Engelberto Maria d'Arenberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Engelberto Maria d'Arenberg

Engelberto Maria d'Arenberg (Salisburgo, 10 agosto 1872Losanna, 15 gennaio 1949) è stato un nobile tedesco, duca non regnante della Casata d'Arenberg.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Engelberto Maria d'Arenberg era nipote di Prospero Luigi d'Arenberg (1785-1861), feudatario del ducato di Arenberg-Meppen, compreso nei territori dell'Hannover dal periodo post-napoleonico. Suo padre, Engelberto Augusto (1824-1875), era stato il suo predecessore al governo del ducato.

Engelberto Maria passò la sua infanzia nel Palazzo di Egmont, a Bruxelles, e fra il Castello di Arenberg a Lovanio e il castello di Enghien a sud-ovest di Bruxelles. Dal 1889 al 1893 fu ufficiale dell'armata prussiana nel 4º reggimento dei corazzieri di Münster, e, dal 1893 al 1896, fu a capo del reggimento di corazzieri d'onore a Berlino.

Nel 1903 si stabilì presso il castello di Nordkirchen, nella regione di Münster. Dal 1909 al 1912 fu parlamentare al parlamento imperiale come deputato della regione di Lüdinghausen-Warendorf-Beckum. Durante la prima guerra mondiale ottenne il comando della VII armata dell'esercito tedesco. Dal 1903 al 1918 il duca fu anche membro del parlamento prussiano, e, dal 1917 al 1919, entrò a far parte del parlamento della provincia di Vestfalia.

Engelberto Maria, al disfacimento dell'Impero Tedesco, si dedicò all'industria fondando, nel 1928, la Arenberg-Meppen GmbH. Dopo un breve soggiorno a Milano si trasferì a Losanna, dove morì nel 1949.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
— 1946
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 1946
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia
— 1946

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Die Arenberger im Emsland, Sögel 2003
  • Franz-Josef Heyen/Hans Joachim Behr (Hrsg.), Die Arenberger. Geschichte einer europäischen Dynastie. Band 2: Die Arenberger in Westfalen und im Emsland, Koblenz 1990.
  • Arenberg-Meppen GmbH (Hrsg.), Arenberg 2003, Aspekte aus 200 Jahren Arenberg-Meppen und 100 Jahren Arenberg-Nordkirchen, Meppen 2003
  • Bernt Engelmann, Das Reich zerfiel, die Reichen blieben, Hamburg 1972, S. 118, 277. (Daten zum Vermögen nach Rudolf Martin: Jahrbuch des Vermögens und Einkommens der Millionäre im Königreich Preußen, Berlin 1913)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Arenbergcenter, su arenbergcenter.com. URL consultato il 1º settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2007).
Controllo di autoritàVIAF (EN35205351 · ISNI (EN0000 0000 0977 9955 · GND (DE116320079
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie