Elezioni legislative palestinesi del 2006

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elezioni legislative palestinesi del 2006
Stato Palestina Palestina
Data 25 gennaio 2006
Partito Hamas Fatah
Voti 440 409
44,45 %
410 554
41,43 %
Seggi 74 45

Le elezioni legislative palestinesi del 2006 si sono svolte nell'Autorità Nazionale Palestinese il 25 gennaio 2006.

Le elezioni per il rinnovo del Consiglio Legislativo Palestinese, attese da ben 10 anni e più volte rinviate per via dell'occupazione israeliana, sono state ulteriormente rinviate nel corso del 2005, sempre adducendo come motivazione l'occupazione israeliana e problemi organizzativi. Tali giustificazioni però, secondo molti osservatori, nascondevano la paura di una sconfitta del partito al potere, al-Fath, da parte del movimento islamista armato Hamas, in forte crescita nelle elezioni municipali tenute nel corso del 2005. Questa eventualità era temuta anche da buona parte della comunità internazionale, in particolare da Israele, dai paesi occidentali e dagli stati arabi filo-occidentali, in quanto Hamas usa tra i suoi strumenti di lotta il terrorismo e propugna la distruzione dello stato di Israele, anche se ha sottoscritto l'anno scorso una tregua, mediata dal presidente Abu Mazen, tra Israele e le fazioni armate palestinesi.

Al-Fath, del resto, vive da qualche anno un periodo di crisi. Ormai da decenni questo partito è predominante tra i palestinesi, sia ai vertici dell'OLP, che al governo dell'Autorità Nazionale Palestinese fin dalla sua fondazione nel 1994 e con propri membri ben inseriti a tutti i livelli della pubblica amministrazione e della burocrazia nei territori occupati. Perciò molti palestinesi ritengono al-Fath il principale responsabile della diffusa corruzione. Molti osservatori internazionali ritengono che l'ascesa di Hamas sia dovuta anche ad un sentimento di protesta dell'opinione pubblica verso i quadri dirigenti tradizionali palestinesi, legati all'OLP, oltre che alla maggior intransigenza di Hamas nei rapporti con Israele e alla diffusa disillusione nei confronti di un processo di pace ormai in stallo da anni. In quest'ottica viene interpretato anche il crescente successo dei movimenti legati all'ala giovanile e più radicale di al-Fath, legata alla figura di Marwan Barghuthi, attualmente in carcere in Israele, e al movimento armato Brigate dei Martiri di al-Aqsa, responsabile di attacchi terroristici e militari contro Israele. Questa fazione, che accusa a sua volta di corruzione e cattiva amministrazione la vecchia guardia di Fatah, non riconoscendo la validità del risultato delle primarie interne al movimento, intendeva presentare una propria lista alle elezioni del Consiglio Legislativo, “Al-Mustaqbal” (“il Futuro”), ma una mediazione in extremis ha scongiurato una divisione che avrebbe dato un duro colpo a Fatah. I capi delle due fazioni si sono accordati per una lista che ha lasciato più spazio ai “giovani” di Fatah, con Marwan Barghuthi come capolista, mentre il premier Abu Ala, rappresentante della vecchia guardia, si ritirava.

Elettori[modifica | modifica wikitesto]

Al voto erano chiamati circa un milione 400.000 palestinesi di Gaza, Cisgiordania e Gerusalemme est; a questi ultimi è stato permesso di votare dopo un lungo tergiversare da parte degli israeliani. Per Israele infatti, Gerusalemme est fa parte integrante dello stato e della capitale Gerusalemme, mentre i palestinesi la reclamano a loro volta come capitale e come parte integrante del territorio sotto l'Autorità Nazionale Palestinese, poiché fa parte dei territori occupati durante la “Guerra dei sei giorni” del 1967. Lo stesso presidente palestinese Abu Mazen minacciava di non permettere lo svolgimento delle elezioni se non veniva consentito di votare agli abitanti di Gerusalemme est. Come compromesso è stato consentito di votare ai palestinesi in seggi speciali fuori dai confini di Gerusalemme, in Cisgiordania, mentre una minoranza ha potuto votare negli uffici postali; i partiti palestinesi, e in particolare Hamas, non potevano svolgere propaganda elettorale a Gerusalemme est.

Non hanno potuto votare a queste elezioni, come alle precedenti consultazioni per l'Autorità Nazionale Palestinese, i palestinesi profughi negli altri paesi arabi.

Legge elettorale[modifica | modifica wikitesto]

Nel precedente Consiglio Legislativo, eletto il 20 gennaio 1996, i membri erano 88, 55 dei quali appartenevano ad al-Fath (più 7 indipendenti ad esso alleati). In quello eletto nel 2006 i consiglieri sono stati aumentati a 132. Di questi, 66 sono stati eletti con il sistema proporzionale in una circoscrizione unica (distribuzione seggi con metodo Sainte Lague), con sbarramento al 2%, mentre altri 66 venivano eletti in distretti elettorali con numero di candidati variabile (da 1 a 9) a seconda della popolazione, con quote riservate ai cristiani (in totale almeno 6) in alcuni distretti. Nei distretti elettorali si votavano direttamente i singoli candidati, esprimendo tanti voti quanti erano i candidati eleggibili nel distretto. Ad esempio, nel distretto di Gerico si poteva esprimere un voto e pertanto l'elezione si riduceva ad un sistema uninominale semplice, mentre ad Hebron, dove si eleggevano 9 consiglieri, si potevano esprimere 9 preferenze.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Mentre i primi exit poll e le proiezioni della serata del 25 gennaio 2006 indicavano una maggioranza relativa di seggi af al-Fath, i risultati diffusi nella mattinata del 26 gennaio smentivano clamorosamente questi dati e mostravano una vittoria sempre più evidente della lista dominata da Hamas, tanto che il premier Abu Ala (Ahmad Qureia), appartenente a Fatah, si dimetteva e affermava che da quel momento doveva governare Hamas; al presidente Mahmud Abbas, anche lui appartenente ad al-Fath) non rimaneva che accettare le dimissioni del suo primo ministro. Nel frattempo si succedevano le reazioni negative da parte di Israele, Stati Uniti, Unione Europea e molti altri paesi, mentre il movimento islamico Hamas riceveva i complimenti del governo iraniano. Al-Fath si riuniva e decideva di non partecipare ad un governo con i rivali.

Nella serata del 26 gennaio 2006 venivano infine diffusi i primi risultati ufficiali, dai quali emergeva che Hamas aveva ottenuto la maggioranza relativa dei voti e la maggioranza assoluta al Consiglio Legislativo Palestinese.

Risultati definitivi[modifica | modifica wikitesto]

I risultati definitivi non si scostavano molto da quelli preliminari. Hamas otteneva la maggioranza assoluta dei consiglieri, con 74 seggi, la maggior parte dei quali conquistati nei distretti (45), dove spesso prevaleva su Fatah anche dove quest'ultimo era in testa nel voto proporzionale. Quest'inversione avveniva in particolare nei distretti di Betlemme, Tubas, Deir al-Balah, Khan Younis, e in parte anche a Jenin. Hamas non ha trionfato solo nei distretti di Gaza, dove su 24 seggi ne ha ottenuti 15 (6 a Fatah e 3 a indipendenti), ma anche in Cisgiordania e Gerusalemme est, dove su 42 seggi ne ha guadagnati 30 (11 a Fatah e 1 ad un indipendente).

Riassunto dei risultati elettorali preliminari del Consiglio Legislativo Palestinese del 25 gennaio 2006

Liste Voti (proporzionale) % (proporzionale) Seggi
(proporzionale+distrettuali)
Lista Cambio e Riforma (Hamas) 440 409 44,45 74 (29+45)
Fatah 410 554 41,43 45 (28+17)
Lista del Martire Abu Ali Mustafa (Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina) 42 101 4,25 3 (3+0)
L'Alternativa (Coalizione formata da Fronte Democratico per la Liberazione della Palestina, Partito Popolare Palestinese, Unione Democratica Palestinese e indipendenti) 28 973 2,92 2 (2+0)
Palestina Indipendente (Iniziativa Nazionale Palestinese) 26 909 2,72 2 (2+0)
La Terza Via 23 862 2,41 2 (2+0)
indipendenti - - 4 (0+4)
Libertà e Giustizia Sociale (Fronte di Lotta Popolare Palestinese) 7 127 0,72 0 (0+0)
Libertà e Indipendenza (Fronte Arabo Palestinese) 4 398 0,44 0 (0+0)
Lista del Martire Abu al-Abbas (Fronte per la Liberazione della Palestina) 3 011 0,30 0 (0+0)
Coalizione Nazionale per la Giustizia e la Democrazia (Wa'ad) 1 806 0,18 0 (0+0)
Lista Giustizia Palestinese 1 723 0,17 0 (0+0)
Totale elettori 990 873  100.0% 132 (66/66)
Schede bianche 21 687
Schede nulle 29 864
Totale (affluenza: 74,6%) 1 042 424
Fonte: Central Election Commission, 26 gennaio 2006, http://www.elections.ps

Le elezioni sono state boicottate dal movimento terrorista e politico Jihad Islamica, che non ha sottoscritto la tregua, mediata nel 2005 dal presidente Abu Mazen, tra Israele e le fazioni armate palestinesi, continuando gli attentati suicidi e gli attacchi. La tregua è stata invece sottoscritta da Hamas.

Il 29 marzo 2006 il nuovo governo, presieduto da Ismail Hanyeh, esponente di Hamas, giurava davanti al parlamento palestinese. Del nuovo governo fanno parte solo esponenti di Hamas e simpatizzanti; il movimento Fatah si è invece rifiutato di prendervi parte.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica