Emanuele Castrucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Emanuele Castrucci nel 2009

Emanuele Castrucci (Monterosso al Mare, 3 giugno 1952) è un professore universitario e saggista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha frequentato negli anni sessanta il liceo classico statale Lorenzo Costa di La Spezia. All'epoca sosteneva posizioni monarchiche e di destra, contrapponendosi all'ala dell'assemblea di sinistra, guidata tra gli altri da Guido Tonelli.[1]

Laureatosi in giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Firenze nel febbraio 1975, lungo gli anni ottanta ha ricoperto in quell'ateneo il ruolo di ricercatore universitario di Filosofia del diritto. A Firenze si avvicina per un breve periodo alle posizioni di Autonomia Operaia, espresse all'epoca da Toni Negri, sotto la cui direzione scientifica scrive la sua tesi di laurea (Tra Stato di diritto e pianificazione, Firenze 1975).[1] Dal 1990 al 1997 ha insegnato come professore ordinario Teoria legale e Filosofia del diritto presso l'Università degli Studi di Genova. Dal 1998 al 2019 è stato professore ordinario di Filosofia del diritto e Filosofia politica nell'Università di Siena.[2]

I suoi studi riguardano principalmente la storia delle idee giuridico-politiche, avendo come oggetto temi quali: le origini e le forme del pensiero giuridico europeo moderno[3], la ricostruzione delle linee fondamentali della teoria dello Stato tedesca del primo XX secolo[4], le radici giuridiche e teologiche della tradizione culturale dell'Occidente. La sua ricerca riguarda inoltre alcuni aspetti costitutivi della dimensione contemporanea, tra i quali si possono ricordare: i presupposti antropologici del politico; i fondamenti dello jus publicum Europaeum[5], la critica a quella che considera l'ideologia dei diritti dell'uomo[6][7]. Allievo di Roman Schnur, nella sua ricerca ha approfondito i filoni di pensiero riconducibili alla cosiddetta rivoluzione conservatrice europea.[8][9]

Ha curato la traduzione in italiano dei volumi del giurista tedesco Carl Schmitt Il nomos della terra (1991, con cura editoriale dello storico della filosofia Franco Volpi) e Legge e giudizio. Uno studio sul problema della prassi giudiziale (2016).

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Hanno suscitato polemiche alcuni suoi tweet, a partire da uno pubblicato il 30 novembre 2019 col quale si riferiva a figure storiche naziste come Adolf Hitler - ritratto col il cane Blondi e il commento di Castrucci "Vi hanno detto che sono stato un mostro per non farvi sapere che ho combattuto contro i veri mostri che oggi vi governano dominando il mondo" - e Corneliu Zelea Codreanu, fondatore della Guardia di Ferro;[10] dopo la diffusione di questo tweet, ne sono stati portati in evidenza altri, ritenuti di matrice filonazista, razzista e antisemita,[11][12][13][14][15] nonché presunti insulti nei riguardi del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dell'ex Presidente della Camera Laura Boldrini.[16] Il professore si è difeso, affermando di essersi «limitato ad esprimere un giudizio storico personale avvalendomi, al di fuori della mia attività didattica, del principio di libertà di pensiero» e successivamente, in una memoria difensiva del suo avvocato, di non essere mai stato un nazista ma un "libero pensatore".[17][18] Il suo account è stato chiuso. Il 2 dicembre il rettore dell'Università degli Studi di Siena Francesco Frati ha preso le distanze da Castrucci, definendo «vergognose le esternazioni revisioniste e neonaziste» del professore e annunciando di aver «dato mandato agli uffici di attivare i provvedimenti conseguenti alla gravità del caso»[11] e, successivamente, di aver presentato un esposto in Procura dopo aver ravvisato «un profilo di illegalità» nelle parole del docente, ipotizzando il reato di odio razziale con l'aggravante di negazionismo.[19] Dopo la sospensione, Castrucci non si è presentato alla Commissione Disciplina dell'ateneo ma l'iter di licenziamento è stato bloccato in seguito alla richiesta di pensionamento fatta dal professore.[20] L'inchiesta penale è stata affidata alla procura di La Spezia.[21]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Monografie[modifica | modifica wikitesto]

