Emmanuelle 5

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Emmanuelle V)
Jump to navigation Jump to search
Emmanuelle 5
Titolo originaleEmmanuelle 5
Paese di produzioneFrancia
Anno1987
Durata85 min
Genereerotico
RegiaWalerian Borowczyk, Steve Barnett
SoggettoEmmanuelle Arsan
SceneggiaturaWalerian Borowczyk,
Alex Cunningham
Casa di produzioneASP
Distribuzione in italianoCRC
FotografiaMax Monteillet
MontaggioFrank Mathieu
MusichePierre Bachelet
ScenografiaSteve Greenberg
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Emmanuelle 5 è un film del 1987 diretto da Walerian Borowczyk e Steve Barnett.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Emmanuelle è una pornoattrice parigina protagonista del film Love Express che desta scalpore in occasione della sua presentazione al Festival di Cannes: qui il produttore le presenta il principe orientale Rajid, facoltoso sovrano dell'immaginario Paese del Bengacistan. All'esterno della sala di proiezione, Emmanuelle viene assalita da una ressa di fotografi e giornalisti che le strappano di dosso i vestiti costringendola a fuggire completamente nuda e a rifugiarsi sul motoscafo dell'industriale statunitense Charles Foster, dove nasce un'attrazione reciproca. Dopo avere discusso con Charles, Emmanuelle accetta l'invito di Rajid a visitarne il Paese scoprendo, però, che questi vuole tenerla nel proprio harem. Emmanuelle, contraria a sottomettersi a lui, fugge con l'aiuto di Eric, assoldato da Charles per liberarla. Una volta libera, Emmanuelle si getta tra le braccia di Charles, che intende fare ripartire il suo velivolo, un grande aereo da carico fermo da tempo e vuole Emmanuelle con sé nell'impresa: l'aereo, però, si schianta ed Emmanuelle si salva lanciandosi col paracadute. Alla fine, Emmanuelle riceve una lettera a conferma che anche Charles è sopravvissuto all'incidente.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La regia del film, attribuita a Walerian Borowczyk, è solo in parte opera del regista polacco. Lo stesso Borowczyk, in un'intervista rilasciata alla rivista Video Watchdog nel 1994, riconosce la paternità della sola sequenza del film Love Express, attribuendo il resto al suo assistente Steve Barnett[1]. In questa sequenza, tuttavia, è riconoscibile lo stile di Borowczyk caratterizzato da inquadrature di oggetti che frammentano continuamente l'azione e da un punto di vista per così dire voyeuristico ripreso, nel caso specifico, dagli sguardi dei passeggeri di un treno.

Dal montaggio che caratterizza le varie versioni, è evidente che si tratta di un film incompleto: le riprese documentaristiche sulla croisette, la voce fuori campo a commento di diverse scene e la reiterazione di diverse sequenze (soprattutto quelle appartenenti al film Love Express) sembrano cucite apposta per fornire all'opera una durata appena sufficiente per un lungometraggio.

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

Esistono diverse edizioni del film:

  • La versione per il mercato europeo: dura 78 minuti
  • La versione statunitense con nuove scene prodotte da Roger Corman in uno stile che ricorda le commedie statunitensi anni '80 tipo Addio al celibato(1984)
  • La versione francese con scene hardcore dove non è coinvolto alcun membro del cast principale

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

In Italia il film fu distribuito dalla CRC nell'agosto 1987.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Associazioni imprevedibili. Il cinema di Walerian Borowczyk. a cura di Albero Pezzotta. Edizioni Lindau, 2009, pagina 196

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]