Elisa Camporese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elisa Camporese
Elisa Camporese Fiorentina Women's FC vs UPC Tavagnacco 2018-06-16 01.jpg
Elisa Camporese nel 2018
Nazionalità Italia Italia
Altezza 170 cm
Peso 60 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirata 2019
Carriera
Squadre di club1
1996-2001Gordige38+ (19+)
2001-2002Bardolino25 (14)
2002-2004Foroni Verona? (?)
2004-2006Bardolino? (?)
2006-2010Tavagnacco78 (31)
2010-2011Torres23 (7)
2011-2019Tavagnacco177 (56)
Nazionale
2001-2013Italia Italia? (?)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 aprile 2019 (club)
statistiche dalla stagione 1999-2000

Elisa Camporese (Padova, 16 marzo 1984) è un'ex calciatrice italiana, di ruolo centrocampista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Elisa Camporese è nata a Padova, figlia di Orlando dirigente dell'U.S. Arcella, società polisportiva dell'omonimo quartiere padovano. Il padre aveva fondato una squadra giovanile femminile, dove Elisa ha iniziato a prendere confidenza con le competizioni, squadra che però ben presto è stata costretta a dissolversi[1].

Si è laureata in lingue nel 2012 all'Università di Udine.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Camporese è cresciuta calcisticamente a Cavarzere, nella giovanile del Gordige Calcio Ragazze, con il quale ha partecipato al torneo giovanile Veneto 1994-1995. Le sue doti l'hanno portata ben presto in prima squadra dove è entrata dal campionato di serie C 1996-1997, anno in cui ha vinto a San Donà di Piave il Torneo Giovanile Regionale Postcampionato Under-14[2], contribuendo all'ascesa del Gordige C.R. e vincendo quello stesso anno il campionato di Serie C con la successiva promozione in Serie B. Camporese è rimasta a Cavarzere fino al termine del campionato 2000-2001[1].

Notata dagli osservatori del Bardolino, nel 2001 ha compiuto il salto di categoria firmando un contratto con la società veronese; da quel momento la carriera di Elisa è rimasta ai vertici del massimo campionato italiano di calcio femminile aprendole anche le porte della nazionale. Con il Bardolino ha giocato la stagione 2001-2002 in Serie A siglando 14 reti su 25 incontri disputati di campionato,[3] ma già dall'anno successivo è stata rilevata dal Foroni Verona, ambiziosa società che nei due campionati successivi è riuscita a conquistare due campionati italiani ed una Supercoppa. Nell'estate 2004 nonostante il successo in campionato il Foroni Verona ha cessato le attività ufficiali e la Camporese è riapprodata al Bardolino Verona di cui ha vestito la maglia fino al campionato 2005-2006, conquistando prima il campionato e l'anno successivo la Coppa Italia.

Nell'estate 2006 ha lasciato Verona per il Tavagnacco, squadra dell'omonimo centro in provincia di Udine, nel quel ha militato per quattro campionati successivi, riuscendo ad ottenere con la squadra friulana il miglior piazzamento nel suo ultimo anno, conquistando il 3º posto in Serie A ed accendendo alle semifinali di Coppa Italia.

L'anno successivo è approdata in Sardegna, a Sassari, dove ha partecipato al campionato 2010-2011 con la maglia delle campionesse d'Italia della Torres[4]. Alla Torres è rimasta un solo anno, funestata da infortuni, totalizzando 23 presenze ed andando a segno 7 volte, riuscendo a conquistare il suo quinto Campionato di Serie A, la terza Coppa Italia e la terza Supercoppa di lega.

Nell'estate 2011 è tornata al Tavagnacco con il quale, nel 2012-2013 e nel 2013-2014, ha aggiunto due Coppa Italia alla sua bacheca.

Dopo 8 stagioni in Friuli (oltre alle 4 della prima esperienza in gialloblù) si è ritirata dal calcio giocato, al termine della stagione 2018-2019[5].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

L'allora commissario tecnico Carolina Morace l'ha convocata nella nazionale maggiore ed il suo debutto è avvenuto a Siena, il 10 ottobre 2001, nella partita valida per le qualificazioni al mondiale 2003, Gruppo 3, vinta per 1 a 3 dalla Russia[6][7]. Con la nazionale italiana ha preso parte al campionato europeo 2005, durante il quale ha segnato una rete nella sconfitta per 5-3 contro la Norvegia, e al campionato europeo 2013.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Foroni Verona 2002-2003; 2003-2004
Bardolino Verona: 2004-2005
Torres: 2010-2011
Bardolino: 2005-2006
Torres: 2010-2011
Tavagnacco: 2012-2013, 2013-2014
Foroni Verona: 2003
Bardolino Verona: 2005
Torres: 2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Francesca Crocco, Elisa Camporese, era già tutto previsto., su Calcio Donne.net, http://www.calciodonna.it/, 3 luglio 2003. URL consultato il 16 aprile 2014.
  2. ^ La nostra storia, su Gordige Calcio Ragazze, http://www.gordigecr.it/index.aspx. URL consultato il 16 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2014).
  3. ^ Carboni e Checchi 2003, p. 19.
  4. ^ Torres, un gran colpo di mercato: Dal Tavagnacco arriva Camporese, su sassarinotizie.com, 5 luglio 2010. URL consultato il 28 maggio 2016.
  5. ^ Il Tavagnacco perde, ma poco importa. C'è l'addio di Camporese, su upctavagnacco.com, 20 aprile 2019. URL consultato il 21 aprile 2019.
  6. ^ UEFA, Elisa Camporese.
  7. ^ ITALIA - RUSSIA 1-3: La nazionale delude ancora, la Russia vince nettamente a Siena, su Calcio Donne.net, http://www.calciodonna.it/, 10 ottobre 2001. URL consultato il 15 aprile 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luca Carboni e Gabriele Cecchi, Annuario del calcio 2002-2003, Agnano Pisano (PI), Etruria Football Club - Stamperia Editoriale Pisana S.r.l., luglio 2003.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]