Emtricitabina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Emtricitabina
Emtricitabine skeletal.svg
Nome IUPAC
4-ammino-5-fluoro-1-[(2S,5R)-2-(idrossimetil)-1,3-ossathiolan-5-il]-1,2-diidropyrimidin-2-one
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C8H10FN3O3S
Massa molecolare (u) 247,248
Numero CAS 143491-57-0
Codice ATC J05AF09
PubChem 60877
DrugBank DB00879
SMILES FC=1\C(=N/C(=O)N(C=1)[C@H]2O[C@H](SC2)CO)\N
Dati farmacocinetici
Biodisponibilità 93%
Metabolismo Epatico ossidazione e glucuronidazione
Il sistema CYP450 non è coinvolto
Emivita 10 ore
Escrezione Renale (86%) e fecale (14%)
Indicazioni di sicurezza

Emtricitabina è un potente inibitore nucleosidico della trascrittasi inversa (NRTI).[1][2] Il farmaco viene utilizzato per il trattamento della infezione sostenuta dal virus dell'Immunodeficienza Umana (HIV), negli adulti e nei bambini. È inoltre attivo anche contro l'infezione da HBV.[3] In Italia il farmaco è venduto dalla società farmaceutica Gilead Sciences International Limited con il nome commerciale di Emtriva nella forma farmaceutica di capsule rigide. Emtricitabina è commercializzata dalla stessa società farmaceutica anche in una combinazione a dose fissa con tenofovir disoproxil, con il nome commerciale di Truvada. Infine la molecola è disponibile in una tripla combinazione a dose fissa comprendente 200 mg di emtricitabina, 245 mg di tenofovir disoproxil e 600 mg di efavirenz. Quest'ultima combinazione è venduta in Italia da Bristol-Myers Squibb and Gilead Sciences Limited nella forma farmaceutica di compresse rivestite da film.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La molecola venne scoperta presso la Emory University dal Dr. Dennis C. Liotta, dal dottor Raymond F. Schinazi, e dal dottor Woo-Baeg Choi e concessa in licenza alla società Triangle Pharmaceuticals di Emory nell'anno 1996. Intorno al 2003 la società Triangle Pharmaceuticals venne acquisita da Gilead Sciences per la cifra di 464 milioni di dollari.[4] Gilead ha successivamente completato lo sviluppo della molecola e l'ha commercializzata con il marchio Emtriva.

Farmacodinamica[modifica | modifica wikitesto]

Emtricitabina è un analogo sintetico nucleosidico della citidina. La molecola è metabolizzata all'interno delle cellule, tramite una reazione di fosforilazione, nella forma attiva emtricitabina 5'-trifosfato.[5] Il farmaco interrompe la catena nucleotidica del DNA durante la trascrizione inversa (il processo che tramite l'enzima trascrittasi inversa copia, ad esempio, HIV RNA nel nuovo DNA virale) mostrando attività inibitoria specifica sia nei confronti del virus dell'immunodeficienza umana di tipo 1 e di tipo 2, sia del virus dell'epatite B (HBV). In vitro emtricitabina ha mostrato effetti additivi sinergici in studi di combinazione con altri inibitori della trascrittasi inversa, sia nucleosidici (NRTI) che non-nucleosidici (NNRTI).

Farmacocinetica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo somministrazione orale emtricitabina viene assorbita rapidamente ed ampiamente dal tratto gastrointestinale. La concentrazione plasmatica massima (Cmax) viene raggiunta entro 1-2 ore dalla assunzione.[6] La biodisponibilità assoluta del farmaco può raggiungere il 93%.
La somministrazione della molecola con un pasto ad alto contenuto di grassi non sembra influire in modo significativo sull'assorbimento. Il legame in vitro di emtricitabina con le proteine plasmatiche umane è molto basso (circa il 4%). L'emivita del farmaco è intorno alle 6-10 ore,[6][7] mentre alcuni studi hanno messo in luce che l'emivita intracellulare del metabolita trifosfato nelle cellule mononucleate del sangue periferico può essere addirittura di 39 ore.[8][9]
L'eliminazione avviene prevalentemente per via renale. Nelle urine può essere rinvenuta circa l'86% di una dose somministrata per via orale. Il restante 14% viene invece rinvenuto nelle feci. 14%). Della dose rinvenuta nelle urine circa il 13% è sotto forma di tre metaboliti principali. L'esposizione a emtricitabina è risultata decisamente aumentata in soggetti con insufficienza renale. Quando la clearance della creatinina è inferiore ai 50 ml/min è pertanto necessario procedere ad un aggiustamento della posologia.

Usi clinici[modifica | modifica wikitesto]

Emtricitabina è indicata come parte integrante delle terapie di associazione antiretrovirale nel trattamento sia di soggetti adulti che bambini (di età superiore ai 4 mesi) affetti dalla infezione da virus dell'immunodeficienza umana (HIV).[10][11] Non esistono studi specifici inerenti all'uso di emtricitabina in pazienti che non rispondono più ad un precedente regime terapeutico o in cui precedenti trattamenti siano falliti.
Emtricitabina è attiva anche contro l'infezione da HBV.[12] Tuttavia per il trattamento di pazienti HIV coinfettati con il virus dell'epatite B molti esperti raccomandano una terapia combinata NRTI di tenofovir e emtricitabina od in alternativa di lamivudina. Si sconsiglia in genere di utilizzare un unico antiretrovirale perché ciò potrebbe far aumentare in modo significativo il rischio di HBV resistenza.[13][14]

Dosi terapeutiche[modifica | modifica wikitesto]

