Elin Wägner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elin Wägner

Elin Matilda Elisabet Wägner (Lund, 16 maggio 1882Rösås, 7 gennaio 1949) è stata una scrittrice, giornalista, femminista, insegnante, ecologista e pacifista svedese.

Nata a Lund, Svezia, era figlia di un preside. La madre della Wägner morì quando lei aveva tre anni. Nei suoi scritti ricorrono frequentemente come soggetti l'emancipazione femminile, i diritti civili, il voto alle donne, la pace, l'inquinamento ambientale e lo Welfare State. È meglio nota per il suo attivismo nel movimento femminista per il voto alle donne in Svezia, per aver fondato l'associazione svedese Rädda Barnen (la sezione in Svezia del movimento internazionale Save the Children) e per aver contribuito a sviluppare la scuola femminile a Fogelstad (dove la Wägner è stata insegnante di diritti civili). Insieme a Fredrika Bremer, la Wägner è ritenuta la pioniera del movimento femminista svedese. Nel 1944 fu eletta membro dell'Accademia Svedese.

Prolifica scrittrice, la Wägner pubblicò numerosi romanzi e scrisse diversi articoli per molti quotidiani, nonché sceneggiature per film. Tra le sue opere più famose in Svezia si annoverano Norrtullsligan (1908), Pennskaftet (1910), Åsa-Hanna (1918), Kvarteret Oron (1919), Silverforsen (1924), Vändkorset (1934), Väckarklocka (1941) e Vinden vände bladen (1947): non risultano ad oggi traduzioni dei suoi scritti in italiano.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59210949 · ISNI (EN0000 0001 0905 9939 · LCCN (ENn81019095 · GND (DE118937006 · BNF (FRcb12781923p (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n81019095
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura