Eliza Hittman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eliza Hittman al Festival di Berlino 2020

Eliza Hittman (New York, 1979) è una regista, sceneggiatrice e produttrice cinematografica statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata e cresciuta a Flatbush, Brooklyn, dove ha studiato alla Edward R. Murrow High School. Si è laureata presso l'Università dell'Indiana nel 2001 con una laurea in teatro e drammaturgia, in seguito ha ottenuto un diploma in arte e cinema alla California Institute of the Arts.[1]

Dopo aver diretto vari cortometraggi, nel 2013 dirige il suo primo lungometraggio It Felt Like Love presentato in anteprima al Sundance Film Festival. Il suo secondo film da regista Beach Rats viene presentato al Sundance Film Festival 2017, dove vince il premio per la regia. Nel 2018 dirige episodi delle serie televisive Tredici e High Maintenance. Con il suo terzo film Mai raramente a volte sempre vince l'Orso d'argento, gran premio della giuria al Festival di Berlino 2020.[2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • A Lumiere (2008)
  • Trickster (2009)
  • Second Cousins Once Removed (2010)
  • Forever's Gonna Start Tonight (2011)

Sceneggiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Gotham Independent Film Awards
    • 2014 – Candidatura per il Premio del pubblico per It Felt Like Love
    • 2014 – Candidatura per il miglior regista emergente per It Felt Like Love
    • 2020 – Candidatura per il miglior film per Mai raramente a volte sempre
    • 2020 – Candidatura per il Premio del pubblico per Mai raramente a volte sempre

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eliza Hittman, su locarnofestival.ch. URL consultato il 5 marzo 2020.
  2. ^ (EN) The Awards / Die Preise (PDF), su berlinale.de. URL consultato il 5 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 29 febbraio 2020).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2151533617002770691 · LCCN (ENno2014124154 · GND (DE1154973697 · WorldCat Identities (ENlccn-no2014124154