Emine Sevgi Özdamar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Emine Sevgi Özdamar (Malatya, 10 agosto 1946) è una scrittrice, regista e attrice tedesca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Emine Sevgi Özdamar è nata in Turchia ma ventenne si trasferisce a Berlino. Negli anni Settanta al teatro Volksbühne è assistente alla regia di Benno Besson. Ha un'esperienza biennale in Francia, sempre in ambito teatrale, ma ritorna in Germania, allo Schauspiel di Bochum dove mette in scena Karagöz in Alamania. Dal 1982 pubblica testi riguardanti il confronto tra la cultura tedesca e quella turca.

Ha vinto vari premi letterari tra cui il Premio Ingeborg Bachmann (1991), il Premio Walter Hasenclever della città di Aachen (1993), il Premio Adelbert von Chamisso (1999), il Premio Kleist (2004) e il Premio Roswitha (2022)[1]. Le sue opere sono state tradotte in varie lingue, tra cui l'italiano.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Karagöz in Alamania (1982, piéce teatrale)
  • Mutterzunge (1990, racconti)
  • Keloğlan in Alamania, die Versöhnung von Schwein und Lamm (1991, piéce teatrale)
  • Das Leben ist eine Karawanserei hat zwei Türen aus einer kam ich rein aus der anderen ging ich raus (1992, romanzo)
  • Die Brücke vom Goldenen Horn (1998, romanzo)
  • Der Hof im Spiegel (2001, racconti)
  • Seltsame Sterne starren zur Erde (2003, romanzo)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Roswitha-Preis von 2021 an Autorin Özdamar verliehen, su ndr.de, 6 marzo 2022. URL consultato l'11 aprile 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autoritàVIAF (EN85044366 · ISNI (EN0000 0001 1030 3441 · LCCN (ENnr91044667 · GND (DE119406586 · BNE (ESXX1056944 (data) · BNF (FRcb13560990z (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr91044667