Elezioni politiche italiane del 1994

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elezioni politiche italiane 1994
Stato Italia Italia
Data 27-28 marzo 1994
Legislatura XII legislatura
Legge elettorale Legge Mattarella
Affluenza 86,07 % (Red Arrow Down.svg 1,00 %)
.jpg Achille Occhetto.jpg Mariotto Segni 1994.jpg
Leader Silvio
Berlusconi
Achille
Occhetto
Mariotto
Segni
Coalizione Polo delle Libertà/
Polo del Buon Governo
Alleanza dei Progressisti Patto per
l'Italia
Camera dei deputati
Voti 16 585 516
42,84 %
13 308 244
34,34 %
6 098 986
15,75 %
Seggi
366 / 630
213 / 630
46 / 630
Differenza % nuova coalizione nuova coalizione nuova coalizione
Differenza seggi nuova coalizione nuova coalizione nuova coalizione
Senato della Repubblica
Voti 14 110 705
42,60 %
10 881 320
32,90 %
5 519 090
16,96 %
Seggi
156 / 315
122 / 315
31 / 315
Differenza % nuova coalizione nuova coalizione nuova coalizione
Differenza seggi nuova coalizione nuova coalizione nuova coalizione
Elezioni Camera 1994 Comuni.png
Presidente del Consiglio uscente
Carlo Azeglio Ciampi (Indipendente)
Left arrow.svg 1992 1996 Right arrow.svg

Le elezioni politiche italiane del 1994 per il rinnovo dei due rami del Parlamento Italiano – la Camera dei deputati e il Senato della Repubblica – si tennero domenica 27 e lunedì 28 marzo 1994. Furono le prime in assoluto nella storia repubblicana a svolgersi a soli due anni dalla precedente tornata elettorale. Si votò in due giornate per venire incontro alle richieste delle comunità ebraiche, che il 27 celebravano la Pasqua[1].

Sistema di voto[modifica | modifica wikitesto]

Le elezioni politiche del 1994 si tennero con un nuovo sistema di voto noto come legge Mattarella e introdotto con l'approvazione delle leggi 4 agosto 1993 n. 276 e n. 277, che davano seguito al referendum del 18 aprile 1993. La legge prevedeva per l'elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica un sistema elettorale misto: maggioritario a turno unico per la ripartizione del 75% dei seggi parlamentari unito e, per il rimanente 25% dei seggi, al recupero proporzionale dei più votati non eletti per il Senato (attraverso un meccanismo di calcolo denominato «scorporo») e al proporzionale con liste bloccate e sbarramento del 4% alla Camera. Per la parte maggioritaria quindi (75% dei seggi), il territorio nazionale venne suddiviso in 475 collegi uninominali per la Camera, e in 232 per il Senato. L'attribuzione di questo primo gruppo di seggi avveniva in base a un sistema maggioritario a turno unico (first-past-the-post): veniva eletto parlamentare il candidato che avesse riportato la maggioranza relativa dei suffragi nel collegio. Nessun candidato poteva presentarsi in più di un collegio[2].

I rimanenti seggi (25%) erano invece assegnati con un metodo proporzionale, funzionante però con meccanismi differenziati fra le due assemblee. Per quanto riguarda la Camera, l'elettore godeva di una scheda elettorale separata per l'attribuzione dei 155 seggi residui, cui accedevano solo i partiti che avessero superato la soglia di sbarramento nazionale del 4%. Il calcolo dei seggi spettanti a ciascuna lista veniva effettuata nel collegio unico nazionale mediante il metodo Hare dei quozienti naturali e dei più alti resti; tali seggi venivano poi ripartiti, in ragione delle percentuali delle singole liste a livello locale, fra le 26 circoscrizioni plurinominali in cui era suddiviso il territorio nazionale, e all'interno delle quali i singoli candidati – che potevano corrispondere a quelli presentatisi nei collegi uninominali – venivano proposti in un sistema di liste bloccate senza possibilità di preferenze. Il meccanismo era però integrato dal metodo dello scorporo, volto a dar compensazione ai partiti minori fortemente danneggiati dall'uninominale: successivamente alla determinazione della soglia di sbarramento, ma antecedentemente al riparto dei seggi, alle singole liste venivano decurtati tanti voti quanti ne erano serviti a far eleggere i vincitori nell'uninominale – cioè i voti del secondo classificato più uno – i quali erano obbligati a collegarsi ad una lista circoscrizionale.