Nei soggetti adulti la dose raccomandata di Emtriciabina è di 200 mg, equivalenti ad una capsula rigida, assunti per os, una volta al giorno. Le capsule possono essere assunte indifferentemente con o senza cibo. Nei bambini di più di 4 mesi di età la dose raccomandata di farmaco è pari a 6 mg/kg (fino ad un massimo di 240 mg di soluzione orale) una volta al giorno.[7] Tutti i bambini ed adolescenti che pesano almeno 33 kg e sono in grado di ingoiare la casula rigida dovrebbero assume una capsula rigida da 200 mg, per os, una volta al giorno.[15]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ DD. Richman, Antiretroviral activity of emtricitabine, a potent nucleoside reverse transcriptase inhibitor., in Antivir Ther, vol. 6, nº 2, giugno 2001, pp. 83-8, PMID 11491420.
  2. ^ KA. Modrzejewski, RA. Herman, Emtricitabine: a once-daily nucleoside reverse transcriptase inhibitor., in Ann Pharmacother, vol. 38, nº 6, giugno 2004, pp. 1006-14, DOI:10.1345/aph.1D302, PMID 15121999.
  3. ^ MS. Saag, Emtricitabine, a new antiretroviral agent with activity against HIV and hepatitis B virus., in Clin Infect Dis, vol. 42, nº 1, gennaio 2006, pp. 126-31, DOI:10.1086/498348, PMID 16323102.
  4. ^ Gilead Sciences to Acquire Triangle Pharmaceuticals for $464 Million, gilead.com. URL consultato il 19 novembre 2012.
  5. ^ LM. Bang, LJ. Scott, Emtricitabine: an antiretroviral agent for HIV infection., in Drugs, vol. 63, nº 22, 2003, pp. 2413-24; discussion 2425-6, PMID 14609348.
  6. ^ a b RG. Gish, NW. Leung; TL. Wright; H. Trinh; W. Lang; HA. Kessler; L. Fang; LH. Wang; J. Delehanty; A. Rigney; E. Mondou, Dose range study of pharmacokinetics, safety, and preliminary antiviral activity of emtricitabine in adults with hepatitis B virus infection., in Antimicrob Agents Chemother, vol. 46, nº 6, giugno 2002, pp. 1734-40, PMID 12019083.
  7. ^ a b LH. Wang, AA. Wiznia; MH. Rathore; GE. Chittick; SS. Bakshi; PJ. Emmanuel; PM. Flynn, Pharmacokinetics and safety of single oral doses of emtricitabine in human immunodeficiency virus-infected children., in Antimicrob Agents Chemother, vol. 48, nº 1, gennaio 2004, pp. 183-91, PMID 14693538.
  8. ^ RC. Stevens, MR. Blum; FS. Rousseau; BP. Kearney, Intracellular pharmacology of emtricitabine and tenofovir., in Clin Infect Dis, vol. 39, nº 6, settembre 2004, pp. 877-8; author reply 878-9, DOI:10.1086/423810, PMID 15472830.
  9. ^ JM. Molina, SL. Cox, Emtricitabine: a novel nucleoside reverse transcriptase inhibitor., in Drugs Today (Barc), vol. 41, nº 4, aprile 2005, pp. 241-52, DOI:10.1358/dot.2005.41.4.900219, PMID 16034488.
  10. ^ SM. Hammer, MS. Saag; M. Schechter; JS. Montaner; RT. Schooley; DM. Jacobsen; MA. Thompson; CC. Carpenter; MA. Fischl; BG. Gazzard; JM. Gatell, Treatment for adult HIV infection: 2006 recommendations of the International AIDS Society-USA panel., in JAMA, vol. 296, nº 7, agosto 2006, pp. 827-43, DOI:10.1001/jama.296.7.827, PMID 16905788.
  11. ^ X. Saez-Llorens, A. Violari; D. Ndiweni; R. Yogev; M. Cashat; A. Wiznia; G. Chittick; J. Harris; J. Hinkle; MR. Blum; N. Adda, Long-term safety and efficacy results of once-daily emtricitabine-based highly active antiretroviral therapy regimens in human immunodeficiency virus-infected pediatric subjects., in Pediatrics, vol. 121, nº 4, aprile 2008, pp. e827-35, DOI:10.1542/peds.2006-3078, PMID 18332076.
  12. ^ RG. Gish, H. Trinh; N. Leung; FK. Chan; MW. Fried; TL. Wright; C. Wang; J. Anderson; E. Mondou; A. Snow; J. Sorbel, Safety and antiviral activity of emtricitabine (FTC) for the treatment of chronic hepatitis B infection: a two-year study., in J Hepatol, vol. 43, nº 1, luglio 2005, pp. 60-6, DOI:10.1016/j.jhep.2005.02.017, PMID 15922478.
  13. ^ A. Ala, DT. Dieterich, Editorial comment: HIV and HBV coinfection--a coming-of-age in treatment strategies., in AIDS Read, vol. 14, nº 3, marzo 2004, pp. 134-5, PMID 15068001.
  14. ^ P. Barreiro, L. Martín-Carbonero; J. García-Samaniego, [Hepatitis B in patients with HIV infection]., in Enferm Infecc Microbiol Clin, 26 Suppl 7, maggio 2008, pp. 71-9, PMID 19100234.
  15. ^ C. Giaquinto, O. Rampon; M. Penazzato; F. Fregonese; A.De Rossi; R. D'Elia, Nucleoside and nucleotide reverse transcriptase inhibitors in children., in Clin Drug Investig, vol. 27, nº 8, 2007, pp. 509-31, PMID 17638393.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]