Elio Gigante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elio Gigante, fra Mina e Sergio Bernardini, nel backstage di Bussoladomani, nel 1978.

Elio Gigante (Pozzuolo del Friuli, 27 giugno 190717 agosto 1995) è stato un impresario teatrale italiano[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha intrattenuto rapporti di lavoro con vari personaggi noti dello spettacolo come Wanda Osiris, Anna Magnani, Totò, Ugo Tognazzi, Alberto Sordi, Carlo Dapporto, Milva e Mina (fino ai suoi ultimi concerti a Bussoladomani nel 1978).

Nel 1972 ha accettato di organizzare il Festival di Sanremo ad una condizione, dicendo: "Faccio il festival, ma niente intrallazzi e niente soldi. Prima faccio il Festival e poi, se tutto andrà bene, mi pagherete"[2]. Gigante ha partecipato all'organizzazione del Festival anche per le edizioni del 1974 e 1975, insieme a Gianni Ravera ed Ezio Radaelli.

Nel 1969 ha avuto una parte nel film Fellini Satyricon di Federico Fellini[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 1 Scomparso Elio Gigante manager di Mina, Milva
  2. ^ 2 La vita e la storia di Elio Gigante, su storiaradiotv.it. URL consultato il 1º ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2011).
  3. ^ (EN) Elio Gigante, su Internet Movie Database, IMDb.com. Modifica su Wikidata

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]