Ematoma subdurale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Ematoma subdurale
Subduralandherniation.PNG
Ematoma subdurale fronto-parietale sinistro, indicato con la freccia, associato a uno spostamento a destra del tessuto cerebrale e ad una emorragia biventricolare a livello dei corpi dei ventricoli laterali (iperdensità intraventricolare)
Specialitàmedicina d'emergenza-urgenza
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM852.2 e 432.1
ICD-10I62.0, P10.0 e S06.5
MeSHD006408, D046649, D020199, D046648 e D020200
MedlinePlus000713
eMedicine1137207
Eponimi
emorragia subdurale

L'ematoma o emorragia subdurale è una versamento di sangue, solitamente conseguente a un trauma cranico, che va a localizzarsi nelle meningi, in particolare tra la dura madre e l'aracnoide. Le cause non traumatiche dell'ematoma sono spesso conseguenza di alterazioni della coagulazione del sangue. Formata da sangue venoso, se va a comprimere le strutture del sistema ventricolare può bloccare il deflusso del liquor dando origine all'idrocefalo ostruttivo. La diagnosi può essere accertata tramite una semplice TC cranica senza mezzo di contrasto che evidenzierà, nel caso di un ematoma subdurale acuto un’area iperdensa (cioè più chiara rispetto al tessuto cerebrale circostante) a forma di falce, adiacente alla teca cranica. Nel caso in cui l’ematoma subdurale sia cronico si evidenzierà un’area ipodensa (cioè più scura rispetto al tessuto cerebrale circostante). Essendo l’ematoma subdurale un’emergenza sanitaria di una certa importanza, per la diagnosi effettiva la risonanza magnetica non è indicata di routine poiché presenta dei tempi di esecuzione nettamente maggiori rispetto alla tomografia computerizzata e non è accessibile a tutti i pazienti (quali ad esempio persone portatori di pacemaker). Il trattamento può essere chirurgico e non. Sta al neurochirurgo valutare, tramite l’osservazione degli esami diagnostici eseguiti, la reale necessità di un intervento chirurgico di rimozione dell’ematoma. La sintomatologia dell’ematoma subdurale acuto può variare da una semplice nausea, disorientamento, vertigini, a sintomi ben più gravi quali le alterazioni dello stato di coscienza e il coma. Nel caso il paziente affetto da ematoma subdurale non sia cosciente o presenti alterazioni neurologiche importanti, per valutare la gravità della situazione, oltre agli esami di imaging radiologico, si può utilizzare la scala del Glasgow Coma Scale; quest’ultima è correntemente utilizzata dal personale medico per la valutazione dello stato di coscienza dei pazienti che abbiano subito dei traumi, ed è una scala a punti in cui si valutano la risposta verbale, oculare e motoria. Il punteggio massimo è 15 ed il minimo 3. Un paziente con un GCS minore o uguale ad 8 è un paziente affetto da un grave trauma cranico. L’ematoma subdurale acuto è una patologia frequente nei pazienti che hanno subito un trauma stradale od una caduta di una certa importanza e può causare, nonostante la rimozione chirurgica, dei danni cerebrali permanenti di varia gravità dovuti principalmente all’effetto massa che l’ematoma stesso ha sul tessuto cerebrale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina