Ennio Appignanesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ennio Appignanesi
arcivescovo della Chiesa cattolica
Ennio Appignanesi.JPG
Archbishop CoA PioM.svg
Nato 18 giugno 1925 a Belforte del Chienti
Ordinato presbitero 8 aprile 1950
Nominato vescovo 20 dicembre 1980 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo 6 gennaio 1981 da papa Giovanni Paolo II
Elevato arcivescovo 3 luglio 1985 da papa Giovanni Paolo II
Deceduto 26 marzo 2015 a Roma

Ennio Appignanesi (Belforte del Chienti, 18 giugno 1925Roma, 26 marzo 2015) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

È nato a Belforte del Chienti il 18 giugno 1925 ma in tenera età si è trasferito a Roma con la famiglia. Ha frequentato prima il Pontificio Seminario Romano Minore, poi il Pontificio Seminario Romano Maggiore ed è stato ordinato presbitero l'8 aprile 1950.[1]

Dal 1959 fino al 1980 è stato parroco di Santa Maria Consolatrice al Tiburtino a Casal Bertone.[2]

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 dicembre 1980 papa Giovanni Paolo II lo ha nominato vescovo ausiliare della diocesi di Lucera e vescovo titolare di Temisonio. Ha ricevuto la consacrazione episcopale il 6 gennaio 1981 da Giovanni Paolo II, co-consacranti Giovanni Canestri e Belchior Joaquim da Silva Neto.

Il 15 settembre 1983 è stato nominato vescovo di Castellaneta.[3]

Il 3 luglio 1985 è stato nominato vescovo ausiliare della diocesi di Roma con l'incarico di vicegerente e arcivescovo titolare di Lorium.[4]

Il 21 gennaio 1988 è stato nominato arcivescovo di Matera-Irsina.

Il 19 gennaio 1993 è stato nominato arcivescovo di Potenza-Muro Lucano-Marsico Nuovo.[3]

Il 9 gennaio 2001 si è ritirato per raggiunti limiti di età.[5]

Il 26 febbraio 2002 è diventato canonico della Patriarcale Basilica Vaticana.

È morto a Roma il 26 marzo 2015 all'età di 89 anni.

Le esequie si sono tenute il 28 marzo alle ore 10 nella Basilica di San Pietro.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ P. Selvadagi (a cura di), p. 9.
  2. ^ La storia della parrocchia, vicariatusurbis.org/santamariaconsolatrice. URL consultato il 31 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2008).
  3. ^ a b S.E. Mons. Ennio APPIGNANESI, seminariomaggioredibasilicata.it. URL consultato il 31 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2013).
  4. ^ Laura Badaracchi, Canonizzazioni: «Quel sorriso di Roncalli», romasette.it, 11 aprile 2014. URL consultato il 31 maggio 2014.
  5. ^ Rinunce e nomine, press.vatican.va, 9 gennaio 2001. URL consultato il 31 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Selvadagi (a cura di), Pontificio Seminario Romano Minore - Sacerdoti ex alunni, Roma, Tipografia Trullo, 2005, ISBN non esistente.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN88896455 · ISNI (EN0000 0000 6223 5826 · GND (DE1149831413 · BAV ADV10174629