Enéas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il nome proprio di persona, vedi Enea (nome).
Enéas
Eneas de Camargo 1980 2.jpg
Enéas
Nazionalità Brasile Brasile
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Termine carriera 1987
Carriera
Squadre di club1
1971-1980Portuguesa109 (46)
1980-1981Bologna20 (3)
1981Udinese0 (0)
1981-1984Palmeiras93 (28)
1984XV de Piracicaba? (0)[1]
1984-1985Juventude? (0)
1985-1986Atl. Goianiense? (0)
1986-1987Desportiva? (0)[2]
1987Central de Cotia? (0)
Nazionale
1974-1976Brasile Brasile3 (1)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Enéas de Camargo – noto come Enéas – (San Paolo, 18 marzo 1954San Paolo, 27 dicembre 1988) è stato un calciatore brasiliano, di ruolo attaccante.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Attaccante più votato alla rifinitura che alla finalizzazione, Eneas aveva le sue qualità migliori nella proprietà di palleggio, l'abilità nel dribbling e la capacità di creare varchi per i compagni di reparto con i suoi movimenti offensivi lungo tutto il fronte d'attacco[3].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Eneas fu acquistato dal Bologna nel 1980 come seconda punta da schierare al fianco di Salvatore Garritano. Proveniva dal Portuguesa, di cui era considerato uno dei giocatori più rappresentativi.[4]

Dopo un buon inizio di stagione, ebbe difficoltà di adattamento al clima invernale italiano, al punto da essere costretto a scendere in campo con guanti, calzamaglia e berretto. Questi accorgimenti non bastarono, tuttavia, ad evitargli un infortunio che lo costrinse a saltare una dozzina di partite, accentuando ulteriormente il suo disagio, già fortemente evidenziato dalla scarsa vita sociale che conduceva a Bologna e dai problemi familiari con la moglie, sofferente di saudade ancor più di lui[5].

Nella vittoria in trasferta contro la Juventus al Comunale di Torino offrì un'ottima prestazione. Non venne confermato per la stagione successiva e venne ceduto all'Udinese nello scambio con Herbert Neumann.[3] Nella sua carriera in maglia rossoblù collezionò in tutto 20 presenze con 3 gol all'attivo.

L'esperienza in Friuli fu di breve durata: venne ceduto prima dell'inizio della stagione 1981-1982 al Palmeiras.

Chiusa la sua esperienza nella squadra paulista, giocò ancora in varie società minori (Juventude, Atlético Goianiense, Desportiva Ferroviaria, Central de Cotia).

Ritiratosi dall'attività agonistica, intraprese l'attività di marketing e pubbliche relazioni fino alla sua prematura morte, avvenuta il 27 dicembre 1988, all'età di 34 anni, causata dai postumi di un incidente stradale avvenuto il 22 agosto precedente.[6]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Brasile
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
31-3-1974 Rio de Janeiro Brasile Brasile 1 – 1 Messico Messico Amichevole -
7-4-1976 Montevideo Brasile Brasile 1 – 0 Paraguay Paraguay Coppa dell'Atlantico 1
28-4-1976 Rio de Janeiro Brasile Brasile 1 – 1 Uruguay Uruguay Coppa dell'Atlantico -
Totale Presenze 3 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni statali[modifica | modifica wikitesto]

Portuguesa: 1973
Desportiva Capixaba: 1986

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 2+ (2) se si comprendono le partite disputate nel Campionato Paulista.
  2. ^ 5+ (6) se si comprendono le partite disputate nel Campionato Capixaba.
  3. ^ a b Eneas: tra saudade e improbabili calzamaglie: il destino beffardo della meteora che Bologna amò, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 12 luglio 2015.
  4. ^ (PT) Ídolos, acervodalusa.com.br. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  5. ^ Cristian Vitali, Calciobidoni - Non comprate quello straniero, Piano B Edizioni, 2010.
  6. ^ È MORTO ENEAS, GIOCO' NEL BOLOGNA, in la Repubblica, 28 dicembre 1988, p. 30.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN5618150325587510090003