Elizabeth Hand

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elizabeth Hand nel 2007

Elizabeth Hand (San Diego, 29 marzo 1957) è una scrittrice statunitense di romanzi fantasy e di fantascienza.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a San Diego, California, nel 1957 da una famiglia d'origini irlandesi, ha trascorso la giovinezza a Yonkers, nello stato di New York[1].

Dal 1979 al 1986 ha lavorato al National Air and Space Museum e ha conseguito un B.A. in antropologia culturale all'Università Cattolica d'America nel 1984[2].

A partire dal suo esordio nel 1988 con Prince of Flowers apparso sulla rivista Rod Serling's The Twilight Zone Magazine, ha pubblicato numerosi romanzi appartenenti al genere fantasy e fantascientifico ottenendo alcuni dei più importanti riconoscimenti della narrativa di genere[3].

Giornalista e critica letteraria, ha collaborato con numerose testate quali il Washington Post e il Village Voice[4].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Winterlong (1988)
  • Aestival Tide (1992)
  • Icarus Descending (1993)
  • Waking the Moon (1994)
  • Glimmering (1997)
  • Black Light (1999)
  • Chip Crockett's Christmas Carol (2000)
  • Cleopatra Brimstone (2002)
  • The Least Trumps (2003)
  • Mortal Love (2004)
  • Chip Crockett's Christmas Carol (2006)
  • Illyria (2006)
  • The Bride of Frankenstein (2007)
  • Radiant Days (2012)
  • Wylding Hall (2015)

Serie Generation Loss[modifica | modifica wikitesto]

  • Non credere ai tuoi occhi (Generation Loss, 2007), Roma, Elliot, 2008 traduzione di Clara Nubile ISBN 978-88-6192-024-8.
  • La luce naturale della morte (Available Dark), Roma, Elliot, 2012 traduzione di Cosetta Cavallante ISBN 978-88-6192-261-7.
  • Hard Light (2016)

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Last Summer at Mars Hill (1998)
  • Bibliomancy (2003)
  • Saffron and Brimstone: Strange Stories (2006)
  • Errantry (2012)

Serie Star Wars[modifica | modifica wikitesto]

  • Boba Fett: Maze Of Deception (2003)
  • Boba Fett: Hunted (2003)
  • Boba Fett: A New Threat (2004)
  • Boba Fett: Pursuit (2004)

Novellizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • L'esercito delle 12 scimmie (12 Monkeys, 1995), Milano, Sonzogno, 1996 traduzione di Sergio Mancini ISBN 88-454-0866-3.
  • Il francese (Millennium: The Frenchman), Milano, Mondadori, 1997 ISBN 88-04-44182-8.
  • The X files: il film (The X-Files: Fight the Future), Roma, Fanucci 1998 ISBN 88-347-0624-2.
  • Anna and the King (1999)
  • The Affair of the Necklace (2001)
  • Catwoman (2004)

Alcuni riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Elizabeth Hand Biography, su notablebiographies.com. URL consultato il 6 settembre 2018.
  2. ^ (EN) Cenni biografici, su pmpress.org. URL consultato il 6 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2018).
  3. ^ (EN) Analisi dell'opera, su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 6 settembre 2018.
  4. ^ (EN) Biografia, bibliografia e citazioni, su goodreads.com. URL consultato il 6 settembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN14907129 · ISNI (EN0000 0000 6651 198X · Europeana agent/base/73688 · LCCN (ENnr91033826 · GND (DE1076683118 · BNF (FRcb13075085f (data) · BNE (ESXX1241220 (data) · NLA (EN35916139 · NDL (ENJA00467881 · WorldCat Identities (ENlccn-nr91033826