Elogio della pirateria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elogio della pirateria
Dal Corsaro Nero agli hacker
dieci storie di ribellioni creative
Copertina elogio pirateria.png
Copertina della versione cartacea del saggio
Autore Carlo Gubitosa
1ª ed. originale 2005
Genere saggio
Lingua originale italiano

Elogio della pirateria è un saggio di Carlo Gubitosa pubblicato da Terre di Mezzo nel 2005.

In esso l'autore affronta il tema - spesso controverso - della pirateria odierna, che non si limita più al solo campo navale, ma si sviluppa in molteplici settori dell'agire umano nei quali si configurerebbe sempre di più come pratica sociale o meglio ribellione creativa (come suggerisce il sottotitolo del libro) messa in atto da un numero sempre crescente di individui in reazione a regole avvertite come ingiuste.

I capitoli[modifica | modifica wikitesto]

Il libro, con prefazione di Paolo Attivissimo, è suddiviso in dieci capitoli o tesi:

  • Tesi numero 1 - I pirati dell'etere, sulla pirateria televisiva e radiofonica;
  • Tesi numero 2 - Pirateria musicale;
  • Tesi numero 3 - Pirateria e cultura;
  • Tesi numero 4 - Ciber-Pirati (sulla pirateria informatica);
  • Tesi numero 5 - I pirati del cibo (pirateria agroalimentare);
  • Tesi numero 6 - Telefonia pirata (pirateria telefonica o Phone Phreaking);
  • Tesi numero 7 - Pirateria della salute (pirateria farmaceutica);
  • Tesi numero 8 - Pirati di immagini;
  • Tesi numero 9 - Videopirateria (pirateria audiovisiva);
  • Tesi numero 10 - Arte pirata (pirateria artistica come graffiti, murales, tag).

Pirateria come forma di tutela[modifica | modifica wikitesto]

Gubitosa passa in rassegna le diverse pratiche ostacolate da brevetti, copyright e da un insieme di leggi, accordi e contratti che sminuiscono la valenza creativa e l'alto potenziale benefico di ognuna di esse e che minano alla base alcuni diritti umani inalienabili.

La pirateria tenderebbe proprio a tutelare libertà vecchie e nuove: l'autore parla di atti di liberazione, nuovi canali di diffusione delle idee, metodi di interazione sociale (come l'organizzazione dal basso, il libero scambio e la cooperazione), difesa di salute, vita umana ed ecosistema, usi personali senza scopo di lucro e libera espressione contrapponendoli alla mercificazione, alle regole di mercato, a voleri e pressioni dei gruppi d'interesse, ad ingiusti profitti e ai bombardamenti mediatici.

Sempre secondo lo scrittore, concetti ed azioni oggi ritenuti "eretici", potrebbero invece rivoluzionare positivamente il mondo in cui viviamo, e le persone che li portano avanti potranno rivelarsi come odierni "martiri" nella causa per un progresso più libero.

Licenza[modifica | modifica wikitesto]

Il libro è stato pubblicato sotto licenza libera Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works (CC-BY-NC-ND 2.0) e quindi può essere riprodotto e distribuito, con ogni mezzo fisico, meccanico o elettronico, a condizione che la riproduzione del testo avvenga integralmente e senza modifiche, a uso privato e a fini non commerciali.

Curiosamente una prima versione del testo era stata piratata, ovvero pubblicata su Internet prima della sua uscita ufficiale: ora è comunque liberamente disponibile per il download la sua versione riveduta e corretta. La versione cartacea del testo, oltre che dalle librerie, è distribuita dalle botteghe del commercio equo e solidale.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]