Per quanto riguarda il Senato, gli 83 seggi proporzionali venivano assegnati, secondo il dettato costituzionale, su base regionale. In ogni Regione venivano assommati i voti di tutti i candidati uninominali perdenti che si fossero collegati in un gruppo regionale, ed i seggi venivano assegnati utilizzando il metodo D'Hondt delle migliori medie: gli scranni così ottenuti da ciascun gruppo venivano assegnati, all'interno di essa, ai candidati perdenti che avessero ottenuto le migliori percentuali elettorali. Ancor più che alla Camera, ove lo scorporo era «parziale», lo scorporo «totale» previsto per il Senato faceva funzionare la quota proporzionale di fatto come una stramba quota minoritaria, in aperto contrasto con l'impianto generale della legge elettorale.

Circoscrizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio nazionale venne suddiviso per la Camera dei deputati in 475 collegi uninominali e 26 circoscrizioni plurinominali mentre per il Senato in 232 collegi e 20 circoscrizioni, corrispondenti alle venti regioni italiane.

Camera dei Deputati[modifica | modifica wikitesto]

Senato della Repubblica[modifica | modifica wikitesto]

  • Piemonte;
  • Valle D'Aosta;
  • Lombardia;
  • Trentino-Alto Adige;
  • Veneto;
  • Friuli-Venezia Giulia;
  • Liguria;
  • Emilia-Romagna;
  • Toscana;
  • Umbria;
  • Marche;
  • Lazio;
  • Abruzzo;
  • Molise;
  • Campania;
  • Puglia;
  • Basilicata;
  • Calabria;
  • Sicilia;
  • Sardegna.

Quadro politico[modifica | modifica wikitesto]

Queste elezioni politiche arrivarono dopo alcuni eventi che avevano modificato significativamente il quadro politico italiano.

  • Gli avvenimenti storici dei primi anni novanta suscitarono una profonda ridefinizione dei riferimenti identitari di cui i soggetti politici erano portavoce: ciò implicò spinte di rinnovamento sia nelle forze di sinistra che in quelle tendenzialmente moderate.
  • Nel 1992 e nel 1993 si era verificata una grave crisi della politica italiana, conseguenza dello scandalo di Tangentopoli e della relativa inchiesta giudiziaria (Mani pulite): la notizia di gravi fatti di corruzione portò a perdite di consenso dei partiti tradizionali che, fino ad allora, avevano esercitato un ruolo predominante nella politica italiana[4].
  • Nel 1993, a seguito di un referendum, fu adottata una nuova legge elettorale, chiamata legge Mattarella: il nuovo sistema elettorale era misto maggioritario e proporzionale. Il 75% dei seggi (475 per la Camera, 232 per il Senato) è assegnato tramite un sistema uninominale maggioritario a turno unico; il restante 25% dei seggi (155 per la Camera, 83 per il Senato) tramite un sistema proporzionale. Per il maggioritario, il territorio nazionale è suddiviso in tanti collegi quanti sono i seggi da assegnare: ottiene il seggio il soggetto che, nel relativo collegio, abbia ottenuto la maggioranza relativa dei voti. Per il proporzionale, la distribuzione dei seggi avviene alla Camera su base nazionale, tra le liste che abbiano superato il 4%; al Senato su base regionale, in base ai seggi spettanti a ciascuna regione.

Tutti questi cambiamenti ebbero una tale portata che si arrivò a parlare di «Prima Repubblica» e «Seconda Repubblica».

Dopo una fase di grandi trasformazioni (diaspora socialista, diaspora socialdemocratica, diaspora liberale, diaspora democristiana, diaspora comunista, diaspora missina), i principali soggetti che delinearono il nuovo scenario politico furono:

Da sottolineare inoltre la nascita di alcuni soggetti volti a riassumere in modo trasversale tradizioni politiche differenti.

Coalizioni[modifica | modifica wikitesto]

Le varie formazioni politiche si presentarono secondo la nuova logica delle coalizioni aggregandosi in quattro gruppi:

Campagna elettorale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ingresso in politica di Silvio Berlusconi.
Silvio Berlusconi durante una convetion elettorale
Berlusconi durante una convention elettorale.

Il 26 gennaio 1994, Silvio Berlusconi ha annunciato la sua decisione di entrare in politica, presentando un suo partito politico: Forza Italia. Il suo obiettivo politico era quello di convincere gli elettori del pentapartito, rimasti in uno stato di sconcerto e confusione in seguito agli scandali delle inchieste di Mani pulite, che Forza Italia avrebbe offerto la novità e la continuazione delle politiche filo-occidentali di libero mercato seguite in Italia dopo la fine della seconda guerra mondiale.

Berlusconi, che nei mesi precedenti al suo ingresso in politica ipotizzava una coalizione con Mino Martinazzoli e Mariotto Segni[6], lanciò una massiccia campagna di pubblicità elettorale sulle sue tre reti televisive e decise di allearsi con la Lega Nord di Umberto Bossi (che ruppe il preaccordo con i pattisti di Segni)[6], con Alleanza Nazionale (nuovo nome del MSI) e alcune formazioni minori[6].

Successivamente vinse le elezioni, ottenendo il 21% dei consensi per Forza Italia, una percentuale più alta di ogni altro partito.

Sul fronte opposto, la sinistra dell'Alleanza dei Progressisti, guidata da Achille Occhetto e reduce dai successi delle comunali del novembre 1993, era composta da due partiti nati dalla dissoluzione del PCI: il PDS e il PRC.

La campagna elettorale fu segnata da inchieste sui candidati politici: il 16 febbraio la Procura di Roma aprì un'indagine su Achille Occhetto, Massimo D'Alema e Marcello Stefanini, tutti esponenti del PDS accusati di finanziamento illecito in seguito a una denuncia presentata da Bettino Craxi (D'Alema controdenunciò Craxi per calunnia)[4], il 10 marzo Silvio Berlusconi attaccò i magistrati di Milano (con l'esclusione di Antonio Di Pietro) che stavano indagando sulle sue aziende e su alcuni collaboratori (tra cui Marcello Dell'Utri) per false fatture e fondi neri[4]. Il 23 marzo due funzionari della DIGOS si presentarono nella sede romana di Forza Italia chiedendo, per conto del magistrato di Palmi Maria Grazia Omboni, la lista dei candidati alle elezioni: contemporaneamente, a Milano, altri agenti prelevarono l'elenco dei presidenti di tutti i club del partito[4].

Nel centrodestra si segnalarono alcune fratture interne alla coalizione: Bossi gridava che solo una prevalenza leghista, all'interno del Polo delle Libertà, avrebbe salvaguardato la democrazia[6], rifiutando la presenza missina[6], mentre Fini rispose dichiarando: «Io ho i numeri, e un tipo come Bossi al massimo può fare il premier a Gallarate»[6].

Sondaggi pre-voto[modifica | modifica wikitesto]

Il 1994 fu per l'Italia la prima volta in cui giornali e televisioni iniziarono a dare un forte risalto ai sondaggi d'opinione, ma l'incertezza in cui versava il paese dopo lo scandalo di Tangentopoli ha fatto sì che molti istituti valutassero l'area degli indecisi molto elevata fino a poche settimane prima del voto. Le percentuali di persone che non avevano ancora scelto una lista ad appena un mese dalle elezioni era così fotografata dai singoli istituti[8]:

  • Directa 60,4%.
  • Cirm 28%.
  • Doxa 64%.
  • Abacus 60%.
  • SWG 35%.
  • Consulting 50%.
  • Diakron 22,9%.

Dopo l'alta deviazione standard, si nota subito come fosse elevata la media registrata: superiore al 45%, troppo per effettuare rilevazioni attendibili. Un'indagine dell'ultimo istituto citato, ad esempio, sovrastimò Forza Italia di 14,5 punti percentuali, ma in generale si riuscì a prevedere la vittoria elettorale delle coalizioni di centrodestra[9].

Le rilevazioni effettuate all'uscita delle urne dall'istituto Doxa, invece, ebbero un errore statistico medio molto basso, e alle varie coalizioni assegnavano tali risultati[10]:

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Grafico delle elezioni politiche italiane.

