Emilio Floris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emilio Floris
Emilio Floris datisenato 2018.jpg

Sindaco di Cagliari
Durata mandato 14 maggio 2001 –
1° giugno 2011
Predecessore Giovanni Balsamo (commissario straordinario)
Successore Massimo Zedda

Senatore della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 15 marzo 2013
Legislature XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
XVII: Il Popolo della Libertà
XVII - XVIII: Forza Italia
Circoscrizione Sardegna
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Forza Italia (1994-2009)
PdL (2009-2013)
Forza Italia (dal 2013)
Titolo di studio laurea in medicina e chirurgia
Professione medico, dirigente

Emilio Floris (Cagliari, 15 settembre 1944) è un politico italiano, senatore della XVIII legislatura per Forza Italia e sindaco di Cagliari dal 2001 al 2011.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Medicina, con specializzazione in Medicina del Lavoro, Cardiologia e Radiologia, comincia la carriera lavorando negli ospedali pubblici di Cagliari e Guspini. Successivamente, sulle orme del padre, dirige le case di cura "Sant'Antonio" di Cagliari e "Madonna del Rimedio" di Oristano.

È stato presidente della 'AIOP' e della associazione culturale "La Radice".

Tra i fondatori sardi di Forza Italia, nel 1994 è eletto al Consiglio Regionale, dove ricopre la carica di capogruppo del suo partito. Nel 1999 viene rieletto in Regione ed è riconfermato come capogruppo azzurro.

Il 13 maggio 2001 è eletto sindaco di Cagliari al primo turno con il 56,9% dei voti. Viene riconfermato l'11 giugno 2006 col 53,6% dei voti. Ha terminato il suo mandato nel giugno 2011.

Nel luglio 2012 è stato rinviato a giudizio per abuso di ufficio a seguito di una ordinanza da lui emessa durante il suo mandato riguardante il rinvio della demolizione dei chioschi della spiaggia di Cagliari.[1] In seguito, nel giugno 2017, è stato assolto perché il fatto non sussiste, in quanto il primo cittadino aveva emanato l'atto dopo una conferenza di servizi.[2]

Alle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013 è stato eletto senatore nelle file del Popolo della libertà. Dopo la scissione di NCD diventa tesoriere al Senato per FI.

Il 16 novembre 2013, con la sospensione delle attività del Popolo della Libertà, aderisce a Forza Italia[3].

Inoltre è il suocero del famoso attore Lorenzo Flaherty e cugino di Mario Floris.

Sarà rieletto senatore alle elezioni politiche del 2018.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]