Elisa Casanova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elisa Casanova
Nazionalità Italia Italia
Altezza 186 cm
Peso 98 kg
Pallanuoto Water polo pictogram.svg
Ruolo ex Centroboa
Ritirata 2016
Carriera
Giovanili
Sportiva Sturla
Squadre di club1
1993-1996 Ponente Ligure Albenga
1996-2001 Lerici Sport
2001-2005 Varese Olona
2005-2011 Fiorentina
2011-2015 Imperia
2015-2016 Rapallo
Nazionale
2007-2012 Italia Italia 122
Palmarès
World league 0 1 0
Campionati europei 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'8 agosto 2015

Elisa Casanova (Genova, 26 novembre 1973) è un'ex pallanuotista e nuotatrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera sportiva nel nuoto nella Polisportiva Sturla dove rimane dai sette ai vent'anni conquistando anche il titolo italiano giovanile nella staffetta nella stagione 1988-1989 e aggiudicandosi in tre occasioni il miglio marino di Sturla[1].

Si avvicina quindi al mondo della pallanuoto, in serie C con il Ponente Ligure Albenga, squadra con la quale giunge in serie A. Approda quindi al Lerici Sport in A2 conquistando subito la promozione in A1. Nel 2001 passa all'Olona Nuoto Varese dove rimane per quattro stagioni. Nel 2005 si trasferisce a Firenze nella Fiorentina Waterpolo con cui conquista lo scudetto nel 2007 ed entra a far parte stabilmente del setterosa guidato da Mauro Maugeri. Nel 2011 si trasferisce alla Rari Nantes Imperia, squadra con cui vince due Coppa LEN, uno scudetto ed una Supercoppa LEN. Nell'agosto 2015 si trasferisce al Rapallo.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Fiorentina: 2006-07
Imperia: 2013-14
Fiorentina: 2006-07
Imperia: 2011-12, 2014-15
Fiorentina: 2007
Imperia: 2012

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Tianjin 2011: Argento
Eindhoven 2012: Oro

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'albo d'oro del Miglio Marino di Sturla Archiviato il 3 gennaio 2013 in Internet Archive. Sportivasturla.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]