale d'arte della Biennale di Venezia, al padiglione nazionale Guatemala Sweet Death.[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Contemporary Italian Paintings, su www.quadriennalediroma.org. URL consultato il 28 febbraio.
  2. ^ Peintures italiennes d'aujourd'hui, su www.quadriennalediroma.org. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  3. ^ Biennale di Venezia 2015, scandali, atmosfera noir e sarcasmo alla mostra Sweet Death, su Il Fatto Quotidiano, 05 maggio 2015. URL consultato il 21 novembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario De Micheli, Giovanni Carandente, Ennio Calabria , Milano: Vangelista, 1985, 185 pagg.
  • Ida Mitrano, Ennio Calabria. Nella pittura la vita, Bordeaux edizioni, Roma 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN57412378 · LCCN: (ENn87882237 · SBN: IT\ICCU\CFIV\027011 · ISNI: (EN0000 0000 7860 5211 · GND: (DE118869892 · ULAN: (EN500099411