Elicotteri Meridionali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elicotteri Meridionali
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per Azioni
Fondazione1963
Fondata daDomenico Agusta
Sede principaleFrosinone
GruppoFinmeccanica
SettoreAeronautico
Prodottielicotteri

La Elicotteri Meridionali nata nel 1963[1] è stata una controllata della società Agusta, come parte del programma di industrializzazione nel sud Italia, con l'apertura di una fabbrica a Frosinone nel 1967 per la revisione degli elicotteri italiani di Stato e la costruzione dell'elicottero pesante CH-47 Chinook su licenza di Boeing Vertol per l'Esercito Italiano e per il Governo Imperiale dell'Iran[2], della Iranian Helicopter Industry Co. di Tehran, dove vengono realizzati stabilimenti sull'aeroporto di Mehrabad.

Nel 1969 assume una partecipazione rilevante nella costituzione, con il Governo Imperiale dell'Iran, della Iranian Helicopter Industry Co. di Tehran, dove vengono realizzati stabilimenti sull'aeroporto di Mehrabad. Qualche mese più tardi una partecipazione viene anche acquisita nella SIAI-Marchetti. Nel 1970 la Società Agusta viene nominata dal Governo capo commessa per la produzione dell'elicottero Boeing CH-47C a 44 posti, per fabbisogni italiani e per l'estero, con la partecipazione della Elicotteri Meridionali, titolare della licenza di fabbricazione, insieme ad altre ditte italiane[3].

Boeing (Elicotteri Meridionali) CH-47C Chinook
Boeing (Elicotteri Meridionali) CH-47C Chinook

Nel 1994, Finmeccanica acquisisce dall'EFIM in liquidazione le aziende della Difesa, concentrando nel Gruppo oltre il 70% delle capacità industriali nazionali per l'aerospazio e la difesa. Entra in Finmeccanica la società Agusta. Nel 1999 diventa AgustaWestland, dalla unione tra il settore elicotteri Westland del gruppo GKN e Agusta. Nel 2000 dalla divisione elicotteri di Finmeccanica nasce Agusta SpA società di Finmeccanica[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paolo Ferrari, L'aeronautica italiana: una storia del Novecento, FrancoAngeli, 2004, p. 139, ISBN 9788846451095.
  2. ^ Relly Victoria Petrescu, Florian Ion Petrescu, The Aviation History, BoD – Books on Demand, 2013, p. 88, ISBN 9783848266395.
  3. ^ Domenico Agusta - Una vita tra gli aeroplani, su www.volareflyfree.com. URL consultato il 2 marzo 2016.
  4. ^ Anni 1998-2001 - Nuovi assetti in Europa e la privatizzazione - Finmeccanica, su www.finmeccanica.com. URL consultato il 7 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2016).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • L'aeronautica italiana: una storia del Novecento Paolo Ferrari, L'aeronautica italiana: una storia del Novecento, FrancoAngeli, 2004, pp. 472, ISBN 9788846451095.
  • Una fabbrica di elicotteri Massimo Ceriani, Una fabbrica di elicotteri: l'Agusta di Cascina Costa : testimoni e protagonisti, Editoriale Jaca Book, 2004, pp. 284, ISBN 9788816406629.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]