Elezioni parlamentari in Serbia del 2016

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elezioni parlamentari in Serbia del 2016
Stato Serbia Serbia
Data 24 aprile
Aleksandar Vučić crop.jpg Ivica Dačić 2011.jpg Vojislav Šešelj.jpg
Leader Aleksandar Vučić Ivica Dačić Vojislav Šešelj
Partito Partito Progressista Serbo Partito Socialista di Serbia Partito Radicale Serbo
Voti 1.823.147
48,25 %
413.770
10,95 %
306.052
8,10 %
Seggi
131 / 250
29 / 250
22 / 250
Differenza seggi Red Arrow Down.svg39 Red Arrow Down.svg4 Green Arrow Up.svg22
Primo ministro eletto
Aleksandar Vučić
Left arrow.svg 2014 2020 Right arrow.svg

Le elezioni parlamentari in Serbia del 2016 si sono tenute il 24 aprile[1] insieme alle elezioni locali. Anche questa volta si sono tenute anticipatamente dopo la decisione del primo ministro Aleksandar Vučić di testare il programma di riforme avviate e chiedere altri quattro anni per accelerare il processo di integrazione europea del paese. La lista guidata dal Partito Progressista di Vučić ha vinto le elezioni ottenendo nuovamente la maggioranza assoluta dei deputati.

Risultati[2][modifica | modifica wikitesto]

Liste Voti  % Seggi
La Serbia sta vincendo 1.823.147 48,25 131
413.770 10,95 29
Partito Radicale Serbo 306.052 8,10 22
Ora Basta 227.626 6,02 16
Per una Serbia giusta - Partito Democratico 227.589 6,02 16
190.530 5,04 13
Unione per una Serbia migliore 189.564 5,02 13
Alleanza degli Ungheresi di Voivodina 56.620 1,50 4
Comunità Democratica Bosgnacca del Sangiaccato 32.526 0,86 2
Partito d'Azione Democratica del Sangiaccato 30.092 0,80 2
Partito Verde 23.890 0,63 1
Partito per l'Azione Democratica 16.262 0,43 1
Altri (2,86% non validi) 238.153 6,29 0
Totale 3.778.923
Affluenza (56,07%)
100,00 250

Partiti e coalizioni[3][modifica | modifica wikitesto]

I progressisti (SNS) del premier Vučić hanno formato una larga coalizione denominata "Aleksandar Vučić - La Serbia sta vincendo" insieme a Partito Socialdemocratico di Serbia, Partito dei Pensionati Uniti di Serbia, Nuova Serbia, Movimento dei Socialisti, Movimento del Rinnovamento Serbo, Partito Nazionale Serbo, Forze di Serbia, DSS Indipendente, Partito Popolare dei Contadini e Coalizione dei Rifugiati.

Il Partito Socialista di Serbia (SPS) del vicepremier Ivica Dačić ha creato una lista con Serbia Unitaria, ricevendo l'appoggio dei Verdi di Serbia e del Partito Comunista.

Il Partito Democratico (DS) si è alleato col Nuovo Partito, Insieme per la Serbia, Alleanza Democratica dei Croati in Voivodina e con movimenti locali quali Insieme per la Šumadija e Movimento per la Krajina.

Il Partito Social Democratico (SDS) si è coalizzato con il Partito Liberal-Democratico e la Lega dei Socialdemocratici di Voivodina.

I clericali di Dveri hanno creato una coalizione di destra, il Blocco Patriottico con il Partito Democratico di Serbia.

Il Partito Radicale Serbo (SRS) si è invece presentato autonomamente alle elezioni.

Sondaggi[modifica | modifica wikitesto]

Data Fonte SNS et al. SPS
JS
DS SRS DveriDSS SDSLDPLSV DJB Altri Differenza
2016
23 aprile NewMediaMp 58,2 8,0 3,0 15,0 5,0 6,0 6,0 43,0
20 aprile Faktor Plus 50,9 12,3 5,5 7,9 5,2 5,1 4,6 38,6
20 aprile Ninamedia 47,2 13,3 5,1 9,3 6,3 5,6 4,9 33,9
20 aprile NSPM 44,8 12,7 7,5 9,8 6,3 6,9 4,2 32,1
19 aprile ProPozitiv 50,6 11,4 4,9 8,2 5,6 6,9 5,3 39,2
аprile FPN 27,2 11,6 5,6 17,5 8,1 12,0 8,8 9,7
11 aprile Faktor Plus 50,9 12,3 5,7 7,8 5,1 5,0 4,5 38,3
31 marzo ProPozitiv 52,4 12,3 4,6 6,5 7,4 7,3 5,7 40,1
28–31 marzo CeSID 53,0 13,0 5,0 7,0 8,0 6,0 5,0 40
27 marzo Faktor Plus 52,6 11,9 6,1 6,1 5,5 5,0 3,3 40,7
3 marzo Faktor Plus 49,4 12,7 6,4 6,0 5,7 5,0 3 36,7
28 gennaio-7 febbraio NSPM 44,9 11,8 10,8 7,0 6,8 8,5 3,4 33,1
3 febbraio Faktor Plus 49,5 12,0 6,8 6,0 5,6 5,2 2,3 37,5

Note[modifica | modifica wikitesto]