Elk Cloner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Elk Cloner è il primo virus per computer che si conosca. È stato scritto nel 1982 dall'allora quindicenne Richard "Rich" Skrenta per il sistema operativo Apple DOS del personal computer Apple II.[1][2][3]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il virus si trasmette avviando un computer con un dischetto dell'Apple DOS infetto. Il codice malevolo viene salvato nel settore di boot e viene perciò caricato all'avvio della macchina insieme al sistema operativo, e poi resta residente in memoria. A quel punto, ogni volta che l'utente chiede l'elenco dei file con il comando catalog il virus scrive una copia di se stesso nel settore di boot di quel dischetto, infettandolo.[1][2]

Il virus non è molto dannoso perché è stato scritto solo per arrecare disturbo. Si limita infatti a mostrare sullo schermo, dopo il cinquantesimo avvio, il seguente messaggio:[2][3]

« Elk Cloner: The program with a personality

It will get on all your disks
It will infiltrate your chips
Yes it's Cloner!

It will stick to you like glue
It will modify RAM too
Send in the Cloner! »

Nascita del virus[modifica | modifica wikitesto]

Rich Skrenta era un ragazzino appassionato di elettronica. Nel 1981 ricevette come regalo di Natale un Apple II e, com'era d'uso all'epoca, cominciò a scambiare copie di giochi piratati con i suoi compagni di scuola. Ma Rich era anche un amante degli scherzi: ai software contenuti nei dischetti che passavano per le sue mani iniziò ad apportare delle modifiche in modo da bloccare l'esecuzione del gioco dopo un certo numero di avvii facendo nel contempo apparire un messaggio sullo schermo. Skrenta disse al riguardo:[3][4]

« Giocavo degli scherzi ai miei compagni alterando le copie dei giochi piratati per farli auto-distruggere dopo un certo numero di partite. Gli davo un nuovo gioco, loro abboccavano, ma poi il gioco cessava di funzionare con un mio commento scherzoso sullo schermo: "9th grade humor at work here". »
(Rich Skrenta)

Lentamente gli amici cominciarono a non scambiare più i giochi con Rich e lui iniziò a studiare un modo per poter infettare i dischetti senza averli materialmente in mano. A Rich venne l'idea di un "qualcosa" da lasciare in memoria in un computer che avrebbe potuto infettare qualsiasi disco fosse stato inserito in quella macchina anche in sua assenza. Sviluppò quell'idea creando quello che in seguito sarebbe stato definito un "boot sector virus", un virus residente sul settore di avvio del dischetto, un tipo di virus che viene caricato durante il boot del computer insieme al sistema operativo.[5] Il virus fu poi utilizzato per infettare un computer della scuola che frequentava:[4]

« Maturai l'idea di lasciare un qualcosa nel sistema operativo dell'Apple II della scuola. Il prossimo utente che lo avrebbe usato, se non avesse fatto un riavvio pulito con un suo disco, sarebbe stato colpito dal codice che avevo lasciato. Capii che un tale programma auto-propagante poteva essere scritto e che, piuttosto che farlo scoprire subito, potevo lasciarlo latente così che si potesse diffondere dalla prima persona ad altre ancora. Scrissi Elk Cloner e gli detti poi un bell'inizio di vita infettando tutti i dischi su cui potevo mettere sopra le mani. »
(Rich Skrenta)

Primo virus[modifica | modifica wikitesto]

Anche se Elk Cloner è considerato il primo virus informatico della storia, in realtà non è il primo malware che sia stato scritto: questo titolo appartiene a Creeper, creato nel 1972 da Robert Thomas, un informatico che lavorava presso BBN.[6] Creeper però non è considerato il primo virus bensì il primo worm: un worm, infatti, spedisce una propria copia verso altri computer usando un collegamento di rete, una e-mail o internet mentre un virus per diffondersi attacca una copia di se stesso ad un altro oggetto, come nel caso di Elk Cloner che si aggancia al codice di boot di un dischetto.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Iain Thomson , Shaun Nichols, Top ten worst viruses, PC & Tech Authority, 04/05/2009. URL consultato il 07/05/2015.
  2. ^ a b c Margaret Rouse, Elk Cloner, Tech Target. URL consultato il 07/05/2015.
  3. ^ a b c List of computer viruses developed in 1980s, Info NIAC, 07/09/2009. URL consultato il 07/05/2015.
  4. ^ a b Jeremy Paquette, History of viruses, Symantec, 16/07/2000. URL consultato il 07/05/2015.
  5. ^ First virus hatched as a practical joke, The Sidney Morning Herald, 03/07/2007. URL consultato il 07/05/2015.
  6. ^ Descrizione di Creeper, Virus.wikidot. URL consultato il 10/05/2015.
  7. ^ What is the difference between a computer virus and a computer worm?, UCSB ScienceLine. URL consultato il 10/05/2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sicurezza informatica Portale Sicurezza informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicurezza informatica