Emmeline Pankhurst

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emmeline nel 1913 circa

Emmeline Pankhurst, nata Goulden (Moss Side, 15 luglio 1858Hampstead, 14 giugno 1928), è stata un'attivista e politica britannica che guidò il movimento delle suffragette femministe del Regno Unito, aiutando le donne ad ottenere il diritto di voto.

Nel 1999 la rivista statunitense TIME proclamò Pankhurst come una delle "persone più importanti del XX secolo" affermando che ella "ha modellato un'idea di donna per il nostro tempo, ha scosso la società in un nuovo modello da cui non ci sarebbe stata più possibilità di tornare indietro"[1]. All'epoca fu ampiamente criticata per le sue aggressive tattiche di militantismo e gli storici non si trovano ancora d'accordo sulla misura della loro effettiva efficacia e portata, ma il suo lavoro viene riconosciuto come essere stato un elemento cruciale per il raggiungimento del suffragio femminile in Gran Bretagna[2][3].

Nata a Moss Side, Ward (Regno Unito) di Manchester da genitori politicamente attivi, Pankhurst venne presentata all'età di 14 anni al movimento per il suffragio femminile. Il 18 dicembre del 1879 si sposò con Richard Pankhurst, un barrister di 25 anni più anziano che sosteneva il diritto di voto per le donne. Ebbero cinque figli nei seguenti dieci anni. Sostenne le sue attività al di fuori dell'ambito domestico fondando nel 1998 la "Women's Franchise League" riusciendo a coinvolgervi un gran numero di donne, sostenendo il suffragio sia per le donne sposate sia per quelle ancora rimaste nubili.

Quando questa prima organizzazione si sciolse nel 1903 cercò di aderire al "Partito laburista indipendente" attraverso la sua amicizia con l'esponente del socialismo Keir Hardie, ma gli venne inizialmente rifiutata l'adesione dal ramo locale del partito a causa del suo essere una donna. Mentre lavorò come Board of guardians (guardiano amministrativo legale per le classi povere) rimase scioccata dalle dure condizioni che incontrò nelle workhouses ("case di lavoro") del circondario di Manchester.

Nel 1903, cinque anni dopo la morte del marito, fondò la Women's Social and Political Union (WSPU), un'associazione per la promozione del suffragio femminile dedicata ad "azioni, non parole"[4]. Il gruppo si autoidentificò come indipendente da - e spesso in opposizione a - i partiti politici esistenti; divenne presto noto per la sua ricerca di scontri fisici: i suoi membri cominciarono a frantumare le finestre ed aggredirono i funzionari pubblici. Pankhurst, le sue tre figlie e altri attivisti del WSPU ricevettero ripetute sentenze di condanna da scontare in prigione, ove organizzarono uno sciopero della fame in segno di protesta.

Quando la più grande delle sue figlie, Christabel Pankhurst, prese nelle sue mani la direzione esecutiva del WSPU, l'antagonismo tra il gruppo e il governo crebbe ancor più; alla fine il gruppo adottò anche l'incendio come una delle sue tattiche e le organizzazioni più moderate cominciarono a parlare contro la famiglia Pankhurst.

Nel 1913 vennero espulsi alcuni membri illustri dell'associazione, fra i quali le figlie di Pankhurst Adela Pankhurst e Sylvia Pankhurst; Emmeline ne fu talmente infuriata da dare ad Adela un biglietto da 20 sterline ed una lettera di presentazione per alcune suffragette australiane, insistendo fermamente perché emigrasse[5]. Adela rispettò la sua volontà e la rottura con la famiglia non fu mai più risanata. Sylvia divenne invece socialista.

Con l'avvento della prima guerra mondiale Emmeline e Christabel dichiararono immediatamente l'arresto temporaneo dell'attivismo militante sostenendo la posizione del governo di Sua Maestà contro il "pericolo tedesco"[6]. Entrambe si misero così ad invitare le donne a favorire la produzione industriale ed incoraggiaono i giovani a combattere, divenendo figure di spicco all'interno del movimento patriottico delle "piume bianche"[7].

Nel 1918 la "Representation of the People Act 1918" concesse il diritto di voto a tutti gli uomini di età superiore ai 21 anni e alle donne di età superiore ai 30. Questa discrepanza mirava a garantire che gli uomini non diventassero elettori di minoranza in conseguenza dell'enorme numero di decessi avvenuti nel corso della prima guerra mondiale[8].

Pankhurst trasformò nel novembre del 1917 la macchina organizzativa del WSPU nel "Women's Party", dedicato alla promozione della parità femminile all'interno della vita pubblica. Negli anni seguenti ebbe modo di preoccuparsi di ciò che percepiva come la minaccia incombente costituita dal bolscevismo e conseguentemente si unì al Partito Conservatore (Regno Unito). Fu scelta come candidata conservatrice del distretto londinese di Stepney nel 1927[9].

Morì il 14 giugno del 1928, solo alcune settimane prima che la rappresentanza del governo conservatore allargasse il diritto di voto a tutte e donne di età superiore ai 21 anni, il 2 di luglio con la "Representation of the People (Equal Franchise) Act 1928". Fu commemorata due anni dopo con una statua posizionata all'interno dei Victoria Tower Gardens.

Origini familiari e nascita[modifica | modifica wikitesto]

Pankhurst si sentì sempre stettamente collegata all'evento della presa della Bastiglia, raffigurata qui in un dipinto del 1789 di Jean-Pierre Houël, dal momento che credeva che il suo compleanno cadesse proprio il 14 di luglio.

Emmeline Goulden nacque il 15 luglio 1858 nel sobborgo di Moss Side[10] a Manchester. Anche se il suo certificato di nascita dichiara diversamente, credette che il suo compleanno cadesse un giorno prima, l'anniversario della presa della Bastiglia. La maggior parte dell biografie a lei dedicate, comprese quelle scritte dalle sue figlie, ripetono questa affermazione.

Sentendo una forte parentela spirituale con le donne nella rivoluzione francese che attaccarono la Bastiglia (Parigi), ebbe a dichiarare nel 1908: "ho sempre pensato che il fatto di essere nata in quel giorno abbia avuto una qualche influenza sulla mia vita"[11]. La regione della discrepanza rimane a tutt'oggi poco chiara[12].

La famiglia in cui nacque si era trovata immersa nell'agitazione politica per intere generazioni. Sua madre, Sophia Jane Craine (1833 o 37-1910), apparteneva al gruppo etnico dei "Manx" dell'isola di Man e contò tra i suoi antenati uomini accusati di disordini e di calunnie sociali[13]. Nel 1881 l'isola fu il primo paese a concedere alle donne il diritto di voto nelle elezioni nazionali[14][15].

Suo padre, Robert Goulden (nato nel 1830), proveniva da una modesta famiglia di commercianti di Manchester con un proprio "background" di attività politica; sua madre operò con la "Anti-Corn Law League" (movimento finalizzato all'abolizione delle leggi impopolari sul mais), mentre suo padre fu presente al Massacro di Peterloo quando la cavalleria caricò contro la folla che chiedeva la riforma elettorale provocando 11 morti tra i manifestanti[16].

Il loro primo figlio morì all'età di 2 anni, ma i Goulden avevano altri 10 figli, Emmeline era la più anziana di cinque sorelle; la più giovane fu Eva Gertrude Goulden (nata nel 1874). Poco dopo la nascita di Emmeline la famiglia si trasferì a Seedley, Pendleton (Greater Manchester), nella periferia del distretto di Salford, dove suo padre aveva fondato una piccola impresa. Goulden fu attivo nella politica locale, che serviva da diversi anni al consiglio municipale. Fu nche un sostenitore entusiasta di organizzazioni drammatiche come la "Manchester Athenaeum" e la "Dramatic Reading Society". Possedette un teatro a Salford per diversi anni, dove interpretò i ruoli principali in svariate opere di William Shakespeare. Emmeline assorbì l'apprezzamento della drammaturgia teatrale introiettata dal padre e la utilizzò più tardi anche nell'attivismo sociale[17].

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Emmeline nel 1870 circa.

I Goulden inclusero presto i figli nell'attivismo sociale; come membro del movimento per l'abolizionismo negli Stati Uniti d'America, Goulden accols l'abolizionista statunitense Henry Ward Beecher quando questi visitò Manchester. Sophia Jane Goulden usò il romanzo La capanna dello zio Tom - scritto nel 1852 dalla sorella di Beecher Harriet Beecher Stowe - come fonte regolare di storie e racconti durante le feste dei figli e delle figlie. Nella sua autobiografia nel 1914, My Own Story, Emmeline rammentò di aver visitato in giovane età un bazar che raccoglieva fondi da devolvere agli schiavi appena liberati negli Stati Confederati d'America[18].

Emmeline cominciò a leggere libri fin da quando era molto giovane, secondo una fonte all'età di tre anni[19]. Lesse interamente l'Odissea all'età di nove anni ed apprezzò le opere di John Bunyan, in particolare la sua storia del 1678 intitolata Il pellegrinaggio del cristiano[20]. Un altro dei suoi libri preferiti fu il trattato di Thomas Carlyle in tre volumi The French Revolution: A History; disse in seguito che quell'opera "rimase per tutta la mia vita una fonte d'ispirazione"[20].

Nonostante il suo avido consumo di libri ad Emmeline tuttavia non vennero concessi i vantaggi educativi che i suoi fratelli maschi godettero. I suoi genitoi pensavano che le ragazze avvero maggiormente bisogno d'imparare l'arte "di rendere attraente la casa" assieme alle altre abilità desiderate dai potenziali mariti[21]. I Goulden deliberarono attentamente sui piani futuri per l'educazione dei loro figli, ma si attendevano che le figlie sposassero presto dei giovani benestanti che gli facessero evitare il lavoro retribuito[22].

Anche se sostenevano il suffragio femminile e l'avanzamento generale delle donne all'interno della società civile, i Goulden credettero le loro figlie come del tutto incapaci di poter raggiungere gli stessi obiettivi dei loro coetanei maschi. Una sera, mentre suo padre entrò nella sua camera da letto, un'Emmeline febbricitante ed insonnolita lo sentì fermarsi e dire: "peccato che non sia nata maschio"[21].

La suffragetta Lydia Becker costituì un'influenza politica precoce su Pankhurst e potrebbe essere stata anche innamorata di Richard Pankhurst[23].

Fu attraverso l'intersse dei genitori verso il suffragio delle donne che Emmeline venne introdotta per la prima volta all'argomento. Sua madre riceveva e leggeva regolarmente il Women's Suffrage Journal ed Emmeline divenne un'affezionata ammiratrice nei confronti della sua redattrice Lydia Becker. All'atà di 14 anni, tornò un giorno a casa dalla scuola per poter accompagnare la madre ad una riunione pubblica sui diritti di voto femminili; dopo aver appreso che Becker avrebbe parlato, insistette ancor più per potervi partecipare. Emmeline rimase letteralmente affascinata dal discorso di Becker e scrisse più tardi: "ho lasciato quell'incontro come suffragetta consapevole e inveterata"[24].

Un anno dopo arrivò a Parigi per frequentare l'École normale supérieure di Neuilly-sur-Seine; l'istituto forniva ai suoi allievi classi di chimica e contabilità, oltre alle arti tradizionali femminili come il ricamo. Sua compagna di stanza fu Noémie, figlia del marchese Henri Rochefort, che era stato fatto imprigionare in Nuova Caledonia per il sostegno da lui dato alla Comune di Parigi (1871); le ragazze condivisero i racconti dei loro rispettivi genitori sugli sfruttamenti politici e mantennero una forte amicizia durata molti anni[25].

Emmeline rimase talmente appassionata nei confronti di Noémie e della scuola che dopo aver ottenuto il diploma (1877) ritornò con la sorella minore Mary come sua tutrice personale nel collegio scolastico. Noémie sposò un pittore svizzero e trovò rapidamente un marito francese adatto per la sua cara amica inglese; quando Robert Goulden rifiutò di offrire una dote per sua figlia, l'umo ritirò rapidamente la propria offerta di matrimonio ed Emmeline fece ritorno a Manchester depressa ed infelice[26].

Richard Pankhurst raccolse per prima volta lo sguardo di Emmeline Goulden quando spiò la sua "bella mano" mentre stava aprendo la porta di un taxi dopo aver partecipato ad una riunione pubblica, nel 1878[27].

Matrimonio e famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'autunno del 1878, all'età di 20 anni, Emmeline Goulden incontrò per la prima volta ed iniziò un corteggiamento con Richard Pankhurst, un barrister cil quale sosteneva da anni il suffragio delle donne ed altre cause, tra cui la libertà di parola e la riforma dell'istruzione. Richard aveva 44 anni quando s'incontrarono ed aveva fino ad allora scelto di rimanere un accademico per poter così servire meglio i suoi clienti. Il loro affetto reciproco fu potente ma la felicità della coppia venne di colpo sminuita dalla morte della madre di lui l'anno seguente. Sophia Jane Goulden cercò di rimproverare la figlia per essersi gettata troppo velocemente tra le braccia di Richard[28], esortandola - ma senza alcun successo - di dimostrare una maggior indifferenza.

La "St Luke's church" dove Richard ed Emmeline contrassero il matrimonio.

Emmeline suggerì a Richard di evitare le formalità legali del matrimonio entrando in una "libera unione" (una convivenza (relazione interpersonale)); ma egli oppose come motivazione il fatto che lei sarebbe stata esclusa dalla vita politica in quanto donna non sposata. Ebbe ad osservare che la sua collega Elizabeth Wolstenholme aveva dovuto affrontare la condanna sociale prima di formalizzare il proprio matrimonio con Ben Elmy. Emmeline oncordò e così si sposarono nella "Chiesa di San Luca" a Pendleton il 18 dicembre 1879[29].

Durante gli anni ottanta, vivendo al Cottage Goulden assieme i suoi genitori a Seedley, Emmeline Pankhurst si presecura del marito e dei figli, ma ancora riusciva a dedicare del tempo alle attività politiche. Anche se diede alla luce cinque figli in dieci anni, sia lei che Richard credettero sempre di non essere delle "macchine domestica"[30]. Venne assunta una balia per aiutare i bambini in quanto Pankhurst cominciò a lasciarsi coinvolgere con le attività della "Women's Suffrage Society".

La loro prima figlia Christabel Pankhurst nacque il 22 settembre del 1880, meno di un anno dopo dalla data del matrimonio. Pankhurst diede alla luce un'altra figlia, Estelle Sylvia Pankhurst il 5 maggio del 1882 e il figlio Francis Henry, soprranominato Frank, nel 1884. Subito dopo Richard abbandonò il Partito Liberale (Regno Unito). Cominciò ad esprimere opinioni più radicali e socialiste, arrivando a sostenere un caso in tribunale contro vari ricchi uomini d'affari. Queste azioni non fecero altro che suscitare l'ira di Robert Goulden e l'umore nella casa divenne teso. Nel 1885 i Pankhurst si trasferirono a Chorlton-on-Medlock e lì nacque la figlia Adela Pankhurst il 19 giugno 1885. Si trasferirono nuovamente a Londra l'anno seguente ove Richard si candidò, ma senza successo, alle eleioni per il Parlamento del Regno Unito; quì aprì un piccolo negozio di tessuti chiamato "Emerson and Company"[31].

Emmeline con il figlio Henry nel 1890.

Nel 1888 Francis contrasse la difterite e morì l'11 settembre a quattro anni di età. Sopraffatta dal dolore Pankhurst fece commissionare due ritatti del bambino morto ma, non riusciendo a guardarli, li nascse dentro un'armadio della camera da letto. La famiglia giunse alla conclusione che un difetto di Drenaggio sottosuperficiale sul retro della loro casa aveva causato la malattia del figlio; Pankhurst accusò le cattive condizioni del quartiere e la famiglia si ritrovò a trasferirsi per l'ennesima volta in un distretto di ceto medio più ricco di Russell Square. Presto rimase incinta ancora una volta e dichiarò che il bambino era "Frank ritornato"[32]: diede alla luce un figlio il 7 luglio 1889 e lo chiamò Henry Francis in onore del suo fratello defunto[31].

Pankhurst rese la loro casa di Russell Square un centro di ritrovo, attirando attivisti di tutti i tipi. Ebbe il piacere di decorare la casa a suo gusto, specialmente con mobilia proveniente dal continente asiatico e fece indossare a tutti i membri della famiglia abiti di buon gusto. La figlia Sylvia successivamente scrisse: "la bellezza e l'appropriatezza nei vestiti e negli appuntamenti familiari le sembravano sempre un ambiente indispensabile perpoter svolgere un buon lavoro pubblico"[33].

I Pankhurst ospitarono tutta una serie di personalità, tra cui l'esponente dell'abolizionismo americano William Lloyd Garrison, il deputato indiano Dadabhai Naoroji, gli attivisti del socialismo Herbert Burrows e Annie Besant (la fondatrice dell'Ordine Mistico del Tempio della Rosacroce) ed infine il membro dell'anarchismo francese Louise Michel[33].

Women's Franchise League[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1888, la prima coalizione a livello nazionale di gruppi che sostenevano il diritto di voto delle donne, la "National Society for Women's Suffrage" (Società Nazionale per il Suffragio delle Donne-NSWS), si divise dopo che la maggioranza dei membri decise di accettare anche le organizzazioni affiliate ai partiti politici. A questa decisione alcuni dirigenti del gruppo, tra cui Lydia Becker e Millicent Fawcett, fuoriuscirono dall'associazione per creare una nuova organizzazione alternativa impegnata sui "vecchi ordinamenti", chiamata la "Great College Street Society" nella sua qualità di loro quartier generale. Pankhurst si allineò invece con il gruppo dei "nuovi ordinamenti", che divenne noto come la "Parliament Street Society" (PSS) di Whitehall[34].

Alcuni membri del PSS favorirono un approccio frammentario per ottenere il voto. Poiché spesso si supponeva che le donne sposate non avessero bisogno del voto dato che i loro mariti "avevano votato per loro", alcuni membri del PSS ritennero che il voto per le donne single e le vedove fosse il passo più pratico lungo il cammino verso il pieno diritto di voto. Quando la riluttanza all'interno del PSS di promuovere il voto anche per le donne sposate divenne chiara, Pankhurst e suo marito contribuirono ad organizzare un nuovo gruppo dedicato ai diritti di voto per tutte le donne, sia per quelle sposate sia per quelle nubili[35].

Harriot Eaton Stanton Blatch, figlia della suffragetta statunitense Elizabeth Cady Stanton, diventò amica di Pankhurst attraverso il loro lavoro svolto presso la "Women Franchise League".

La riunione inaugurale della "Women's Franchise League" (WFL) si tenne il 25 luglio 1889 presso la casa di Pankhurst a Russell Square. William Lloyd Garrison parlò all'incontro, avvertendo il pubblico che il movimento dell'abolizionismo negli Stati Uniti d'America fu ostacolato da individui che sostennero la moderazione e la pazienza. I primi membri del WFL inclusero Josephine Butler, leader dell'"Ladies National Association for the Repeal of the Contagious Diseases Acts" (Associazione nazionale delle signore per la revoca degli atti di malattie contagiose); l'amica di Richard Elizabeth Wolstenholme ed Harriot Eaton Stanton Blatch, figlia della suffragetta statunitense Elizabeth Cady Stanton[36].

La WFL venne presto considerata un'organizzazione radicale poiché, oltre al suffragio delle donne, sostenne anche uguali diritti per le donne nei settori del divorzio e dell'eredità (l'uguaglianza sociale). Sostenne inoltre anche il sindacalismo e cercò alleanze con le organizzazioni socialiste esistenti. Il gruppo più conservatore che emerse dalla divisione del NSWS parlò contro quello che definirono essere l'ala di "estrema sinistra" del movimento[37].

Il WFL reagì ridicolizzando il "Spinster Suffrage party"[38] ed insistette sul fatto che fosse richiesto un più ampio assalto all'ineguaglianza sociale. Il radicalismo del gruppo costrinse alcuni dei suoi membri ad abbandonarlo; Sia Blatch che Wolstenholme presto si dimisero dalla WFL. Il gruppo si spaccò solamente un anno dopo la nascita[39].

Independent Labour Party[modifica | modifica wikitesto]

Nel frattempo il negozio di Richard Pankhurst non riuscì mai ad ingranare ed ebbe serie difficoltà ad attrarre affari a Londra. Con le finanze familiari in pericolo, Richard viaggiò regolarmente nel Nord Ovest (Inghilterra), dove erano residenti la maggior parte dei suoi clienti. Nel 1893 i Pankhurst chiusero il negozio e ritornarono a Manchester. Rimasero per diversi mesi nella città marittima di Southport (Merseyside), poi si trasferirono brevemente nel villaggio di Disley e finalmente si stabilirono in una casa situata davanti al "Victoria Park" di Manchester. Le ragazze furono iscritte alla "Manchester Girls' High School", dove però si sentirono messe da parte dalla maggioranza della popolazione studentesca ed escluse da un regolare piano di programma di studi[40].

Pankhurst iniziò a lavorare con diverse organizzazioni politiche, distinguendosi per la prima volta come attivista in proprio e ottenendo rispetto nella comunità. Un biografo descrive questo periodo come di "emersione dall'ombra di Richard"[41]. Oltre al suo lavoro a nome del suffragio femminile divenne attiva anche nella "Women's Liberal Federation (WLF, Federazione Liberale delle Donne), delle ausiliare del Partito Liberale. Lei rimase però rapidamente disincantata a causa delle posizioni moderate del gruppo, ma soprattutto per la sua scarsa disponibilità a sostenere l'"Irish Home Rule movement" irlandese e la leadership aristocratica di Archibald Primrose, V conte di Rosebery[42].

Keir Hardie lavorò con i Pankhurst su una varietà di questioni politiche ed in seguito divenne un amico molto stretto di Sylvia Pankhurst.

Nel 1888 Pankhurst incontrò e amò Keir Hardie, un socialista proveniente dalla Scozia. Egli venne eletto in parlamento nel 1891 e due anni dopo contribuì a creare il "Partito Indipendente del Lavoro" (Independent Labour Party, ILP). Incoraggiato della gamma di problemi che l'ILP si impegnava a affrontare, Pankhurst si dimise dal WLF e chiese di aderire all'ILP. La filiale locale rifiutò però la sua ammissione per il motivo che era una donna, ma alla fine riuscì ad aderire all'ILP a livello nazionale. Christabel in seguito scrisse dell'entusiasmo provato da sua madre nei confronti del partito e i suoi sforzi organizzativi: "in questo movimento sperava che ci fossero stati finalmente i mezzi per raddrizzare ogni errore politico e sociale"[42][43].

Una delle sue prime attività con l'ILP vide Pankhurst impegnata a distribuisce cibo agli uomini e alle donne in uno stato di povertà attraverso il "Comitato per il soccorso dei disoccupati". Nel dicembre del 1894 venne eletta nella posizione di "Guardiano Legale" alla Workhouse (Csa di lavoro) di Chorlton-on-Medlock. Rimase sconvolta dalle condizioni di vita a cui aveva assistito in prima persona nella casa di lavoro di Manchester:

« "la prima volta che sono entrata nel posto sono rimasta spaventata nel vedere bambine di sette e otto anni in ginocchio costrette a lavare le pietre fredde dei lunghi corridoi ... la bronchite era epidemica tra di loro per la maggior parte del tempo ... ho scoperto che lì si trovano anche donne in stato di gravidanza che lavavano i pavimenti, facevano il lavoro più difficile, quasi fino a quando i loro bambini non entravano nel mondo ... Naturalmente i bambini sono molto difettosi ... Queste madri povere, non protette e i loro bambini sono sicuramente stati fattori potenti nella mia formazione come militante"[44]. »

Pankhurst cominciò subito a cambiare queste condizioni e riuscì ad acquisire il titolo di voce principale per la riforma al Consiglio dei Guardiani. Il suo avversario principale fu un uomo appassionato di nome Mainwaring, noto per la sua maleducazione. Riconoscendo che la sua forte rabbia feriva le sue possibilità di persuadere coloro che erano allineati con Pankhurst, teneva una nota nelle immediate vicinanze durante le riunioni che diceva: "Mantieni il tuo temperamento!"[45]

Dopo aver aiutato il marito impegnato in un'altra campagna parlamentare fallita, Pankhurst si trovò ad affrontare problemi legali nel 1896 quando lei e due uomini violarono un ordine emesso dal tribunale contro le riunioni dell'ILP a Boggart Hole Clough. Con Richard volontario nel suo tempo libero come consulente legale, rifiutarono di pagare le multe e i due uomini furono condannati a trascorrere un un mese in prigione. La pena non venne invece mai fatta eseguire per Pankhurst, forse perché il magistrato ebbe paura dell'effetto che avrebbe procurato la prigionia di una donna così rispettata nella comunità. Alla domanda di un giornalista dell'ILP se fosse disposta a trascorrere del tempo in prigione, Pankhurst rispose: "Oh, sì, anzi, non sarebbe poi così tanto terribile, e poi sarebbe un'esperienza preziosa"[46]. Successivamente le riunioni dell'ILP vennero permesse, ma l'episodio inflisse un duro colpo alla salute di Richard e causò una notevole perdita di reddito per la propria famiglia[47].

La morte di Richard[modifica | modifica wikitesto]

Durante la lotta condotta a Boggart Hole Clough Richard Pankhurst cominciò a provare un forte dolore addominale; sviluppò un'ulcera gastrica e la sua salute si deteriorò rapidamente nel corso del 1897. La famiglia si spostò brevemente a Mobberley, con la speranza che l'aria sana del paese avrebbe aiutato la sua condizione. Presto sentì un poò meglio e la famiglia tornò a Manchester in autunno, ma già nell'estate del 1898 subì una recidiva improvvisa. Pankhurst condusse la loro figlia maggiore Christabel con sé fino a Corsier, in Svizzera, per far visita alla sua vecchia amica Noémie. Ma un telegramma arrivò da parte di Richard il quale aveva scritto: "Non mi sento molto bene, vieni a casa, amore mio"[48]. Lasciando Christabel con Noémie, Pankhurst tornò immediatamente in Inghilterra. Il 5 luglio, durante il viaggio in treno da Londra a Manchester, notò un giornale che annunciava la morte di Richard Pankhurst[49].

La perdita del marito lasciò Pankhurst con nuove responsabilità e una notevole quantità di debiti. Trasferì la famiglia in una casa più piccola a "62 Nelson Street", rassegnò le dimissioni dal "Consiglio dei guardiani" e ricevette una retribuzione in qualità di registratrice delle nascite e delle morti a Chorlton. Questo lavoro gli permise di approfondire la conoscenza delle condizioni delle donne della regione. Scrisse nella sua autobiografia: "mi hanno raccontato le loro storie, storie terribili della loro vita, e tutte commoventi per la loro pazienza, che spiegano il pathos della povertà"[50].

Le sue osservazioni sulle differenze tra la vita degli uomini e quella delle donne, per esempio in relazione alla condizione di illegittimità, non fece altro che rafforzare la propria convinzione che le donne avevano bisogno del diritto di voto prima che le loro condizioni potessero migliorare. Nel 1900 venne eletta alla "Manchester School Board" e vide nuovi esempi di donne che soffrivano di disparità di trattamento e di opportunità limitate. Durante questo periodo riaprì anche il suo negozio, con la speranza che ciò gli avrebbe fornito un reddito supplementare per la famiglia[50][51].

Christabel Pankhurst(qui fotografata il giorno del diploma nel 1915), figlia meggiore di Emmeline e da lei spesso chiamata "figlia preferita", passò quasi 15 anni di tempo aiutando la madre nella sua lotta per far ottenere il suffragio alle donne.

Le identità individuali dei bambini Pankhurst cominciarono a emergere intorno al momento della morte del loro padre. Da molto tempo tutti erano coinvolti nella lotta per il suffragio delle donne; Christabel godeva di uno status privilegiato tra le figlie, come Sylvia annotò nel 1931: "Era la prefrita da nostra madre, lo sapevamo tutti e io, per questo, non ho mai risentito del fatto"[52]. Christabel non condivise il fervore di sua madre per lavoro politico, ameno fino a quando non entrò in amicizia con le attiviste suffragette Esther Roper ed Eva Gore-Booth. Presto rimase coinvolta nel movimento di suffragio e si unì alla madre agli eventi e e nei discorsi e comizi indetti da lei[53].

Sylvia prese lezioni da un rispettato artista locale e presto ricevette una borsa di studio alla scuola d'arte dell'università metropolitana di Manchester. Continuò a studiare storia dell'arte prima a Firenze e poi a Venezia[54]. I bambini più piccoli, Adela e Harry, avevano difficoltà a trovare un percorso per i loro studi. Adela venne mandata ad un collegio scolastico locale, dove venne tagliata fuori dai suoi amici anche a causa dei pidocchi contratti. Anche Harry ebbe difficoltà a scuola; soffrì di problemi di morbillo e di vista[55].

Women's Social and Political Union (WSPU)[modifica | modifica wikitesto]

La Women's Social and Political Union divenne presto nota per la sua attività militante. Pankhurst disse una volta: "la condizione del nostro sesso è così deplorevole che consideriamo nostro dovere quello d'infrangere la legge per richiamare l'attenzione sui motivi per cui lo facciamo"[56].

Nel 1903 Pankhurst oramai credette amaramente che anni di discorsi moderati e di promesse sul suffragio femminile da parte dei parlamentari non avessero condotto ad alcun progresso. Anche se i "Suffrage Bills" introdotti rispettivamente nel 1870, nel 1886 e nel 1897 confermarono in parte le promesse almeno a livello locale, ognuna delle due parti si sentì in quache modo sconfitta. Lei cominciò a dubitare che i partiti politici, con i loro molti punti all'ordine del giorno, avrebbero mai dato la dovuta priorità alla questione dell'estensione del suffragio[57].

Ruppe anche con l'ILP quando questo rifiutò di concentrarsi sul voto per le donne. Pareva quindi necessario abbandonare la tattica paziente dei gruppi di difesa esistenti a favore di azioni più militanti. Così il 10 ottobre 1903 Pankhurst, asseme a molte altre sue colleghe, fondò la Women's Social and Political Union (Unione sociale e politica femminile-WSPU), un'organizzazione aperta solo alle donne e concentrata sull'azione diretta per ottenere il diritto di voto[58]. "Azioni dimostrative", scrisse più tardi, "non parole, doveva essere il nostro motto permanente"[4].

Christabel Pankhurst, Flora Drummond e Emmeline davanti alla corte nel 1908.

La militanza iniziale del gruppo assunse forme di nonviolenza. Oltre a fare discorsi e raccogliere firme di petizione, la WSPU organizzò manifestazioni e fece pubblicare una newsletter chiamata Votes for Women. Il gruppo convocò inoltre una serie di "Parlamenti femminili" che coincisero con le sessioni ufficiali del governo.

Quando un disegno di legge per il suffragio femminile venne lasciato cadere per ostruzionismo il 12 maggio 1905, Pankhurst e altri membri della WSPU iniziarono una vibrata protesta fuori dall'edificio del Parlamento del Regno Unito. La polizia le costrinse ad allontanari immediatamente dall'edificio, dove si erano raggruppate per chiedere l'approvazione della proposta. Sebbene il disegno di legge non fu mai ripresentato, Pankhurst lo considerò come una dimostrazione di successo della forza militante di catturare l'attenzione pubblica[59]. Pankhurst dichiarò nel 1906: "Siamo finalmente riconosciute come partito politico, siamo ora in mezzo alla politica e ne rappresentiamo un'arma"[60].

Evelina Haverfield e Emmeline davanti alla corte nel 1909.

Innanzitutto le sue tre figlie divennero membri attivi della WSPU. Christabel Pankhurst venne arrestata dopo aver sputato contro un poliziotto durante una riunione del Partito Liberale (Regno Unito) nell'ottobre del 1905[61]; Adela Pankhurst e Sylvia Pankhurst furono arrestate un anno dopo durante una protesta organizzata appena al di fuori del Parlamento[62].

Emmeline e Christabel Pankhurst in prigione nel 1908.

Emmeline stessa venne arrestata per la prima volta nel febbraio 1908, quando cercò di fare irruzione nel Parlamento per presentare una risoluzione di protesta al Primo Ministro Herbert Henry Asquith. Fu accusata di aver ostacolato i lavori di un pubblico ufficio e condannata a sei settimane di carcere. Parlò in seguito delle condizioni della sua reclusione, inclusa la mancanza di denaro, il cibo scarso e la "tortura civile di un confinamento solitario e in un silenzio assoluto" a cui furono forzate lei ed altre militanti[63].

Pankhurst vide l'imprigionamento come un'occasione per pubblicizzare l'urgenza del suffragio femminile; nel giugno del 1909 colpì un poliziotto due volte in faccia per assicurarsi che fosse arrestata. Pankhurst fu arrestata in totale ben sette volte prima che il suffragio alle donne venisse approvato. Durante la sua deposizione il 21 ottobre 1908 dichiarò davanti al tribunale: "non siamo qui perché siamo trasgressori della legge, siamo qui per i nostri sforzi di diventare legislatori"[64][65][66].

La focalizzazione esclusiva della WSPU sui voti per le donne divvenne un altro segno distintivo della sua militanza. Mentre altre organizzazioni accettarono di lavorare con i singoli partiti politici, la WSPU insistette nel separarsi dalle parti politiche al governo e, in molti casi, anche dall'opposizione, che non privilegiò il suffragio femminile.

Il gruppo inscenò proteste contro tutti i candidati appartenenti al partito del governo, dal momento che si rifiutò di far approvare durante la sua legislazione il suffragio delle donne. Ciò li portò in uno stato di conflitto permanente con i dirigenti del Partito Liberale, in particolare perché molti candidati liberali sostennero invece il suffragio femminile. Uno dei primi obiettivi della WSPU fu il futuro Primo Ministro Winston Churchill, il cui avversario politico attribuì in parte la seguente sconfitta di Churchill a "quelle donne che a volte sono così derisorie"[67].

Emmeline in prigione (1911 circa); descrisse la sua prima incarcerazione come "il processo di trasformazione di un essere umano in una bestia selvaggia"[68].

I membri della WSPU furono talvolta accusati e derisi per il loro rovinare le elezioni ai candidati liberali. Il 18 gennaio 1908 Pankhurst e la sua associata Nellie Martel vennero aggredite da una folla di uomini sostenitori dei liberali che incolparono la WSPU per aver costato loro la sconfitta ad una recente elezione contro il candidato conservatore. Gli uomini gettarono pezzi di terra, uova marce e pietre impastate nella neve; le donne furono picchiate Pankhurst si ferì gravemente ad una caviglia[69].

Tensioni simili si crearono in seguito anche con il Partito Laburista (Regno Unito). Fino a quando i leader del partito non avrebbero concesso il voto per le donne, tuttavia, la WSPU si impegnò a continuare il suo attivismo militante. Pankhurst e altri membri dell'unione videro che la politica ufficiale dei veri partiti politici distraeva dall'obiettivo primario del suffragio femminile e criticarono le altre organizzazioni consimili per aver messo la loro fedeltà ai partiti davanti al voto per le donne[70].

Come la WSPU ebbe ottenuto il riconoscimento e la notorietà per le sue azioni, Pankhurst resistette agli sforzi per democratizzare l'organizzazione stessa. Nel 1907 un piccolo gruppo di membri guidato da Teresa Billington-Greig chiese un maggiore coinvolgimento delle suffragette di rango inferiore alle riunioni annuali dell'Unione. In risposta Pankhurst annunciò in una riunione che gli elementi della costituzione dell'organizzazione relativi al processo decisionale erano nulli e annullò le riunioni annuali. Insistette inoltre affinché un piccolo comitato scelto dai membri presenti venisse autorizzato a coordinare tutte le attività dell'associazione[71].

Pankhurst e sua figlia Christabel vennero scelte (insieme a Mabel Tuke e ad Emmeline Pethick Lawrence) come membri esecutivi del nuovo comitato. Frustrati diversi membri, tra cui Billington-Greig e Charlotte Despard, abbandonarono l'associazione per formare una propria e del tutto nuova organizzazione, la "Women's Freedom League"[72]. Nella sua autobiografia del 1914 Pankhurst respinse in toto le critiche alla struttura di leadership della WSPU:

« "se in qualsiasi momento un membro o un gruppo di membri perde la fede nella nostra politica; se qualcuno inizia a suggerire che qualche altra politica debba essere sostituita, o se cerca di confondere la questione aggiungendo altre politiche, cessa immediatamente di essere membro. Autocratico? Proprio così. Ma, si può obiettare, un'organizzazione di suffragio dovrebbe essere democratica. Beh, i membri della WSPU. non sono d'accordo con te. Non crediamo nell'efficacia dell'organizzazione comune di suffragio. La WSPU. non è ostacolata da una complessità di regole. Non abbiamo alcuna costituzione e statuto; niente da modificare né da sconvolgere, od occasioni di litigare in occasione di una riunione annuale... La WSPU. è semplicemente un esercito di suffragette in campo"[73]. »
Distintivo con il ritratto di Emmeline Pankhurst - 1909 circa - venduto in grandi quantità dalla WSPU per raccogliere fondi per la sua causa - Museum of London.

Intensificazione delle tattiche[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 giugno 1908 mezzo milione di attiviste si riunirono a Hyde Park per chiedere il voto per le donne; Herbert Henry Asquith e i maggiori leader parlamentari risposero con malcelata indifferenza. Sdegnate da questa intransigenza e dalla presenza gdi membri della polizia in borghese, alcune tra i membri della WSPU incrementarono la gravità delle loro azioni; poco dopo che la la manifestazione fu conclusa, dodici donne si riunirono in Parliament Square cercando di pronunciare dei discorsi a favore del suffragio femminile[74].

Gli agenti di polizia arrestarono diverse oratrici spingendole verso una folla di avversari che si erano riuniti nelle vicinanze. Frustrate, due membri della WSPU - Edith New e Mary Leigh - si diressero verso 10 Downing Street e scagliarono delle pietre contro le finestre della casa del Primo ministro del Regno Unito. Insistettero in seguito nell'affermare che il loro atto fosse indipendente dagli ordini della WSPU, ma Pankhurst non mancò di esprimere la sua approvazione nei confronti dell'azione[75].

Quando un magistrato condannò New e Leigh a due mesi di reclusione, Pankhurst ricordò alla corte di come vari agitatori politici maschi in tuttala storia britannica avessero infranto le finestre per ottenere diritti legali e civili[76].

Nel 1909 lo sciopero della fame si aggiunse al repertorio di resistenza della WSPU. Il 24 giugno Marion Dunlop fu arrestato per aver scarabocchiato un estratto della Bill of Rights affissa su una parete della Camera dei Comuni. Sdegnata per le pessime condizioni della prigione, Dunlop iniziò uno sciopero della fame. Quando ciò si rivelò essere efficace (Dunlop venne rilasciata), quattordici donne imprigionate per aver infranto delle finestre cominciarono anch'esse a digiunare[77].

Dopo aver venduto la sua casa di Manchester, Pankhurst viaggiò costantemente, tenendo discorsi in tutta la Gran Bretagna e negli Stati Uniti d'America. Uno dei suoi discorsi più famosi, "Libertà o morte", venne pronunciato in Connecticut nel 1913 (la foto la ritrae a New York nel 1913).

I membri della WSPU presto furono conosciuti in tutto il paese per aver tenuto prolungati scioperi della fame per protestare contro la loro incarcerazione. Le autorità delle carceri spesso fecero alimentare forzatamente le donne, usando tubi inseriti attraverso il naso o la bocca. Le tecniche dolorose (che, in caso della bocca, richiesero l'uso di gancetti d'acciaio per far tenere la bocca aperta) ricevettero la condanna sia da parte delle suffragette che dai professionisti medici[78].

Queste tattiche causarono una certa tensione tra la WSPU e le organizzazioni più moderate, che erano coinvolte nel "National Union of Women's Suffrage Societies" (Unione Nazionale delle Società di Suffragio per le Donne-NUWSS). La leader del gruppo, Millicent Fawcett, inizialmente lodò i membri della WSPU per il loro coraggio e la loro dedizione alla causa. Tuttavia, nel 1912, dichiarò che gli scioperi della fame fossero dei semplici strumenti di pubblicità e che le attiviste militanti erano "i principali ostacoli per il successo del movimento di suffragio nella Camera dei Comuni"[79].

Il NUWSS si rifiutò di unirsi ad una marcia promossa dai gruppi di suffragio per le donne dopo aver richiesto senza successo che la WSPU la smettesse di dare il proprio sostegno alle distruttrici delle proprietà private. La sorella di Fawcett, Elizabeth Garrett Anderson, rassegnò le proprie dimissioni dalla WSPU per ragioni analoghe[80].

Emmeline nel 1909.

La copertura degli eventi data dalla stampa fu di tipo misto; molti giornalisti osservarono che folle di donne rispondevano positivamente agli interventi di Pankhurst, mentre altri condannarono senza mezze misure il suo approccio radicale alla questione. Il Daily News le invitò a mantenere un approccio più moderato, mentre altre testate condannarono la rottura delle finestre promossa dai membri della WSPU. Nel 1906 il giornalista Charles Hands si riferì per la prima volta alle donne militanti usando il termine "suffragette" (invece dello standard "suffragiste". Pankhurst e i suoi alleati ripresero il termine come proprio e lo usarono per differenziarsi dai gruppi più moderati[81].

L'ultima metà del primo decennio del secolo fu un momento di dolore, solitudine e lavoro costante per Pankhurst. Nel 1907 vendette la propria casa a Manchester e iniziò uno stile di vita itinerante, passando da un luogo all'altro mentre parlava e marciava per il suffragio delle donne. Risiedeva presso amici e negli alberghi, trasportando le sue poche cose dentro le valigie. Anche se rimaneva sempre piena di energie per continuare la lotta - e trovò gioia nel dare energia ad altri - il suo vagabondare continuo significò anche la separazione dai suoi figli, specialmente da Christabel Pankhurst, che era oramai diventata la coordinatrice nazionale della WSPU[82].

Nel 1909, mentre Pankhurst stava programmando un tour di interventi da compiersi negli Stati Uniti d'America, il figlio Harry rimase paralizzato a seguito di un'infiammazione del midollo spinale. Lei esitò a lasciare il paese mentre il ragazzo cadeva a letto malato, ma ebbe bisogno di soldi per poter pagare il suo trattamento medico e il tour prometteva di essere redditizio. Al suo ritorno, dopo un vero e proprio trionfo di pubblico, si ritrovò seduta accanto al letto di Harry proprio mentre questi moriva il 5 gennaio 1910[83].

Cinque giorni più tardi fece seppellire il figlio, prima di parlare davanti a 5.000 persone a Manchester. I sostenitori del Partito Liberale (Regno Unito) che erano arrivati per sconfiggerla rimasero in perfetto silenzio mentre lei affrontava da sola la folla[84].

Christabel Pankhurst assieme a Emmeline nel 1910 circa.

Conciliazione, alimentazione forzata, danni agli edifici pubblici e privati e incendio doloso[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la sconfitta dei liberali nelle elezioni del gennaio 1910, il membro dell'ILP e giornalista Henry Brailsford contribuì ad organizzare un "Comitato di conciliazione per il Suffragio delle donne", che riunì 54 deputati di vari schieramenti politici. Il gruppo di conciliazione sembrò essere una possibilità strettamente definita ma ancora significativa per far ottenere il voto per le donne. Così la WSPU accettò di sospendere il suo sostegno alle finestre infrante e agli scioperi della fame durante la negoziazione.

Quando divenne chiaro che il disegno di legge non sarebbe neanche questa volta passato, Pankhurst dichiarò: "se il disegno di legge, malgrado i nostri sforzi, viene ucciso dal governo, allora ... devo dire che esiste la possibilità di una fine alla tregua"[85].

Quando esso venne sconfitto Pankhurst condusse una marcia di protesta di 300 donne fino a Parliament Square il 18 novembre. Vennero accolte da una risposta aggressiva della polizia, diretta dal segratario di stato Winston Churchill: gli ufficiali colpirono violentemente le donne in marcia, ne divelse gli stemmi e le bandiere e le trascinarono via[86]. Sebbene Pankhurst fosse stata autorizzata ad entrare in Parlamento, il Primo Ministro Asquith si rifiutò di incontrarla. L'incidente divenne in seguito noto come il "Venerdì Nero"[86].

Pankhurst rimase letteralmente sconvolta dalle urla delle donne alimentate a forza durante gli scioperi della fame. Nella sua autobiografia scrisse: "io non vorrò mai, finché vivo, dimenticare le sofferenze che ho vissuto nei giorni in cui quelle grida squillarono nelle mie orecchie"[87].

Poiché successivamente vennero introdotte le "Conciliation Bills", i leader della WSPU sostennero l'interruzione delle tattiche militanti. Nel marzo del 1912 la seconda "Conciliation Bill" fu in pericolo e Pankhurst si unì ad un nuovo gruppo di attiviste che andarono in giro per la città ad infrangere le finestre. Il delitto di danneggiamento esteso di proprietà privata condusse la polizia a perquisire gli uffici della WSPU. Pankhurst e Emmeline Pethick-Lawrence vennero giudicate presso l'Old Bailey e condannate per associazione a delinquere e istigazione al danno di edifici[88].

Christabel Pankhurst, che nel 1912 era la coordinatrice principale dell'organizzazione, venne anch'essa ricercata dalla polizia, ma ella riuscì a fuggire a Parigi, da dove diresse la strategia della WSPU in esilio. All'interno della prigione di Holloway Emmeline attuò il suo primo sciopero della fame per migliorare le condizioni delle altre suffragette alloggiate nelle celle accanto; venne rapidamente seguita da Pethick-Lawrence e da altri membri della WSPU[89].

Descrisse nella sua autobiografia il trauma causato dall'alimentazione forzata durante il perioso di sciopero: "Holloway è diventato un luogo di orrore e di tormento. Nauseabonde scene di violenza vi si sono svolte quasi ad ogni ora del giorno, come i medici sono andati da cella in cella per poter eseguire il loro orrendo ufficio"[90].

Quando i funzionari del carcere cercarono di entrare nella sua cella, Pankhurst sollevò una brocca di argilla sopra la testa e annunciò: "se uno di voi prova solo ad intraprendere un passo all'interno di questa cella, io mi difenderò"[91].

A Pankhurst vennero risparmiati ulteriori tentativi di alimentazione dopo questo incidente, ma continuò a violare la legge e, quando fu nuovamente imprigionata, attuò uno sciopero della fame in segno di protesta. Nei due anni successivi venne arrestata numerose volte, ma fu spesso rilasciata solo dopo alcuni giorni a causa della sua malattia[92].

