Emmeric de Vattel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Emer (Emmeric, Emerich o Emmerich) de Vattel (Couvet, 25 aprile 1714Neuchâtel, 28 dicembre 1767) è stato un giurista, diplomatico e filosofo svizzero, le cui teorie portarono alla fondazione del moderno diritto internazionale e della moderna filosofia politica.

Nato a Couvet nel principato di Neuchâtel (allora stato indipendente all'interno dell'odierna Svizzera), era uno dei nove figli del pastore protestante David de Vattel e di sua moglie Marie de Montmollin.

Il suo libro più importante fu Le Droit des Gens, pubblicato nel 1758 a Londra. La prima traduzione italiana avvenne nel 1781-83 a Lione col titolo Il diritto delle genti, ovvero Principii della legge naturale, applicati alla condotta e agli affari delle nazioni e de' sovrani. Opera scritta nell'idioma francese dal sig. di Vattel e recata nell'italiano da Lodovico Antonio Loschi. La seconda e ultima edizione italiana fu fatta a Bologna nel 1804-5.

Morì nel 1767 di edema.

Controllo di autorità VIAF: (EN71465252 · LCCN: (ENn82081604 · ISNI: (EN0000 0001 0913 9242 · GND: (DE118767399 · BNF: (FRcb123473578 (data) · NLA: (EN35774828
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie