Emilio Cipriani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Emilio Cipriani
Emilio Cipriani.jpg

Deputato del Regno di Sardegna
Legislature VII
Collegio Campi Bisenzio

Deputato del Regno d'Italia
Legislature VIII, IX
Collegio Firenze 4° (9°)

Senatore del Regno d'Italia
Legislature dalla XIV (nomina 12 giugno 1881)

Dati generali
Titolo di studio Laurea in medicina

Emilio Cipriani (Firenze, 16 settembre 1814Roma, 16 giugno 1883) è stato un medico e politico italiano. Fu senatore del Regno d'Italia dalla XIV legislatura.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Medico a Costantinopoli, ai primo moti del 1859 tornò in Toscana, nel 1862 partecipò all'estrazione della palla dalla gamba di Garibaldi nella giornata dell'Aspromonte, fu capo del corpo sanitario durante la spedizione garibaldina del 1867, nel 1878 ritornò a Costantinopoli e vi rimase fino alla sua nomina a senatore del regno, massone, fu membro della loggia di Costantinopoli "Italia Risorta", appartenente al Grande Oriente d'Italia[1] e del Conclave Kadosh di Rito scozzese antico ed accettato di Livorno, del quale fu deputato all'Assemblea costituente del Grande Oriente d'Italia del 1863[2].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine Militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Militare di Savoia
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (4 barrette) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (4 barrette)
Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Angelo Iacovella, Il triangolo e la mezzaluna. I "Giovani Turchi" e la massoneria italiana, Edizioni Nuova Cultura, Roma, 2011, p. 15.
  2. ^ Aldo Alessandro Mola, Storia della Massoneria in Italia dal 1717 al 2018, Bompiani-Giunti, Milano-Firenze, 2018, p. 772.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN154159474046927660440 · BAV 495/163849