Elling (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elling
Titolo originale Elling
Lingua originale norvegese
Paese di produzione Norvegia
Anno 2001
Durata 89 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85 : 1
Genere drammatico
Regia Petter Næss
Soggetto Ingvar Ambjørnsen (romanzo "Brødre i blodet")
Sceneggiatura Axel Hellstenius
Produttore Dag Alveberg
Casa di produzione Maipo Film- og TV Produksjon, TNT Film Productions
Distribuzione (Italia) Italian International Film
Fotografia Svein Krøvel
Montaggio Inge-Lise Langfeldt
Musiche Lars Lillo-Stenberg
Scenografia Jan Sundberg. Harald Egede-Nissen
Costumi Aslaug Konradsdottir
Trucco Cecilie Greve
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Elling è un film del 2001 diretto da Petter Næss.

Il film ha ricevuto la nomination all'Oscar come migliore film straniero nel 2002, battuto poi dal film No Man's Land. Girato quasi interamente a Oslo, prende ispirazione da molti romanzi, ma soprattutto da Brødre i Blodet di Ingvar Ambjørnsen.

Il film ha poi avuto un seguito nel 2005, sempre con la regia di Petter Næss, dal titolo Love me tomorrow (Elsk meg i morgen) che tratta gli sviluppi d'amore dei due protagonisti Elling e Kjell Bjarne.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Elling è un uomo di 40 anni che ha vissuto l'intera sua vita solo e soltanto con sua madre. Dopo la morte di lei, Elling viene portato via e messo in una casa di cura. In quest'ultima tentano di guarirlo da tutte le sue fobie e proprio qui conosce Kjell Bjarne, un uomo molto semplice, ossessionato dalle donne e dal sesso. Dopo due anni chiusi nella struttura sanitaria di reinserimento, il governo norvegese decide che è il momento che vengano reintrodotti nel mondo civile e mette loro a disposizione un appartamento nel centro di Oslo. I due vengono messi anche sotto la custodia dell'assistente sociale, Frank Åsli, persona dai metodi molto rozzi ma efficaci. I due d'ora in poi dovranno vedersela da soli, confrontarsi con la vita reale e tentare di superare insieme tutte le loro paure. All'inizio, entrambi fanno fatica persino ad uscire di casa, ma pian piano riescono a interagire e integrasi col mondo esterno. Un giorno, però, Kjell Bjarne conosce una donna di cui si innamora. Questo porta a destabilizzare il rapporto tra i due, che cominciano a litigare, perché Elling ha paura di perdere il suo unico amico. Solo con l'incontro con Alfons, un anziano rimasto vedovo e completamente solo (che si scoprirà poi essere un poeta), Elling ritrova un po' di felicità. Ma saranno le poesie, che comincerà a comporre, che lo renderanno sempre più felice. Per far conoscere a tutti le sue creazioni, Elling le scrive su dei fogli che poi attacca all'interno delle confezioni di crauti e le lascia sugli scaffali dei supermercati. Si firma soltanto con lo pseudonimo di E., perché non vuole che nessuno sappia chi è l'autore di quei componimenti. Anche quando l'amico poeta gli dice che ha del talento, Elling non cercherà il successo ma rimarrà sempre uno "scrittore underground".

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema