Elezioni parlamentari in Turchia del novembre 2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elezioni parlamentari in Turchia del novembre 2015
Stato Turchia Turchia
Data 1º novembre
Legislatura XXVI
Ahmet Davutoğlu answering questions from the media in London, 8 July 2010 (4774547672) (cropped).jpg Kemal Kilicdaroglu.png
Sezai Temelli, 25 October 2019.jpg
Candidati Ahmet Davutoğlu Kemal Kılıçdaroğlu Sezai Temelli
Partito Partito della Giustizia e dello Sviluppo Partito Popolare Repubblicano Partito Democratico dei Popoli
Voti 23.681.926
49,50 %
12.111.812
25,32 %
5.148.085
10,8 %
Seggi
317 / 550
134 / 550
59 / 550
Differenza % Aumento 8,63 % Aumento 0,37 % Diminuzione 4,39 %
Differenza seggi Aumento 59 Aumento 2 Diminuzione 21
Distribuzione del voto per provincia e per distretto
Turkish general election, November 2015 map.png
Primo ministro
Ahmet Davutoğlu (2015-2016)
Binali Yıldırım (2016-2018)
Left arrow.svg 2015 (giu.) 2018 Right arrow.svg

Le elezioni parlamentari in Turchia del novembre 2015 si sono tenute il 1º novembre per eleggere i 550 membri della Grande Assemblea Nazionale Turca. Si è trattata della 25ª tornata elettorale generale nella storia della Turchia Repubblicana.

Queste elezioni hanno visto la vittoria del Partito della Giustizia e dello Sviluppo (AKP), che hanno riconquistato la maggioranza parlamentare che ha perso nelle ultime elezioni parlamentari svolte a giugno 2015.

Il 24 agosto 2015 il presidente Recep Tayyip Erdoğan ha sciolto la Grande Assemblea Nazionale Turca e ha indetto nuove elezioni anticipate.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Liste Voti % Seggi
Partito della Giustizia e dello Sviluppo (AKP) 23.681.926 49,5 317
Partito Popolare Repubblicano (CHP) 12.111.812 25,3 134
Partito del Movimento Nazionalista (MHP) 5.694.136 11,9 40
Partito Democratico dei Popoli (HDP) 5.148.085 10,8 59
Partito della Felicità (SP) 325.978 0,7 -
Indipendenti 51.038 0,1 -
Altri 827.256 1,7 -
Totale 47.840.231 100 550
Il primo ministro Ahmet Davutoğlu, Feridun Sinirlioğlu and Cevdet Yılmaz alle Nazioni Unite nel settembre 2015

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]