Elezioni alla Duma di Mosca del 2019

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Distribuzione del voto

Le elezioni parlamentari alla Duma di Mosca del 2019 si sono tenute il 13 settembre, per l'elezione dei 45 deputati alla Duma di Mosca.

Voto Intelligente[modifica | modifica wikitesto]

I risultati delle elezioni alla Duma della città di Mosca sono stati influenzati dallo Smart Voting ("Voto Intelligente") di Aleksej Navalny, un metodo di opposizione politica al partito dominante, la cui strategia è stata quella di suggerire agli elettori di votare per un qualsiasi "singolo" candidato non associato al partito della Russia Unita, piuttosto che astenersi, al fine di ridurre rappresentanza di questo partito nel parlamento di Mosca.

Alexej Navalny, ideatore del "Voto Intelligente"

Nelle elezioni, hanno avuto più voti i candidati per i quali era ricevere il "voto intelligente" che i rappresentanti del partito Russia Unita, per un totale di 586.286 voti contro 555.063. Su 45 seggi nella Duma, i candidati della Russia Unita ne hanno ottenuto 25 e, a differenza delle elezioni precedenti, nessuno di costoro ha ricevuto più del 50% dei voti.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Partito Voti % Seggi
Partito Comunista della Federazione Russa (VI) 499.643 31,40% 13
Russia Unita 495.591 31,15% 25
Russia Giusta (VI) 196,896 12,38% 3
Partito Liberal-Democratico di Russia 138.145 8,68% 0
Comunisti Russi 79.062 4,97% 0
Jabloko (VI) 63.193 3,97% 4
Rodina 12.187 0,77% 0
Partito Ecologico Russo "I Verdi" 2.155 0,13% 0
Forza Civile 1.945 0,12% 0
Partito della Crescita (VI) 1.253 0,08% 0
Indipendenti (VI) 41.802 2,63% 2
Schede bianche/nulle 59.182 3,72%
Totale 1.591.054 100% 45

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]