Più tardi il governo di Herbert Henry Asquith adottò la legge "Prisoners (Temporary Discharge for Ill Health) Act 1913", che rese lecite simili permessi anche per altre suffragette che si trovassero ad affrontare delle malattie a causa degli scioperi della fame. I funzionari della prigione riconobbero il potenziale disastro nel campo delle pubbliche relazioni che sarebbe scoppiato se la leader più popolare della WSPU avesse dovuto essere alimentata a forza o anche se solo fosse stato permesso che ella soffrisse in maniera grave in prigione[93].

Tuttavia gli agenti di polizia l'arrestarono durante le trattative aperte col governo e mentre marciava alla testa delle due suffragette. Cercò di eludere le molestie da parte della polizia indossando dei travestimenti e, infine, la WSPU istituì una squadra di guardia del corpo femminile esperte in Jūjutsu per proteggerla fisicamente dalle aggressioni della polizia. Lei e altre delle sue accompagnatrici si rivoltarono contro gli agenti, con conseguenti scontri violenti mentre gli ufficiali cercarono di arrestare Pankhurst[94].

Christabel e Emmeline a Parigi nel 1912 circa.

Nel 1912 i membri della WSPU adottarono l'incendio doloso come un'ilteriore tattica violenta intrapresa per cercare di ottenere il diritto di voto. Dopo che il primo ministro Asquith ebbe visitato il teatro Royal di Dublino, le attiviste suffragette Gladys Evans, Mary Leigh, Lizzie Baker e Mabel Capper in Oxford Road a Manchester tentarono di causare un'esplosione con polvere da sparo e benzina, che causò danni minimi. Durante quella stessa serata Leigh gettò una picozza contro la vettura che trasportava il nazionalista irlandese John Redmond, il sindaco e il primo ministro Asquith[95].

Nei successivi due anni le donne diedero fuoco ad un edificio ricreativo situato dentro Regent's Park, ad una serra di orchidee nei Kew Gardens, ad una cassetta per le lettere e ad un vagone ferroviario. Anche se Pankhurst asserì che queste donne non furono mai comandate direttamente da lei o da Christabel, entrambe tuttavia affermarono davanti a testimoni che stavano sostenendo le suffragette incendiarie. Vi furono altri incidenti del tutto simili nell'intero territorio nazionale.

Un membro della WSPU, per esempio, introdusse una piccola accetta nell'autovettura del Primo Ministro con incise sopra la frase: "Voto per le donne" (Votes for Women)[96], mentre altre suffragette utilizzarono dell'acido per bruciare lo stesso slogan scritto su cartone nei campi da golf utilizzati dai parlamentari[97]. Nel 1914 Mary Richardson sfregiò il quadro di Diego Velázquez intitolato Venere Rokeby in segno di protesta contro la prigionia di Pankhurst[98].

Defezioni e dimissioni[modifica | modifica wikitesto]

L'approvazione esplicita data dalla WSPU alla distruzione di proprietà condusse conseguentemente anche alla fuoriuscita di diversi ed importanti membri. La prim fu Emmeline Pethick-Lawrence assieme a suo marito il barone del Partito Laburista (Regno Unito) Frederick Pethick-Lawrence. Essi erano da tempo parte integrante della leadership del gruppo, ma si trovarono col tempo sempre più in conflitto con Christabel Pankhurst sulla saggezza e lungimiranza di tali tattiche violente. Dopo essere tornati da una vacanza in Canada i due scoprirono scoperto che Pankhurst li aveva espulsi dalla WSPU[99].

La coppia trovò la decisione spaventosa, ma per evitare uno scisma all'interno del movimento continuarono a lodare Pankhurst e l'organizzazione in pubblico. Intorno allo stesso tempo la figlia minore di Emmeline, Adela Pankhurst, abbandonò l'associazione. Lei disapprovò l'appoggio dato dalla WSPU alla distruzione delle proprietà e ritenne che fosse necessaria porre una maggiore enfasi sul socialismo. Il rapporto di Adela con la sua famiglia, in particolare con Christabel, iniziò a farsi fece sempre più teso[100].

La frattura più profonda in seno alla famiglia Pankhurst giunse però nel novembre del 1913, quando Sylvia fece un discorso in una riunione di socialisti e sindacalisti a sostegno del promotore laburista irlandese James Larkin. Egli aveva già lavorato con la "Workers' Socialist Federation" nel suo sottogruppo "East London Federation of Suffragettes" (ELFS)", un ramo locale della WSPU che aveva rapporti stretti con i socialisti e il movimento operaio.

Questa stretta connessione ai gruppi laburisti e l'apparizione di Sylvia sul palco assieme a Frederick Pethick-Lawrence, con il quale affrontò anche la folla, convinse Christabel che sua sorella stesse organizzando un gruppo che avrebbe potruto sfidare apertamente la WSPU all'interno del movimento di suffragio femminile. La controversia presto divenne pubblica e i membri di alcuni gruppi, tra cui la WSPU, l'ILP e l'ELFS si prepararono per un regolamento di conti[101].

Sylvia Pankhurst nel 1910 circa. Dopo essere stata destituita dalla WSPU si sentì "contusa, come accade quando combatti il ​​nemico senza riuscirvi e si viene invece colpiti dall'amico""[102].

In gennaio Sylvia venne convocata a Parigi, dove Emmeline e Christabel la stavano aspettando. La loro madre era appena tornata da un altro giro completo di conferenze compiuto negli Stati Uniti d'America e Sylvia era appena stata liberata dalla prigione. Tutte e tre le donne risultarono sfinite e stressate, il che aggiunse di molto la tensione già carica di per sé. Nel suo libro del 1931 intitolato The Suffrage Movement Sylvia descrive Christabel come una persona irragionevole la quale la aggredì per aver pronunciò un discorso solenne che la respinse, puntando i piedi per mantenere la linea ufficiale della WSPU:

« "Si voltò verso di me e disse: tu hai le tue idee, ma noi non lo vogliamo, vogliamo solo che tutte le nostre donne prendano le loro istruzioni e camminino in passo come fossero un esercito! Troppo stanca, troppo malata per discutere, non ho risposto. Sono rimasta come oppressa da un senso di tragedia, afflitta dalla sua spietata spiegazione. La sua glorificazione dell'autocrazia mi sembrava assai lontana dalla lotta che stavamo svolgendo, la lotta torva e ferce che ora stava avanzando nelle cellule cerebrali. Ho pensato a molti altri che erano stati spinti da parte per divergenze di ben minor grado"[103]. »

Con la piena approvazione di sua madre Christabel ordinò al gruppo capitanato da Sylvia di dissociarsi dalla WSPU. Pankhurst cercò di persuadere l'ELFS a rimuovere la parola "suffragettes" dal suo nome, in quanto essa era inestricabilmente collegata alla WSPU. Quando Sylvia rifiutò sua madre si accese di una rabbia furiosa espressa in una lettera:

« "Sei irragionevole, lo sei sempre stata e temo che rimarrà così per sempre. Suppongo che tu sia stata fatta così! ...Avresti potuto scegliere un nome che avremmo approvare, avremmo potuto fare molto per lanciarti e pubblicizzare il nuovo nome della tua associazione. Ora devi accettare di assumerti il peso delle conseguenze delle tue azioni e del tuo modo di fare. Mi dispiace, ma tu stessa crei le tue propie difficoltà, con una incapacità di esaminare le situazioni da un punto di vista altrui oltre che dal tuo personale. Forse solo col tempo si imparano le lezioni che tutti dobbiamo imparare nel corso della nostra vita"[104]. »

Adela, disoccupata e incerta sul suo prossimo futuro, cominciò ad essere preoccupata anche per la salute della madre; questa invece decise che ella dovesse trasferirsi in Australia e pagò di tasca propria per il trasferimento. Non si rividero mai più[105].

Pankhurst venne arrestata dalla polizia appena fuori da Buckingham Palace mentre tentava di presentare una petizione al re Giorgio V del Regno Unito nel maggio del 1914.

Prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Quando la prima guerra mondiale iniziò nell'agosto del 1914 Emmeline e Christabel considerarono che la minaccia rappresentata dall'impero tedesco fosse un effettivo pericolo per tutta l'umanità e che il governo britannico aveva bisogno del sostegno di tutti i cittadini. Esse pertanto persuasero la WSPU ad interrompere tutte le attività militanti fino a quando il conflitto non fosse terminato.

Non era più il momento del dissenso o delle agitazioni pubbliche; Christabel scrisse più tardi: "questa è stata la militanza nazionale: come le suffragette non potessero mai essere pacifiste a qualsiasi prezzo"[106]. Venne stabilita una tregua con il governo, tutte le carcerate della WSPU furono rimesse in libertà e Christabel potè quindi tornare a Londra. Emmeline e Christabel, attraverso una mozione, abilitarono la WSPU ad impegnarsi nello sforzo bellico.

Nel suo primo discorso pronunciato dopo essere tornata in Gran Bretagna, Christabel avvisò il suo pubblico del "Pericolo tedesco"; esortò le donne riunite a seguire l'esempio delle loro sorelle francesi che, mentre gli uomini combattevano al fronte, "sono in grado di far mantenere la giusta direzione al paese, di eseguire la vendemmia, di mandare avanti le industrie"[6]. Emmeline invitò tutti gli uomini a presentarsi come volontari per essere mandati in prima linea[107]

Pankhurst credette che il pericolo messo in atto durante la prima guerra mondiale da quello che chiamò il "Pericolo tedesco" superasse di gran lunga la necessità del suffragio femminile: "quando giungerà il momento, riprenderenmo quella lotta", disse, "ma per ora dobbiamo fare tutto il possibile per combattere e vincere contro un nemico comune"[108].

Sylvia e Adela, nel frattempo, non condivisero lo stesso entusiasmo provato dalla madre per la guerra. In qualità di pacifiste impegnati rifiutarono la decisione presa dalla WSPU di sostenere il governo. La prospettiva socialista di Sylvia la convinse presto che la guerra fosse solo un altro esempio di oligarchia capitalista che sfruttava i poveri soldatiassieme ai lavoratori. Adela si ritrovò a parlare contro la guerra in Australia e rese pubblica la sua opposizione alla coscrizione generale. In una breve lettera Emmeline disse a Sylvia: "mi vergogno di essere venuta a sapere da che parte stai tu e Adela"[6].

Ebbe una simile insofferenza ed intolleranza anche nei confronti del dissenso interno alla WSPU; quando il membro di lunga data Mary Leigh si permise di esprimere un suo dubbio durante una riunione svoltasi nell'ottobre del 1915, Pankhurst gli rispose: "la donna col cappello è un tedesco e deve uscire immediatamente da questa sala... ti denuncio come filo-tedesca e desidero dimenticare che una tale persona sia mai esistita"[109].

Alcuni membri della WSPU furono oltraggiati da questa improvvisa devozione nei confronti del governo, dalla percezione che la leadership avese abbandonato del tutto gli sforzi per far ottenere il voto alle donne e sulle questioni riguardanti come i fondi raccolti a nome del suffragio venissero invece gestiti per finanziare il nuovo impegno politico a favore della guerra dell'organizzazione. Due gruppi si separarono dalla WSPU: le "Suffragettes of the Women's Social and Political Union" (SWSPU) e l'"Independent Women's Social and Political Union" (IWSPU), ciascuna dedicata a mantenere la pressione in direzione del diritto di voto femminile[110].

Pankhurst mise la stessa energia e determinazione che aveva precedentemente applicato al suffragio femminile nella difesa patriottica degli sforzi bellici; si trovò ad organizzare raduni e incontri, fu in una costante attività di comizi e promosse il governo il quale cercò di far entrare le donne a nella forza lavoro mentre gli uomini stavano combattendo all'estero. Un'altra questione che in quel momento la interessò notevolmente fu la situazione dei cosiddetti "bambini di guerra", cioè i bambini nati da madri nubili (vedi famiglia monogenitoriale) ed i cui padri si trovavano impegnati nel Fronte occidentale (1914-1918)[111].

