Eleonora Vallone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Eleonora Vallone (Roma, 1º febbraio 1953) è un'attrice e giornalista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Raf Vallone e di Elena Varzi, è la sorella maggiore di due gemelli: l'attore Saverio Vallone e la cantante Arabella. Ha un figlio, l'affermato medico Luca Gualdi. È dedita a numerose attività. Ha esordito come pittrice, definita "cubo- futurista", e poi come attrice di cinema, di teatro e di televisione. Autrice di testi musicali, intrattenimento, teatro, televisione. Giornalista, collaboratrice di giornali quotidiani e settimanali di attualità, cinema, sport, nautica, rubriche televisive e radiofoniche.

Pioniera ed insegnante della ginnastica in acqua, ha fondato la prima scuola in Italia per istruttori di acqua-gym, brevettando anche il metodo GymNuoto e GymSwim. È inoltre l'ideatrice della moda salutistica in neoprene con marchio EV. Ha condotto il Festival di Sanremo 1981 assieme a Claudio Cecchetto e Nilla Pizzi (in cui si distinse per la sua bellezza e per le famose gaffes). Oggi dopo aver ideato il primo festival Cinematografico dedicato all'Acqua denominato AquaFilmFestival, ne è la Direttrice artistica, e divulga il concorso in Italia e all'estero con successo. www.aquafilmfestival.org

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Chi salverà le rose? Di Cesare Furesi con Carlo Delle Piane, Caterina Murino, Lando Buzzanca ,2016

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Presenta il Festival di Sanremo 1981

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Effetto donna, musical, protagonista) musica di Gianni Mazza.
  • One Woman Show, recital, protagonista.

Attività letteraria[modifica | modifica wikitesto]

Ha pubblicato i libri:

  • GymNuoto, (vince il premio speciale Bancarella Sport).
  • GymVasca, ed. Sperling & Kupfer (Italia).
  • GymSwim, ed. M. Rocha (Spagna).
  • MammaGym, ed. Curcio, dedicato alla coppia, alla mamma e alla remise en forme dopo il parto con 100 esercizi in acqua.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN232632423 · ISNI (EN0000 0004 1978 0414 · SBN IT\ICCU\CFIV\120627