Energica Motor Company

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Energica Motor Company
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione2014 a Modena
Fondata da
  • Livia Cevolini
  • Franco Cevolini
Sede principaleModena
Persone chiave
  • Giampiero Testoni CTO
  • Andrea Vezzani CFO
Settorecasa motociclistica
Prodottimotocicli elettrici
Sito web

Energica Motor Company S.p.A. è un costruttore italiano di motoveicoli elettrici. Il progetto Energica è stato lanciato nel 2010 a Modena, dal CRP Group, un attore internazionale nel campo delle macchine CNC di avanzata tecnologia e stampa 3D con sinterizzazione selettiva laser per fabbricazione additiva. Energica Motor Company S.p.A. è stata fondata ufficialmente nel 2014 con lo scopo di creare motocicli sostenibili ed ad alta performance.

Concezione[modifica | modifica wikitesto]

La concezione di Energica proviene dalla moto eCRP 1.4, che è stata seconda classificata nelle gare di Campionato Mondiale ed Europeo di moto elettriche.[1]

La squadra eCRP concepì in soli 6 mesi una moto elettrica da corsa ad alte prestazioni. Energica beneficia dalla stretta relazione e consulenza con la società madre CRP Group. I primi prototipi di Energica sono stati costruiti usando tecnologie a stampa 3D e F1.[2]

Gare[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 CRP progettò e costruì la eCRP, una moto elettrica da gara. La eCRP 1.0 fu mostrata per la prima volta durante la "Cleaner Racing Conference" a Birmingham il 13 gennario 2010.[3] Fu presentata da Lord Paul Drayson, il precedente Ministro per la Scienza e l'Innovazione britannico, con il sostegno della Motorsport Industry Association.

La eCRP, diversamente da molte altre moto elettriche da corsa del periodo che solitamente erano solo una conversione di una moto a motore tradizionale a combustione interna in veicolo elettrico, è stata creata da zero come vera moto da corsa elettrica, specificamente progettata per l'alimentazione al 100% elettrica. In seguito, nel 2010 la eCRP 1.2 fece il suo debutto made sulla pista di Assen, nella TTXGP EU con il pilota professionista Alessandro Brannetti.[4]

La eCRP 1.2 fu la prima versione da competizione della moto elettrica fatta in CRP. Il 2 e 3 ottobre 2010, la eCRP 1.2 gareggiò nel circuito di Brands Hatch e vinse il titolo di Campionessa Europea TTXGP 2010. La squadra salì sul podio della finale mondiale di Albacete, occupando il secondo posto. Nel 2011 CRP sviluppò una nuova versione della moto da corsa elettrica italiana, la eCRP 1.4.[5] L'uso della Stampa 3D e i materiali innovativi della linea di prodotti Windform rappresentarono uno fase cruciale nella costruzione della moto, portati a termine in collaborazione con CRP Technology. Lo chassis della eCRP 1.4 presentava uno stampo di una struttura in alluminio, forcellone saldato in alluminio e un sistema di sospensioni da gara.

La eCRP 1.4 era anche equipaggiata con un sistema di raccolta dati e sensori con GPS integrato, un nuovo cruscotto da gara, doppio motore a corrente continua e un sistema di raffreddamento integrato. La eCRP 1.4 era particolarmente adatta per le due nuove classi di TTXGP, Formula 75 e Open Formula GP, come ampiamente dimostrato dalla eCRP 1.2.

Dopo due anni di gare, la squadra eCRP cominciò a lavorare alla versione da strada: Energica.

Energica Ego - Energica Eva[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 CRP ha presentato all'EICMA il prototipo funzionante di Energica e nel 2013 ha inaugurato il primo modello di Ego.[6]

Nell'aprile 2014 Ego45, l'edizione di lusso numerata di Energica Ego, è stata svelata al Top Marques a Monte-Carlo.[7] Nel novembre del 2014 CRP ha presentato all'EICMA la nascita delle Energica Motor Company S.p.A. ed Energica Motor Company Inc., la sua divisione statunitense[8]. Contemporaneamente, la neonata azienda ha svelato il secondo modello,[9] Energica Eva.[10]

Lo streetfighter elettrico fu stato mostrato affiancato da 3 configurazioni di Energica Ego: bianco perla opaco, nero opaco e Energica Ego45 Carbone.[11]

Energica Ego e Energica Ego45 sono entrambe in vendita tramite il sito web della società e rivenditori autorizzati negli U.S.A. e in Europa. Energica Eva diventerà disponibile alla vendita dal 2016.

Commercializzazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 Energica Motor Company ha svelato la rete di commercializzazione ufficiale e ha annunciato i primi negozi di Energica negli USA e in Europa.[12]

L'interesse sul progetto Energica è internazionale[13], specialmente in Nord America, dove l'azienda ha riscontrato concrete opportunità di collaborazione sia nei campi commerciale che finanziario.

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

ChargePoint e Energica hanno stabilito una collaborazione per fornire un accesso facile e veloce alle postazioni di carica pubbliche della rete ChargePoint. ChargePoint ha posto la EGO nel suo Programma di Interoperabilità Veicolare (Vehicle Interoperability Program o VIP) per assicurare che il software della moto supporti la carica nella rete ChargePoint e per tutti i caricabatterie standard.

All'inizio del 2015 Energica ha completato il protocollo Europeo di prova per la carica veloce che permette alla Ego di caricare l'80% della batteria in meno di 20 minuti, usando i caricatori da 20kW in CC.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ eCRP 1.4 Electric Racebike to Be Officially Unveiled in Milan this April, su Autoblog, March 2011. URL consultato il 20 gennaio 2015.
  2. ^ Energica Superbike Uses 3D Printing, su 3D Printer Plans. URL consultato il 20 gennaio 2015.
  3. ^ CRP Technology Launches the eCRP Electric Motorcycle for TTXGP and Beyond, su Gas2.org, June 2010. URL consultato il 20 gennaio 2015.
  4. ^ wired.com, https://www.wired.com/2009/12/ttxgp-italy/.
  5. ^ earthtechling.com, http://earthtechling.com/2011/04/crp-racing-unveils-electric-motorcycle/.
  6. ^ In Milan, Fashion on Two Wheels, The New York Times, November 2013. URL consultato il 20 gennaio 2015.
  7. ^ Hannah Elliott, A Different Kind Of Cool: The First-Ever Electric Italian Superbike, Forbes, April 2014. URL consultato il 20 gennaio 2015.
  8. ^ Italian firm offers the Tesla of super-cycles, USA Today, July 2014. URL consultato il 20 gennaio 2015.
  9. ^ Energica Eva – Electrifyingly Naked, Asphalt&Rubber, November 2014. URL consultato il 20 gennaio 2015.
  10. ^ World's First Electric Super Naked: Energica Eva, Eicma 2014, RideApart, November 2014. URL consultato il 20 gennaio 2015.
  11. ^ dujour.com, http://dujour.com/lifestyle/ego-superbike-energica-livia-cevolini-interview/.
  12. ^ Energica Announces First US Dealer, InsidEVs, October 2014. URL consultato il 20 gennaio 2015.
  13. ^ Teslas Are Great, But You Need To Check Out This $68,000 Italian Electric Superbike, su Business Insider, October 2014. URL consultato il 20 gennaio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]