Pankhurst fece istituire una "casa di adozione" a Campden Hill progettata per impiegare il metodo Montessori di educazione infantile. Alcune donne però criticarono Pankhurst per aver offerto sollievo a genitori di figli nati fuori dal matrimonio (religione), ma ella dichiarò indignata che il benessere dei bambini, la cui sofferenza aveva visto in prima persona nella sua qualità di tutore (diritto) legale molti anni prima, era la sua unica preoccupazione. Tuttavia, a causa della mancanza di fondi, l'abitazione dovette presto essere ceduta alla principessa Alice di Albany[112].

Pankhurst riuscì ad adottato quattro bambini, che ribattezzò Kathleen King, Flora Mary Gordon[113], Joan Pembridge ed Elizabeth Tudor. Vissero tutti assieme a Londra dove, per la prima volta dopo molti anni, ebbe un'abitazione stabile, nei pressi di Holland Park[114]. Quando gli venne chiesto come, all'età di 57 anni e senza alcun reddito fisso certo, avrebbe mai potuto assumersi l'onere di far crescere altri quattro figli, Pankhurst rispose: "mio caro, mi chiedo invece perché non ne abbia adottati quaranta"[115].

Emmeline in rassegna di uno dei Battaglioni femminili della morte. In primo piano, con l'uniforme, Marija Leont'evna Bočkarëva.

Delegazione in russia[modifica | modifica wikitesto]

Pankhurst visitò l'America del Nord nel principio del 1916 insieme all'ex "Segretario di Stato" serbo Čedomilj Mijatović, la cui nazione fu al centro dei combattimenti all'inizio della guerra. Si mossero in lungo e in largo per tutti gli Stati Uniti d'America e in Canada, raccogliendo denaro e sollecitando il governo statunitense a sostenere la Gran Bretagna e i suoi alleati della prima guerra mondiale.

Dopo meno di due anni gli Stati Uniti entrarono in guerra, allora Pankhurst vi tornò, incoraggiando le suffragette - che non avevano sospeso la loro militanza - a sostenere gli sforzi di guerra interrompendo immediatamente tutte le attività legate al voto. Parlò anche delle sue paure nei confronti del pericolo di un'insurrezione da parte del comunismo, che considerò sempre essere una grave minaccia per la democrazia[116].

Marija Leont'evna Bočkarëva e Emmeline al principio del 1918.

Nel giugno del 1917 intanto la rivoluzione di febbraio aveva rafforzato il bolscevismo, che esortava a terminare la belligeranza. L'autobiografia di Pankhurst venne tradotta e fu ampiamente letto in tutta la Russia; ela vide da questo fatto un'immensa opportunità per esercitare pressioni sul popolo russo. Sperò di convincerli a non accettare le condizioni di pace imposte dall'impero tedesco, che vide come una potenziale sconfitta anche per la Gran Bretagna.

Il primo ministro del Regno Unito David Lloyd George accettò di sponsorizzare il suo viaggio in Russia, che cominciò in giugno. Dichiarò davanti ad una folla accorsa: "sono venuta fino a Pietrogrado con una preghiera della nazione inglese alla nazione russa, affinché tu possa continuare la guerra da cui dipende il destino futuro della civiltà e della libertà"[117].

La risposta della stampa rimase divisa tra la sinistra politica e la destra (politica); la primo la rappresentò come un mero strumento del capitalismo, mentre la secondo non mancò di elogiare il suo devoto patriottismo[118].

Nel mese di agosto incontrò Aleksandr Fëdorovič Kerenskij, l'allora primo ministro russo. Anche se era stata attiva con l'ILP orienato verso il socialismo negli anni passati, Pankhurst aveva cominciato a vedere la politica di sinistra come estremamente sgradevole, un atteggiamento che si intensificò sempre di più mentre si trovava in territorio russo.

L'incontro risultò assai scomodo per entrambe le parti; ella ritenne di non essere in grado di apprezzare il conflitto di classe su cui si basava la politica russa in quel momento. Concluse dicendogli che le donne inglesi non avevano niente da insegnare alle donne russe. Più tardi dichiarò al New York Times che il comunismo rappresentava la "più grande frode dei tempi moderni" e che il suo governo avrebbe potuto "distruggere l'intera civiltà occidentale"[119][120].

Realizzazione del suffragio (1918)[modifica | modifica wikitesto]

Quando tornò dalla Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa Pankhurst fu lieta di scoprire che il diritto di voto per le donne era finalmente in procinto di diventare realtà. La "Representation of the People Act 1918" rimosse le restrizioni di proprietà sul suffragio maschile e concesse il voto alle donne di età superiore ai 30 anni (con diverse restrizioni).

Come suffragiste e suffragette oramai celebri e preparate per il loro imminente tragitto elettorale, scoppiò una nuova scissione sulla questione se le organizzazioni politiche delle donne si dovessero unire o meno a quelle stabilite dagli uomini. Molti socialisti e moderati sostennero l'unità dei sessi nella politica, ma Emmeline e Christabel Pankhurst videro invece nel rimanere separati un'ideaa migliore. Ricostituirono la WSPU come "Partito delle donne", ancora aperto solo alle donne.

Dissero: "possono servire meglio la nazione tenendoci lontane dagli apparati e dalle tradizioni politiche del partito maschile che, con il consenso universale, ha sempre lasciato così tanto a desiderare"[121]. Il partito favorì la parità legale nel contratto matrimoniale, la parità di retribuzione per uguale lavoro svolto e le pari opportunità di lavoro per le donne. Tuttavia, tutte queste questioni costituivano argomento di dibattito per l'epoca del dopoguerra.

Mentre i combattimenti continuavano, il "Partito delle donne" non chiese alcun compromesso sulla sconfitta dell'impero tedesco; la rimozione dal governo di chiunque avesse rapporti familiari con i tedeschi o atteggiamenti pacifisti; infine richiesero le ore di lavoro più corte per prevenire gli scioperi del sindacato. Quest'ultima proposta nella piattaforma del partito era destinata a scoraggiare il potenziale interesse per il bolscevismo, nei confronti del quale Pankhurst si dimostrò essere sempre più ansiosa[122] e preocupata.

Attività post-guerra[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni dopo l'Armistizio di Compiègne del 1918 Pankhurst continuò a promuovere la sua visione nazionalista dell'unità britannica. Mantenne focalizzata la sua attenzione sull'empowerment delle donne, ma i suoi giorni di lotta contro il governo terminarono ufficialmente: ella difese a questo punto la presenza e l'importanza dell'Impero britannico:

« "alcuni parlano dell'Impero e dell'Imperialismo come se fossero qualcosa da deplorare e qualcosa da cui vergognarsi. È una cosa fantastica invece essere i successori di un Impero come il nostro ... grande nel territorio, grande nella ricchezza potenziale ... Se possiamo solo realizzare e utilizzare quella ricchezza potenziale possiamo distruggere la povertà, possiamo rimuovere e distruggere l'ignoranza dal mondo"[123] . »

Per anni viaggiò in giro per l'Inghilterra e l'America del Nord, sempre sostenendo l'impero britannico e avvertendo il pubblico sui pericoli insiti nel bolscevismo[124].

Il primo ministro britannico David Lloyd George non mancò di elogiare Pankhurst e il partito femminile: "hanno combattuto l'elemento bolscevico e del pacifismo con grande abilità, tenacia e coraggio"[125].

Emmeline Pankhurst divenne anche nuovamente attiva nella campagna elettorale dopo l'approvazione un disegno di legge che consentiva alle donne di concorrere per la Camera dei Comuni. Molti membri del "Partito delle donne" sollecitarono Pankhurst a candidarsi per le elezioni, ma ella insistette sul fatto che fosse invece Christabel Pankhurst la scelta migliore. Infaticabile nella campagna elettorale per la figlia, costituì un gruppo di pressione perché il primo ministro David Lloyd George fosse sostenuto e ad un certo punto fece un discorso appassionato sotto la pioggia. Christabel perse con un margine molto sottile contro il candidato del Partito Laburista (Regno Unito), il risultato finale mostrò una differenza di appena 775 voti. Un biografo la definì "la delusione più amara della vita di Emmeline"[126]. Il Partito delle donne scomparve subito dopo[127].

Come risultato dei suoi numerosi viaggi nell'America settentrionale Pankhurst divenne un'appassionata del Canada, affermando in un'intervista che "sembra che ci sia più uguaglianza tra gli uomini e le donne che in qualsiasi altro paese che conosco"[128]. Nel 1922 chiese l'autorizzazione canadese ad avere una proprietà (una condizione preliminare per lo status di "soggetto britannico con domicilio canadese") e affittò una casa a Toronto dove si trasferì con i suoi quattro figli adottivi.

Divenne attiva presso il "Canadian National Council for Combating Venereal Diseases (CNCCVD)", (Consiglio nazionale canadese per la lotta contro le malattie sessualmente trasmissibili-CNCCVD) lavorando contro il doppio standard sessuale, che Pankhurst considerò sempre particolarmente dannoso per le donne. Durante un tour compiuto a Bathurst (Canada) il sindaco le mostrò un nuovo edificio che sarebbe diventato la "Casa per le donne cadute". Pankhurst rispose: "ah, ma dove si trova la tua casa per gli uomini caduti?"[129] Tuttavia, molto presto si stancò dei lunghi inverni canadesi e finì di guadagnare soldi. Ritornò in Inghilterra alla fine del 1925[130].

Di nuovo a Londra Emmeline venne visitata da Sylvia Pankhurst, che non aveva più veduto la madre negli ultimi anni. La loro politica era diventata oramai molto diversa e Sylvia viveva, non sposata, con un'esponente dell'anarchismo in Italia. Sylvia descrisse un momento di affetto familiare quando si incontrarono, seguiti da una triste distanza intercorsa tra loro. La figlia adottiva di Emmeline, Mary, tuttavia ricordò diversamente l'incontro; secondo la sua versione Emmeline posò il suo e camminò in silenzio fuori dalla stanza lasciando Sylvia in lacrime[131]. Christabel Pankhurst, nel frattempo, si era convertita all'avventismo e dedicò gran parte del suo tempo alla Chiesa (comunità). La stampa britannica fece talvolta luce sui vari percorsi seguiti dalla famiglia una volta praticamente indivisibile[132].

Nel 1926 Pankhurst si unì al Partito Conservatore (Regno Unito) e due anni dopo fu candidata per un posto al Parlamento del Regno Unito a "Whitechapel e Saint George's". La sua trasformazione da sostenitrice infuocata dell'ILP dal radicalismo smascherante a membro ufficiale del Partito Conservatore britannico sorprese molte persone. Lei rispose in modo sintetico: "la mia esperienza di guerra e la mia esperienza dall'altra parte dell'Oceano Atlantico hanno cambiato notevolmente le mie opinioni"[133].

I suoi biografi insistono sul fatto che la mossa fu alquanto più complessa; lei si dedicò ad un programma di empowerment femminile e di feroce anticomunismo. Sia il Partito Liberale che quello Laburista si rivelarono indignati per il suo lavoro svolto contro di loro nel WSPU, mentre il Partito conservatore ebbe una vittoria da record dopo la prima guerra mondiale ed una maggioranza significativa nel 1924. L'adesione di Pankhurst al Partito Conservatore potrebbe aver avuto tanto a che fare con il suo obiettivo di ottenere il voto per le donne come con l'ideologia.[134]

La tomba di Emmeline al Brompton Cemetery.

Malattia e morte[modifica | modifica wikitesto]

La campagna eletorale di Emmeline Pankhurst per ottenere un posto al Parlamento del Regno Unito fu preceduta dalla sua malattia e da uno scandalo finale che coinvolse Sylvia Pankhurst. Gli anni di viaggi, conferenze, prigionia e di sciopero della fame relcamarono il loro tributo; la stanchezza e la malattia divennero regolarmente parte della vita di Pankhurst.