Camera dei deputati[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Risultati delle elezioni politiche italiane del 1994 (Camera dei deputati) ed Eletti alla Camera dei deputati nelle elezioni politiche italiane del 1994.
Risultati delle elezioni politiche italiane del 1994 (Camera dei deputati)
Italian Chamber of Deputies, 1994.svg
Coalizione Partito Proporzionale Maggioritario Totale
seggi
+/–
Voti % Seggi Voti % Seggi
Polo delle Libertà -
Polo del Buon Governo
Forza Italia (FI) 8.136.135 21,01 30 18.179.279 47,21 102 132[11]
Lega Nord (LN) 3.235.248 8,36 11 107 118 +63
Alleanza Nazionale (AN) 5.214.133 13,47 23 87 110 +76
Lista Pannella (LP) 1.359.283 3,51 0 6 6 −1
Totale coalizione 17.944.799 46,35 64 18.179.279 47,21 302 366
Alleanza dei Progressisti Partito Democratico della Sinistra (PDS) 7.881.646 20,36 38 12.632.680 32,81 86 124[12] +17
Partito della Rifondazione Comunista (PRC) 2.343.946 6,05 11 27 38 +3
Alleanza Democratica (AD) 456.114 1,18 0 18 18[13]
Partito Socialista Italiano (PSI) 849.429 2,19 0 14 14 −78
Federazione dei Verdi (FdV) 1.047.268 2,70 0 11 11 −5
La Rete (LR) 719.841 1,86 0 8 8 −4
Totale coalizione 13.308.244 34,34 49 12.632.680 32,81 164 213
Patto per l'Italia Partito Popolare Italiano (PPI) 4.287.172 11,07 29 6.019.038 15,63 4 33 −173
Patto Segni (PS) 1.811.814 4,68 13 0 13
Totale coalizione 6.098.986 15,75 42 6.019.038 15,63 4 46
Südtiroler Volkspartei (SVP) 231.842 0,60 0 188.017 0,49 3 3 ±0
Socialdemocrazia per le Libertà (SpL) 179.495 0,46 0 80.264 0,24 0 0
Programma Italia 151.328 0,39 0 N.D. N.D. 0 0
Lega Alpina Lumbarda (LAL) 136.782 0,35 0 N.D. N.D. 0 0 ±0
Lega Autonomia Veneta (LAV) 103.764 0,27 0 N.D. N.D. 0 0 −1
Lega d'Azione Meridionale (LAM) 59.873 0,15 0 46.820 0,13 1 1 +1
Vallée d'Aoste - Autonomie Progrès Fédéralisme (VdA-APF) N.D. N.D. 0 43.700 0,11 1 1 ±0
Altre liste 525.780 1,34 0 1.247.131 3,24 0 0 ±0
Totale 38.720.893 100,00 155 38.504.158 100,00 475 630
Fonte: Ministero dell'Interno

Senato della Repubblica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Risultati delle elezioni politiche italiane del 1994 (Senato della Repubblica).
Risultati delle elezioni politiche italiane del 1994 (Senato della Repubblica)
Italian Senate, 1994.svg
Coalizione Partito Maggioritario Proporzionale
(Seggi)
Totale
seggi
+/–
Voti % Seggi
Polo delle Libertà -
Polo del Buon Governo
Lega Nord (LN) 14.110.705[14] 42,66[15] 128 28 60 +35
Alleanza Nazionale (AN) 48 +32
Forza Italia (FI) 35[16]
Centro Cristiano Democratico (CCD) 12
Lista Pannella (LP) 1 +1
Totale coalizione 156
Alleanza dei Progressisti Partito Democratico della Sinistra (PDS) 10.881.320 32,90 96 26 76[17] +12
Partito della Rifondazione Comunista (PRC) 18 −2
Partito Socialista Italiano (PSI) 9 −40
Federazione dei Verdi (FdV) 7 +3
Alleanza Democratica (AD) 6
La Rete (LR) 6 +3
Totale coalizione 122
Patto per l'Italia (PpI) 5.519.090 16,69 3 28 31 −76
Südtiroler Volkspartei (SVP) 217.137 0,66 3 0 3 ±0
Lega Alpina Lumbarda (LAL) 246.046 0,74 0 1 1 ±0
Lista Magris (LM) 61.400 0,19 1 0 1
Vallée d'Aoste - Autonomie Progrès Fédéralisme (VdA) 27.493 0,08 1 0 1 ±0
Partito Pensionati (PP) 250.637 0,76 0 0 0 ±0
Lega Autonomia Veneta (LAV) 165.370 0,50 0 0 0 −1
Verdi Federalisti (VF) 100.418 0,30 0 0 0 ±0
Partito Sardo d'Azione (PSd'Az) 88.225 0,27 0 0 0 ±0
Partito della Legge Naturale (PLN) 86.579 0,26 0 0 0
Socialdemocrazia per le Libertà 80.264 0,24 0 0 0 −3
La Lega di Angela Bossi 72.455 0,22 0 0 0
Verdi Verdi (VV) 68.218 0,21 0 0 0 ±0
Movimento Veneto Regione Autonoma (MVRA) 64.149 0,19 0 0 0 ±0
Lega d'Azione Meridionale (LAM) 54.395 0,16 0 0 0 ±0
Lega per il Piemonte 49.505 0,15 0 0 0
Altre liste 931.143 2,82 0 0 0
Totale 33.074.549 100,00 232 83 315
Fonte: Ministero dell'Interno

Analisi territoriale del voto[modifica | modifica wikitesto]

Partiti maggioritari nelle singole province per la Camera.

Il Polo delle Libertà e il Polo del Buon Governo, le coalizioni di centrodestra guidate da Silvio Berlusconi conquistano le regioni: Abruzzo (province di Chieti e dell'Aquila), Campania (tranne le province di Avellino e Napoli), Friuli-Venezia Giulia, Lazio (tranne la Provincia di Viterbo), Liguria (province di Imperia e Savona), Lombardia (tranne la Provincia di Mantova), Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna (province di Cagliari e Oristano) e Sicilia. Silvio Berlusconi vince anche nelle province di Piacenza (Emilia-Romagna), di Lucca (Toscana), di Reggio Calabria (Calabria) e di Trento (Trentino-Alto Adige)[18]. Il bacino dei consensi ai Poli delle Libertà e del Buon Governo corrisponde in buona parte a quello dell'ex Democrazia Cristiana.

L'Alleanza dei Progressisti di Achille Occhetto ottiene la vittoria nelle regioni: Basilicata, Calabria (tranne la Provincia di Reggio Calabria), Emilia-Romagna (tranne la Provincia di Piacenza), Liguria (province di Genova e La Spezia), Marche, Toscana (tranne la Provincia di Lucca) e Umbria. Achille Occhetto vince anche nelle province di Pescara e Teramo (Abruzzo), di Napoli (Campania), di Mantova (Lombardia), di Nuoro (Sardegna) e di Viterbo (Lazio)[18]. Il bacino dei consensi all'Alleanza dei progressisti corrisponde in buona parte a quello dell'ex Partito Comunista Italiano.

Il Patto Segni di Mariotto Segni vince soltanto nelle province di Sassari (Sardegna) e di Avellino (Campania)[18].

Conseguenze del voto[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Governo Berlusconi I e Governo Dini.

Il 10 maggio 1994 si formò un Governo presieduto da Silvio Berlusconi e quasi tutti i ministeri furono affidati a esponenti dei partiti delle coalizioni di cui era leader. L'esecutivo era composto da 25 ministri. Perché entrasse in carica, servirono al Senato i voti di alcuni senatori a vita, mentre alla Camera l'ampia maggioranza permise facilmente l'ottenimento della fiducia. Al Senato quattro senatori popolari (Vittorio Cecchi Gori, Nuccio Cusumano, Luigi Grillo e Tomaso Zanoletti) uscirono dall'aula al momento del voto, facendo abbassare il quorum a 158 voti, e il governo ottenne la fiducia con 159 voti a favore, 153 contro e 2 astenuti (Giovanni Spadolini e Paolo Emilio Taviani)[6].

Il nuovo governo fu visto negativamente dalla stampa estera non per la coesistenza nella stessa persona (caso unico nelle democrazie occidentali) del potere politico e di un grande potere economico associato a un semimonopolio televisivo, ma per il pericolo di rinascita del fascismo[6]: il Parlamento europeo approvò di strettissima misura (189 voti favorevoli e 188 contrari) una mozione voluta dai socialisti che, sia pure in termini sfumati, esprimevano ansia per le sorti della democrazia in Italia[6] e il Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro replicò che l'Italia non aveva bisogno di maestri[6].

