Emmanuelle Béart

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emmanuelle Béart al Festival di Cannes 1998

Emmanuelle Marie Hélène Béart (Gassin, 14 agosto 1963) è un'attrice francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia del cantante e poeta egiziano di origine ebraica Guy Béart e dell'attrice Geneviève Galéa, poi divorziati, a undici anni ottiene il primo ruolo nel film Demain les mômes. Durante l'adolescenza recita alcune piccole parti in televisione fino a quando non si trasferisce a Montréal, in Canada, come bambinaia. L'anno seguente ritorna in Francia e entra in una scuola di teatro a Parigi.

Nel 1986 recita al fianco di Yves Montand nel film Manon delle sorgenti (Manon des sources). Per la sua interpretazione vince il Premio César per la migliore attrice non protagonista. La Béart ha anche ricevuto nomination ai premi César per i seguenti film:

Oltre al lavoro di attrice, la Béart è conosciuta per il suo impegno sociale. È ambasciatrice dell'UNICEF e si oppone alle leggi francesi contro l'immigrazione. Nel 1996 suscitò scalpore quando, manifestando per i diritti dei "sans-papiers" (immigranti illegali), occupò con un gruppo una chiesa di Parigi.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1993 ha sposato l'attore Daniel Auteuil - che aveva recitato con lei in Manon delle sorgenti e in Un cuore in inverno - da cui ha avuto una figlia, Nelly (1992); hanno divorziato nel 1995. Nel 1996 ha avuto un figlio, Jonah, dalla relazione con il musicista David Moreau. Nel 2008, dopo due anni di fidanzamento, ha sposato l'attore Michaël Cohen, con cui ha adottato nel 2010, un bimbo di 8 mesi, Surifel. Nel 2011 si sono separati.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Emmanuelle Béart al Festival di Cannes 2004
Emmanuelle Béart nel 2009

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN14348634 · ISNI (EN0000 0001 1468 0666 · LCCN (ENno94030454 · GND (DE123915945 · BNF (FRcb139247818 (data)