  • Emanuele Castrucci, Ordine convenzionale e pensiero decisionista, Milano, Giuffrè Editore, 1981, ISBN non esistente.
  • Emanuele Castrucci, Tra organicismo e "Rechtsidee". Il pensiero giuridico di Erich Kaufmann, Milano, Giuffrè Editore, 1984, ISBN 88-14-00116-2.
  • Emanuele Castrucci, La forma e la decisione, Milano, Giuffrè Editore, 1985, ISBN 88-14-00427-7.
  • Emanuele Castrucci, Considerazioni epistemologiche sul conferimento di valore, Firenze, S. Gallo, 1988, ISBN non esistente.
  • Emanuele Castrucci, Introduzione alla filosofia del diritto pubblico di Carl Schmitt, Torino, G. Giappichelli Editore, 1991, ISBN 88-348-0198-9.
  • (DE) Emanuele Castrucci, Politische Theologie. Eine ideengeschichtliche Rekonstruktion, in Rudolf Morsey, Helmut Quaritsch e Heinrich Siedentopf (a cura di), Staat, Politik, Verwaltung in Europa. Gedächtnisschrift für Roman Schnur, Berlino, Duncker & Humblot, 1997, ISBN 978-3428086757.
  • Stefano Berni e Emanuele Castrucci, Hume e la proprietà, Siena, Università degli Studi di Siena. Dipartimento di scienze storiche, giuridiche, politiche e sociali, 2002, ISBN non esistente.
  • Emanuele Castrucci, Convenzione, forma, potenza. Scritti di storia delle idee e di filosofia giuridico-politica, Milano, Giuffrè Editore, 2 voll., 2003, ISBN 88-14-10764-5.
  • Luigi Alfieri, Emanuele Castrucci e Claudio Tommasi, Schopenhauer filosofo del diritto, Siena, Università degli Studi di Siena. Dipartimento di scienze storiche, giuridiche, politiche e sociali, 2004, ISBN non esistente.
  • Emanuele Castrucci, Ricognizioni. Quattro studi di critica della cultura, Firenze, S. Gallo, 2005, ISBN non esistente.
  • Emanuele Castrucci e Carlo Lottieri, Lezioni di Filosofia del diritto, Roma, Aracne Editrice, 2005, ISBN 88-548-0786-9.
  • Emanuele Castrucci (a cura di), Per una critica del potere giudiziario. Sugli articoli 101 e 104/1 della Costituzione, Firenze, Editing, 2007, ISBN non esistente.
  • Emanuele Castrucci (a cura di), Profilo di Storia del pensiero giuridico, Firenze, Editing, 2007, ISBN non esistente.
  • Emanuele Castrucci (a cura di), Per una critica dell'ideologia dei diritti dell'uomo, Firenze, Editing, 2009, ISBN non esistente.
  • Emanuele Castrucci, Nomos e guerra, Napoli, La Scuola di Pitagora, 2011, ISBN 978-88-6542-028-7.
  • Emanuele Castrucci (a cura di), Il regime giuridico delle situazioni d'eccezione, Firenze, Editing, 2012, ISBN non esistente.
  • Emanuele Castrucci, Le radici antropologiche del politico, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore, 2015, ISBN 978-88-498-4473-3.
  • (EN) Emanuele Castrucci, On the Idea of Potency. Juridical and Theological Roots of the Western Cultural Tradition, Edimburgo, Edinburgh University Press, 2016, ISBN 978-1-4744-1184-4.
  • Emanuele Castrucci, La teoria indoeuropea delle tre funzioni in Georges Dumézil e altri saggi, Milano, Giuffrè Francis Lefebvre, 2019, ISBN 978-88-288-1466-5.

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Emanuele Castrucci, il prof spezzino che giustifica Hitler, su Il Secolo XIX, 3 dicembre 2019. URL consultato il 5 dicembre 2019.
  2. ^ (EN) Emanuele Castrucci, su Facoltà di Giurisprudenza, Università degli Studi di Siena. URL consultato il 2 dicembre 2019.
  3. ^ Emanuele Castrucci, su store.rubbettinoeditore.it. URL consultato il 3 dicembre 2019.
  4. ^ Emanuele Castrucci, Itinerari della forma giuridica. Studi sulla dottrina dello Stato tedesca del primo Novecento, Milano, Giuffrè, 1984-1987. URL consultato il 3 dicembre 2019.
  5. ^ Emanuele Castrucci, La ricerca del Nomos, in C. Schmitt, Il Nomos della terra nel diritto internazionale dello “jus publicum europaeum”, Adelphi, Milano, anno 2003
  6. ^ Emanuele Castrucci, Retorica dell'universale - Una critica a Habermas, in Filosofia politica, vol. 15, Il Mulino, 2001, pp. 121 e seguenti.
  7. ^ Carlo Lottieri, Dai diritti individuali ai diritti umani: un totalitarismo in costruzione, in Il Politico, Università degli studi di Pavia, 2007.
  8. ^ Roman Schnur, Individualismo e assolutismo. Aspetti della teoria politica europea prima di Thomas Hobbes (1600-1640), a cura di Emanuele Castrucci, Milano, Giuffrè, 1979.
  9. ^ Emanuele Castrucci, La forma e la decisione. Studi critici, Milano, Giuffrè, 1985.
  10. ^ Marco Gasperetti, Emanuele Castrucci, il professore filonazista: «Ho espresso un giudizio storico personale», Corriere della Sera, 2 dicembre 2019. URL consultato il 2 dicembre 2019.
  11. ^ a b Siena, il professore nazista che elogia Hitler su Twitter. Il rettore dell'università: "Sanzioni ed esposto in Procura", la Repubblica, 2 dicembre 2019. URL consultato il 2 dicembre 2019.
  12. ^ Tweet antisemiti, la comunità ebraica ricorre alla magistratura, in La Nazione, 2 dicembre 2019.
  13. ^ Docente esalta Hitler in un tweet: il Rettore lo denuncia e ne chiede il licenziamento, su Rai News, 2 dicembre 2019.
  14. ^ Castrucci, il professore dell'Università di Siena che inneggia Hitler: il caso a Piazzapulita, Corriere di Siena, 6 dicembre 2019.
  15. ^ Non solo il tweet che inneggia a Hitler. I social del prof di Siena sono un inno all'antisemitismo, su L'HuffPost, 3 dicembre 2019. URL consultato il 6 dicembre 2019.
  16. ^ Lanfranco Palazzolo, Il caso del professore universitario filonazista a Siena che elogia Hitler su Twitter. Intervista a Laura Boldrini, Radio Radicale, 3 dicembre 2019.
  17. ^ Marco Gasperetti, Emanuele Castrucci, chi è il professore dell'Università di Siena che elogia Hitler su Twitter, Corriere della Sera, 2 dicembre 2019. URL consultato il 2 dicembre 2019.
  18. ^ Prof pro Hitler, "mai adesione a nazismo, si processa libero pensiero"
  19. ^ Valeria Strambi, Prof nazista all'università di Siena, il rettore: "Chiederò sospensione o licenziamento", la Repubblica, 2 dicembre 2019. URL consultato il 2 dicembre 2019.
  20. ^ Prof pro Hitler evita licenziamento e va in pensione - Adnkronos
  21. ^ Tweet nazista del docente. L'inchiesta sarà a Spezia

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN170634917 · ISNI (EN0000 0001 1968 6602 · SBN IT\ICCU\CFIV\039676 · LCCN (ENn81130269 · GND (DE1020534850 · BNF (FRcb12704920q (data) · WorldCat Identities (ENn81-130269