Ancora più dolorosa, tuttavia, fu la notizia scoppiata nell'aprile del 1928 che Sylvia aveva partorito al di fuori del matrimonio. Aveva chiamato il figlio Richard Keir Pethick Pankhurst, in memoria rispettivamente del padre, del suo compagno dell'ILP e della sua collega della WSPU. Emmeline rimase ulteriormente scossa nel vedere un rapporto giornalistico statunitense il quale dichiarava che "Miss Pankhurst" - un titolo normalmente riservato a Christabel Pankhurst - si vantava del suo figlio come di un trionfo dell'eugenetica, in quanto entrambi i genitori erano sani e intelligenti[135].

Sempre nello stesso articolo Sylvia parlò anche della sua convinzione che "il matrimonio senza alcun sindacato legale" fosse l'opzione migliore per le donne liberate. Questi reati contro la dignità sociale che Pankhurst aveva sempre valorizzato devastarono l'anziana donna; a peggiorare le cose, molte persone credettero che la "Miss Pankhurst" citata nei titoli dei giornali si riferisse a Christabel. Dopo aver sentito la notizia, Emmeline trascorse un giorno intero piangendo; la sua campagna per il parlamento si era conclusa con lo scandalo[136].

Mentre la sua salute andava sempre peggiorando Emmeline Pankhurst si trasferì in una Residenza sanitaria assistenziale ubicata ad Hampstead, chiedendo di essere curata dallo stesso medico che l'assistette durante i suoi scioperi della fame: il suo far utilizzo della lavanda gastrica l'aveva aiutata a sentirsi meglio mentre si trovava in prigione e la pretese anche ora.

Le sue infermiere sembrarono sicure che lo shock provocato da un tale trattamento l'avrebbe ferita gravemente, ma Christabel si sentì obbligata a far esaudire la richiesta della madre. Prima che fosse possibile eseguire la procedura, tuttavia, cadde in una condizione critica da cui nessuno si aspettava che si potesse più riprendere. Giovedì 14 giugno 1928 Pankhurst morì, all'età di 69 anni[137]. Fu interrata nel Brompton Cemetery situato a Kensington e Chelsea[138].

Celebrazioni davanti alla statua dedicata ad Emmeline nel 1930.

Eredità spirituale[modifica | modifica wikitesto]

La notizia della morte di Emmeline Pankhurst venne annunciata in tutto il paese ed ampiamente pubblicizzata in America del Nord. Il suo servizio funebre celebrato il 18 giugno fu pieno dei suoi ex colleghi dell'WSPU e di tutti coloro che avevano lavorato accanto a lei in varie occasioni. Il Daily Mail descrisse la processione come quella di "un generale morto in mezzo al suo un esercito in lutto"[139].

Le donne indossavano fasce e nastri dell'WSPU e la bandiera dell'organizzazione venne portata a fianco della Bandiera del Regno Unito. Christabel e Sylvia apparvero insieme al servizio, quest'ultima assieme con il figlio. Adela non partecipò[140]. La copertura della stampa giunse in tutto il mondo e riconobbe il suo lavoro instancabile per favorire il diritto di voto per le donne, anche se furono d'accordo sul valore dei suoi effettivi contributi. Il New York Herald Tribune la chiamò "l'agitatrice politica e sociale più notevole della prima parte del XX secolo e la protagonista supremo della campagna per l'eleggibilità elettorale delle donne"[141].

La statua dedicata a Pankhurst venne eretta con una velocità insolita, come non mancò di rilevare il New York Times: "mentre è noto il passaggio dal martirio ai memoriali scolpiti, il processo nel caso Pankhurst è stato insolitamente breve"[142].

Poco dopo il funerale una delle sue guardie del corpo al tempo dei giorni all'WSPU, Katherine Marshall, cominciò a raccogliere fondi per poter far erigere una statua commemorativa. Nella primavera del 1930 questi sforzi portarono i suoi frutti e il 6 marzo fu scoperta la statua ai Victoria Tower Gardens. Una folla di radicali, ex sufraquette e dignitari nazionali vi si riunirono attorno, come ex primo ministro del Regno Unito Stanley Baldwin il quale presentò il memoriale al pubblico. Nel suo discorso, Baldwin dichiarò: "io dico senza paura di essere contraddetto che, qualunque sia la prospettiva da cui la si guardi, la signora Pankhurst ha ottenuto per se stessa una memoria nel tempio della fama che dura per sempre"[143].

Sylvia fu l'unica figlia di Pankhurst a presenziare; Christabel, in viaggio nell'America del Nord, mandò un telegramma che venne letto ad alta voce. Durante la pianificazione della cerimonia Marshall escluse intenzionalmente Sylvia, che a suo avviso aveva affrettato la morte della madre[144].

Nel corso del XX secolo il contributo dato da Emmeline Pankhurst al movimento per il suffragio femminile è stato discusso con passione e nessun consenso unanime è stato mai raggiunto. Le sue figlie Sylvia e Christabel soppesavano con i propri rispettivi libri, sprezzanti e lusinghieri, l'importnza del loro tempo passato nella lotta. Il libro del 1931 di Sylvia, The Suffrage Movement, descrive il cambiamento politico di sua madre all'inizio della prima guerra mondiale come l'inizio di un tradimento della sua famiglia (in particolare di suo padre) e del movimento tutto[2].

Ella ha impostato il tono assecondando gran parte della sua storia nel socialismo e nell'attivismo scrivendo sul WSPU e ha soprattutto solidificato la reputazione di Emmeline Pankhurst come un autocratico irragionevole. Christabel in Unshackled: The Story of How We Won the Vote' (Unshackled: La storia di come abbiamo conquistato il voto), pubblicato nel 1959, dipinge la madre generosa e altruista ma afflitta da un difetto, quello di offrirsi completamente alle più nobili cause. Ha fornito una controparte simpatica agli attacchi di Sylvia e ha continuato la discussione oramai polarizzata; la valutazione distaccata e oggettiva è stata raramente parte del lavoro di studio su Pankhurst[2].

Il "Pankhurst Centre" a Manchester, l'ex abitazione di Emmeline dove venne fondata la WSPU.

Le più recenti biografie dimostrano che anche gli storici differiscono in proposito, se cioè la militanza di Emmeline Pankhurst abbia aiutato o semmai ferito il movimento[2][3]; tuttavia, vi è un accordo generale sul fatto che il WSPU ha suscitato la consapevolezza pubblica del movimento in modi che si sono rivelati essenziali. Baldwin l'ha paragonata a Martin Lutero e a Jean-Jacques Rousseau: individui che non erano al vertice dei movimenti in cui hanno preso parte, ma che tuttavia hanno svolto un ruolo cruciale nelle lotte di riforma sociale e politica. Nel caso di Pankhurst, questa riforma si è svolta sia in modo intenzionale che in modo involontario. Sfidando i ruoli di moglie e madre come docile compagna, Pankhurst ha aperto la strada per le femministe che avrebbero decretato il loro supporto all'impero britannico prima e ai valori sociali della sostenibilità poi[3].

L'importanza di Emmeline Pankhurst per il Regno Unito fu dimostrata nuovamente nel 1929, quando un suo ritratto venne aggiunto alla National Portrait Gallery. Nel 1987 una delle sue case a Manchester è stata aperta come "Centro Pankhurst", uno spazio per poter raccogliere tutte le donne del movimento e il museo annesso[145]. Nel 2002 Pankhurst si è posizionata al 27° posto nel sondaggio (statistica) svolto dalla BBC sui 100 britannici più importanti della storia (vedi 100 Greatest Britons)[146].

Nel gennaio 2016, dopo una votazione pubblica, è stato annunciato che una statua di Emmeline Pankhurst sarebbe stata scoperta a Manchester entro il 2019; la prima donna onorata con una statua in città dai tempi della regina Vittoria del Regno Unito oltre 100 anni fa[147].

Helen Pankhurst, la bisnipote di Emmeline Pankhurst e la nipote di Sylvia Pankhurst lavora a tut'oggi per i diritti delle donne. Insieme a sua figlia ha fondato "Olympic Suffragettes", che si occupa di numerose questioni relative ai diritti delle donne[148].

Targa dedicatoria per Emmeline e Christabel Pankhurst a Kensington e Chelsea.

Nella cultura popolare[modifica | modifica wikitesto]

Pankhurst viene menzionata nei testi di "Sister Suffragette" cantati dalla signora Banks nel film cinematografico live action dei lungometraggi Disney intitolato Mary Poppins (film)[149]; la pellicola è ambientata nella Londra del periodo edoardiano, verso il 1910, contemporaneo quindi al movimento delle Suffragette.

La BBC ha drammatizzato la vita di Emmeline Pankhurst nella serie in sei parti Shoulder to Shoulder nel 1974, con l'attrice gallese Siân Phillips nel ruolo della protagonista.

Nel film Suffragette (film) del 2015, Pankhurst, interpretata da Meryl Streep, appare in diverse scene[150].

Emmeline e Christabel Pankhurst vengono raffigurate come le leader fuggitive del WSPU nella trilogia graphic novel del 2015 intitolata Suffrajitsu: Mrs. Pankhurst's Amazons.

Emmeline Pankhurst, Annie Kenney e la baronessa Emmeline Pethick Lawrence.
Cartolina fotografica che ritrae Emmeline nel 1907.
Foto di Emmeline con le sue due figlie, Christabel Pankhurst e Sylvia Pankhurst, alla stazione di London Waterloo. Emmeline andò a tenere un serie di cmnferenze e letture pubbliche in USA e in Canada (1911 o 1913).

[[|File:Frederick and Emmeline Pethick Lawrence, Emmeline Pankhurst and (Mabel Tuke) in court, 1912. (22910622782).jpgthumb|Emmeline, Frederick e Emmeline Pethick Lawrence davanti alla corte nel 1912.]]

Satira giornalistica del 1913: come Emmeline Pankhurst - che porta con sé un fascio di discorsi e viene accompagnata dal suo cane fedele chiamato "Militancy" - si avvicina alla porta d'ingresso degli Stati Uniti d'America, vede che i cani non sono ammessi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marina Warner, Emmeline Pankhurst –Time 100 People of the Century, in Time, 14 giugno 1999.
  2. ^ a b c d Bartley, pp. 4–12; Purvis 2002, pp. 1–8.
  3. ^ a b c Bartley, pp. 240–241; Purvis 2002, pp. 361–363.
  4. ^ a b E. Pankhurst 1914, p. 38.
  5. ^ Hochschild, Adam (2011). To End All Wars, p. 71. Houghton Mifflin Harcourt, Boston. ISBN 978-0-618-75828-9.
  6. ^ a b c Quoted in Purvis 2002, p. 270.
  7. ^ White Feather Feminism, itech.fgcu.edu. URL consultato il 24 febbraio 2014.
  8. ^ Representation of the People Act 1918, parliament.uk. URL consultato il 24 febbraio 2014.
  9. ^ Emmeline Pankhurst – Conservative candidate.
  10. ^ Index to Register of births for the Chorlton registration district of Lancashire, Volume 8c (December Quarter of 1858), p. 529: the Register records her name as Emiline Goulden.
  11. ^ Citato in Purvis 2002, p. 9.
  12. ^ Purvis 2002, p. 9; Bartley, pp. 15–16. Purvis suggerisce diverse possibili cause della confusione. Inoltre rileva che il nome è scritto "Emiline" sul certificato.
  13. ^ Bartley, p. 16; Liddington and Norris, p. 74.
  14. ^ "125th Anniversary of Women's Suffrage on the Isle of Man" Template:Webarchive. 10 October 2006. Isle of Man Government. Retrieved 5 August 2008.
  15. ^ Bartley, pp. 16–18.
  16. ^ Bartley, pp. 18–19; Purvis 2002, p. 9; Phillips, p. 145.
  17. ^ Bartley, pp. 20–21; Pugh, p. 7.
  18. ^ E. Pankhurst 1914, pp. 1–2; Bartley, pp. 20–21; Purvis 2002, p. 10.
  19. ^ Purvis 2002, p. 9. Nella sua autobiografia Pankhurst ha scritto a p. 3: "Non ricordo un momento in cui non sapessi leggere".
  20. ^ a b E. Pankhurst 1914, p. 3.
  21. ^ a b E. Pankhurst 1914 a p. 6 aggiunge: "Mi è venuto in mente di comprendere il motivo per cui mi trovavo sottoposta all'obbligo particolare di rendere la casa più attraente per i miei fratelli. Eravamo in ottimi termini di amicizia, ma non fu mai suggerito loro come fosse un dovere quello di rendere attraente la casa per me".
  22. ^ Purvis 2002, p. 11; Bartley, pp. 22–23.
  23. ^ Purvis 2002, p. 20.
  24. ^ E. Pankhurst 1914, p. 9; Bartley, p. 22; Purvis 2002, p. 12.
  25. ^ E. Pankhurst 1914, p. 10; E.S. Pankhurst 1931, pp. 54–55; Bartley, pp. 23–25; Purvis 2002, pp. 12–13.
  26. ^ Purvis 2002, p. 14; Bartley, p. 25; West, pp. 245–246; C. Pankhurst, pp. 17–18.
  27. ^ E.S. Pankhurst 1931, p. 55.
  28. ^ E.S. Pankhurst 1931, p. 56.
  29. ^ Purvis 2002, pp. 15–17; Pugh, pp. 19–24; E.S. Pankhurst 1931, pp. 55–57; C. Pankhurst, pp. 20–22; Bartley, pp. 25–27.
  30. ^ E. Pankhurst 1914, p. 13.
  31. ^ a b Pugh, p. 26; E.S. Pankhurst 1931, pp. 57–58; C. Pankhurst, pp. 24–26; Purvis 2002, pp. 18–25; Bartley, p. 30.
  32. ^ E.S. Pankhurst 1931, p. 103.
  33. ^ a b E.S. Pankhurst, p. 90.
  34. ^ Purvis 2002, pp. 29–30; Bartley, pp. 38–39; Pugh, pp. 53–54; E.S. Pankhurst 1931, pp. 94–95.
  35. ^ Purvis 2002, pp. 29–30; Bartley, pp. 38–39; Pugh, pp. 53–54; E.S. Pankhurst 1931, pp. 94–95.
  36. ^ Purvis 2002, p. 33; Pugh, pp. 53–54; Bartley, pp. 38–39; E.S. Pankhurst 1931, p. 95; Phillips, p. 151.
  37. ^ Citato in Purvis 2002, p. 29.
  38. ^ Citato in Purvis 2002, p. 31 and Phillips, p. 151.
  39. ^ Phillips, pp. 150–151; Bartley, pp. 38–41; Purvis 2002, pp. 30–37; Pugh, pp. 51–55.
  40. ^ Purvis 2002, pp. 39–40; Pugh, pp. 57–60; E.S. Pankhurst, pp. 113–116.
  41. ^ Pugh, p. 61.
  42. ^ a b Bartley, pp. 42–43; Purvis 2002, pp. 40–42; Pugh, pp. 60–61.
  43. ^ C. Pankhurst, p. 32.
  44. ^ E. Pankhurst 1914, pp. 25–28.
  45. ^ E .S. Pankhurst 1931, p. 132.
  46. ^ Ciato in Purvis 2002, p. 47.
  47. ^ Purvis 2002, pp. 46–49; Bartley, pp. 57–59; Pugh, pp. 72–75.
  48. ^ Citato in Purvis 2002, p. 52.
  49. ^ Purvis 2002, pp. 51–52; Bartley, pp. 59–60; Pugh, pp. 75–77.
  50. ^ a b E. Pankhurst 1914, p. 32–34.
  51. ^ Bartley, pp. 61–64; Purvis 2002, pp. 57–58; Pugh, p. 86.
  52. ^ E.S. Pankhurst 1931, p. 99.
  53. ^ Pugh, pp. 92–93; E.S. Pankhurst 1931, pp. 164–165.
  54. ^ E.S. Pankhurst 1931, pp. 162–163; Pugh, pp. 96–98.
  55. ^ Pugh, pp. 82–83; Purvis 2002, p. 56.
  56. ^ Citato in Bartley, p. 98.
  57. ^ Purvis 2002, pp.65–67; Bartley, pp. 71–82; Pugh, pp. 104–108.
  58. ^ Purvis 2002, pp.65–67; Bartley, pp. 71–82; Pugh, pp. 104–108.
  59. ^ Purvis 2002, pp. 70–73; Bartley, p. 78; Pugh, pp. 124–125.
  60. ^ Purvis 2002, pp. 87–88.
  61. ^ Purvis 2002, pp. 74–75; Bartley, pp. 78–79; E. Pankhurst 1914, p. 48.
  62. ^ Purvis 2002, p. 88; Bartley, p. 84
  63. ^ Citato in Bartley, p. 103.
  64. ^ June Purvis, Sandra Stanley Holton (eds.), Votes For Women, Routledge, 2000, p. 120.
  65. ^ Quoted in Bartley, p. 100.
  66. ^ Bartley, pp. 98–103; Purvis 2002, pp. 129–130.
  67. ^ Bartley, p. 106.
  68. ^ Citato in Bartley, p. 103.
  69. ^ Purvis 2002, pp. 101–102; Bartley, p. 104–105.
  70. ^ Bartley, pp. 85–88; Purvis 2002, pp. 86–87.
  71. ^ Bartley, pp. 91–93; Purvis 2002, pp. 96–99; Pugh, pp. 165–168.
  72. ^ Bartley, pp. 91–93; Purvis 2002, pp. 96–99; Pugh, pp. 165–168.
  73. ^ E. Pankhurst 1914, p. 59.
  74. ^ Purvis 2002, pp. 108–109; Bartley, p. 96.
  75. ^ Purvis 2002, pp. 108–109; Bartley, pp. 96–97.
  76. ^ Purvis 2002, pp. 108–109; Bartley, p. 97.
  77. ^ Purvis 2002, pp. 129–135; Bartley, p. 113.
  78. ^ Purvis 2002, pp. 129–135; Bartley, p. 114.
  79. ^ Citato in Purvis 2002, p. 194.
  80. ^ Purvis 2002, pp. 147 and 181.
  81. ^ Holton 1996, p. 253; Purvis 2002, pp. 135–138.
  82. ^ Purvis 2002, pp. 98–99
  83. ^ Purvis 2002, pp. 142–153.
  84. ^ Purvis 2002, pp. 152–153; Bartley, p. 88.
  85. ^ Citato in Purvis 2002, p. 150.
  86. ^ a b Purvis 2002, pp. 143–151.
  87. ^ E. Pankhurst 1914, p. 252.
  88. ^ Purvis 2002, pp. 179–189; 128–132.
  89. ^ Purvis 2002, pp. 179–189; 128–132.
  90. ^ E. Pankhurst, pp. 251–252.
  91. ^ E. Pankhurst 1914, p. 255.
  92. ^ Bartley, pp. 152–153.
  93. ^ Bartley, pp. 152–155.
  94. ^ Bartley, pp. 155–156.
  95. ^ Manchester Guardian 20 July 1912, "The Dublin Outrages by Women"
  96. ^ Purvis 2002, p. 193.
  97. ^ E. Pankhurst 1914, pp. 270–271; Purvis 2002, p. 209; Bartley, p. 146.
  98. ^ Davies, Christie. "Velazquez in London." New Criterion. Volume: 25. Issue: 5, January 2007. p. 53.
  99. ^ Purvis 2002, pp. 190–193.
  100. ^ Pugh, pp. 225–226; Purvis 2002, pp. 193–196.
  101. ^ Purvis 2002, pp. 237–238; Bartley, p. 158.
  102. ^ E. S. Pankhurst 1931, p. 518.
  103. ^ E. S. Pankhurst 1931, p. 517.
  104. ^ Citato in Purvis 2002, p. 248.
  105. ^ Purvis 2002, pp. 248–249; Pugh, pp. 287–288.
  106. ^ C. Pankhurst 1959, p. 288.
  107. ^ Purvis 2002, pp. 266–271; Bartley, pp. 183–188; Pugh, pp. 298–301.
  108. ^ Citato in Pugh, p. 302.
  109. ^ Citato in Purvis 2002, p. 283.
  110. ^ Purvis 2002, pp. 282–284; Bartley, pp. 187–188.
  111. ^ Bartley, pp. 193–194; Purvis 2002, pp. 278–279.
  112. ^ Bartley, pp. 194–195; Purvis 2002, pp. 279–280.
  113. ^ Emmeline Pankhurst: A Biography, di June Purvis
  114. ^ Bartley, p. 195; Purvis 2002, p. 280.
  115. ^ Citato in Purvis 2002, p. 279 e Pugh, p. 317.
  116. ^ Bartley, pp. 202–206; Purvis 2002, pp. 284–286.
  117. ^ Citato in Purvis 2002, p. 295.
  118. ^ Purvis 2002, pp. 292–295; Bartley, pp. 200–201.
  119. ^ Citato in Bartley, p. 201.
  120. ^ Bartley, pp. 200–201; Purvis 2002, pp. 297–299.
  121. ^ Citato in Purvis 2002, p. 302.
  122. ^ Purvis 2002, pp. 300–303; Bartley, pp. 199–200; Pugh, pp. 340–341.
  123. ^ Citato in Purvis 2002, p. 312.
  124. ^ Purvis 2002, pp. 318–335.
  125. ^ Citato in Purvis 2002, p. 313.
  126. ^ Purvis 2002, p. 314.
  127. ^ Purvis 2002, pp. 312–314; Bartley, pp. 208–209.
  128. ^ Citato in Purvis 2002, p. 331.
  129. ^ Citato in Purvis 2002, p. 332.
  130. ^ Purvis 2002, pp. 337–338; Bartley, pp. 212–220.
  131. ^ Purvis 2002, p. 339. Bartley, p. 220.
  132. ^ Purvis 2002, p. 344.
  133. ^ Citato in Bartley, p. 221.
  134. ^ Bartley, pp. 220–223; Purvis 2002, pp. 340–344.
  135. ^ Purvis 2002, p. 349.
  136. ^ Purvis 2002, p. 350.
  137. ^ Purvis 2002, pp. 350–352; Bartley, pp. 227–228.
  138. ^ Bartley, p. 230.
  139. ^ Citato in Purvis 2002, p. 353.
  140. ^ Purvis 2002, pp. 352–353; Bartley, pp. 229–230.
  141. ^ Citato in Purvis 2002, p. 354.
  142. ^ Citato in Pugh, p. 409.
  143. ^ Citato in Purvis 2002, p. 357.
  144. ^ Bartley, pp. 230–231; Purvis 2002, pp. 355–357; Pugh, pp. 409–411. Pugh gives the date as 6 April, while Bartley and Purvis indicate March as the date of the statue's unveiling.
  145. ^ Bartley, pp. 240–241.
  146. ^ 100 great Britons – A complete list, in Daily Mail, 21 agosto 2002. URL consultato il 3 aprile 2013.
  147. ^ Suffragette Emmeline Pankhurst to get Manchester statue, in BBC News, 20 gennaio 2016. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  148. ^ (EN) Alexandra Topping, Olympic suffragettes regroup for women's rights march on parliament, in The Guardian, 19 agosto 2012, ISSN 0261-3077. URL consultato l'8 dicembre 2016.
  149. ^ Walt's Time: from before to beyond, Sherman, Robert B., p. 50. Santa Clarita: Camphor Tree Publishers, 1998.
  150. ^ Oliver Gettell, Meryl Streep to play British suffragette Emmeline Pankhurst, in Los Angeles Times, 20 febbraio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN44380444 · LCCN: (ENn50050204 · ISNI: (EN0000 0000 8377 7202 · GND: (DE118789473 · BNF: (FRcb12385471f (data) · NLA: (EN36190798