Elisabetta di Brandeburgo (1425-1465)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elisabetta di Brandeburgo

Elisabetta di Brandeburgo (142513 gennaio 1465) è stata una principessa di Brandeburgo.

Principato di Brandeburgo
Hohenzollern
COA family de Markgrafen von Brandenburg (1417).svg

Federico I
Nipoti
Federico II
Alberto III
Giovanni I
Gioacchino I
Gioacchino II
Giovanni Giorgio
Figli
Gioacchino Federico
Figli
Giovanni Sigismondo
Giorgio Guglielmo
Federico I Guglielmo
Federico III
Modifica

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Elisabetta era figlia di Giovanni l'Alchimista, e di sua moglie, Barbara di Sassonia-Wittenberg. I suoi nonni paterni erano Federico I e di Elisabetta di Baviera-Landshut e quelli materni erano Rodolfo III di Sassonia-Wittenberg e Barbara di Legnica.

Il padre di Elisabetta rinunciò ai suoi diritti sulla successione nel Brandeburgo e ricevette invece i possedimenti franconi della Casa di Hohenzollern.

Matrimoni[modifica | modifica wikitesto]

Primo Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 27 agosto 1440, Gioacchino I di Pomerania-Stettino (1427-1451). Il matrimonio doveva suggellare un trattato tra il Brandeburgo e la Pomerania[1]. Ebbero un figlio:

Gioacchino morì a causa della pestilenza a Stettino, dopo undici anni di matrimonio.

Secondo Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 5 marzo 1454, il duca Wartislao X di Pomerania-Rügen (1435-1478). Ebbero due figli:

  • Swantibor V (1454-1464)
  • Ertmar (1455-1464)

Nel 1464, suo padre e tutti e tre i suoi figli morirono. Dopo la morte di Ottone III, scoppiò una guerra tra la Pomerania e il Brandeburgo sull'eredità del ramo Stettin della famiglia.

Il suo secondo matrimonio fu molto infelice. Ricevette da suo zio Lippehne e Barlinek

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Johann Jakob Sell: Geschichte des Herzogthums Pommern, Flittner, 1819, p. 62

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Friedrich Wilhelm Barthold: Geschichte von Rügen und Pommern, Band 4, F. Perthes, 1843, p. 289 ff.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN315111238 · GND (DE1068925167 · CERL cnp02120461 · WorldCat Identities (ENviaf-315111238