Nonostante il successo elettorale si trattò di un governo fragile, a causa di alcune frizioni tra Forza Italia e la Lega Nord[6], in particolare sulla riforma delle pensioni osteggiata dai leghisti[6], e proprio per la sfiducia di quest'ultima decretata appena sette mesi dopo l'entrata in carica dell'esecutivo, si venne a formare un governo tecnico presieduto dall'indipendente Lamberto Dini (titolare del Tesoro durante il governo precedente) e sostenuto – in appoggio esterno – dalla Lega Nord e dai partiti di centrosinistra usciti sconfitti dalle urne, con 302 voti favorevoli, 270 astenuti (coalizione di centrodestra) e 39 contrari (PRC)[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paolo Conti, Tempi supplementari, urne aperte il 28, in Corriere della Sera, 18 gennaio 1994. URL consultato il 27 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2015).
  2. ^ Come funziona il Mattarellum, in il Post, 19 dicembre 2016. URL consultato il 22 marzo 2018.
  3. ^ Circoscrizione equivalente al solo collegio uninominale di Aosta della parte maggioritaria.
  4. ^ a b c d Gianni Barbacetto, Peter Gomez e Marco Travaglio, Mani pulite. La vera storia, 20 anni dopo, Milano, Chiarelettere, 2012.
  5. ^ Il passaggio dal Movimento Sociale Italiano ad Alleanza Nazione fu ufficialmente formalizzato nel 1995, con il Congresso di Fiuggi.
  6. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Indro Montanelli e Mario Cervi, L'Italia di Berlusconi, Milano, Rizzoli, 1995.
  7. ^ a b Per la Camera dei deputati: il Polo delle Libertà si presentava in Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Toscana; il Polo del Buon Governo in Umbria, Lazio, Molise, Campania 1, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna; Forza Italia (autonomamente) in Abruzzo, Campania 2, Marche; Alleanza Nazionale in tutte le circoscrizioni ove non configurava il Polo del Buon Governo. Per il Senato si ebbe il medesimo schema, con due sole eccezioni (nelle Marche si presentò il Polo delle Libertà, il Polo del Buon Governo figurò in tutti i collegi della Campania).
  8. ^ Antonella Rossetti, TELEDEMOCRAZIA: FRA APOCALITTICI E INTEGRATI, Semiosfera. URL consultato il 12 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  9. ^ Governare i sondaggi (PDF), eprints.luiss.it. URL consultato il 12 agosto 2013.
  10. ^ ELEZIONI: SONDAGGIO DOXA CAMERA, in Adnkronos, 29 marzo 1994. URL consultato il 12 agosto 2013.
  11. ^ Inclusi 27 deputati del Centro Cristiano Democratico (CCD), 4 deputati dell'Unione di Centro (UdC) e 2 deputati del Polo Liberal Democratico (PLD).
  12. ^ Inclusi 8 deputati dei Cristiano Sociali (CS).
  13. ^ Inclusi 6 deputati della Sinistra Repubblicana (SR), un deputato di Rinascita Socialista (RS) ed un deputato del Partito Socialista Democratico Italiano (PSDI).
  14. ^ 6.570.468 voti per il Polo delle Libertà (nell'Italia centro-settentrionale), 4.544.573 voti per il Polo del Buon Governo (nell'Italia centro-meridionale), 2.077.934 voti per Alleanza Nazionale (nell'Italia centro-settentrionale), 767.765 voti per la Lista Pannella e 149.965 voti per Forza Italia-CCD (in Abruzzo).
  15. ^ 19,87% dei voti per il Polo delle Libertà, 13,74% per il Polo del Buon Governo, 6,28% per Alleanza Nazionale, 2,32% per la Lista Pannella e 0,45% per Forza Italia-CCD.
  16. ^ Inclusi i 2 senatori dell'Unione di Centro (UdC).
  17. ^ Inclusi 6 senatori dei Cristiano Sociali (CS) e 2 senatori della Federazione Laburista (FL).
  18. ^ a b c Archivio Storico delle Elezioni – Camera del 27 marzo 1994, in Ministero dell'interno. URL consultato il 16 aprile 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Costituzione della Repubblica Italiana.
  • Gianni Barbacetto, Peter Gomez e Marco Travaglio, Mani pulite. La vera storia, 20 anni dopo, Milano, Chiarelettere, 2012, ISBN 88-6190-053-4.
  • Indro Montanelli e Mario Cervi, L'Italia di Berlusconi (1993-1995), Milano, Rizzoli, 1995, ISBN 88-17-42810-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]