Elena Pontiggia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Elena Pontiggia (Milano, 22 luglio 1955) è una storica dell'arte italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Terminati gli studi classici, si laurea in filosofia alla Statale di Milano con una tesi sull'estetica di Nietzsche. Insegna Storia dell'arte all'Accademia di Brera e al Politecnico di Milano. Collabora come critico d'arte a vari giornali e riviste. Dal 2011 scrive su “La Stampa”. Si occupa in particolare dell'arte italiana e internazionale fra le due guerre e del rapporto tra modernità e classicità. Si interessa agli scritti di poetica, pubblicando i principali testi teorici degli artisti da Cézanne e dalle avanguardie a Pollock. Ha fatto parte fino al 1993 del Comitato Scientifico del Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano e dal 2002 al 2006 del Consiglio d'amministrazione della Quadriennale di Roma. Dal 2001 fa parte del Comitato Scientifico della Fondazione Stelline di Milano. Nel 1996 ha vinto il premio “San Valentino d'oro” per la Storia dell'arte[1] e nel 2009 il premio Carducci con Modernità e classicità. Il ritorno all'ordine in Europa dal dopoguerra agli Anni Trenta.[2] Ha preso parte a diverse edizioni dei Colloqui fiorentini.

Principali mostre organizzate[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Milione e l'astrattismo, Fermo, Pinacoteca, 1988..
  • Sironi. Il mito dell'architettura (con A. Sironi e F. Benzi), Milano, Padiglione d'Arte Contemporanea, 1990.
  • L'idea del classico. Arte in Italia 1916-1932, Milano, Padiglione d'Arte Contemporanea, 1992.
  • Da Boccioni a Sironi. Il mondo di Margherita Sarfatti, Brescia, Palazzo Martinengo Cesaresco Novarino, 1997.
  • Persico e gli artisti, Milano, Padiglione d'Arte Contemporanea, 1997.
  • Adolfo Wildt e i suoi allievi, Brescia, Palazzo Martinengo Cesaresco Novarino, 2001.
  • Il Novecento milanese. Da Sironi ad Arturo Martini (con N. Colombo), Milano, Spazio Oberdan, 2003.
  • Arturo Martini (con C. Gian Ferrari e L. Velani), Milano, Permanente e Fondazione Stelline/ Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna, 2006.
  • Sironi. Gli anni 40 e 50 (con C. Gian Ferrari), Milano, Fondazione Stelline, 2007.
  • De Chirico. La magia della linea, Roma, Museo Bilotti, 2009.
  • Il chiarismo, Milano, Palazzo Reale, 2010.
  • Lo stupore nello sguardo. La fortuna di Rousseau in Italia da Soffici e Carrà a Breveglieri, Milano, Fondazione Stelline, 2011.
  • Mario Sironi, Roma, Complesso del Vittoriano, 2014.
  • BOT. I futurismi di un giocoliere, Piacenza, Fondazione di Piacenza e Vigevano, 2015.

Principali libri pubblicati[modifica | modifica wikitesto]

  • Edward Hopper. Scritti, interviste, testimonianze, Abscondita, Milano, 2000. ISBN 9788884160010
  • La Nuova Oggettività tedesca, Abscondita, Milano, 2002. ISBN 8884160456
  • Il Novecento Italiano, Abscondita, Milano, 2003. ISBN 9788884160485
  • Il ritorno all'ordine, Abscondita, Milano, 2005 8884161096
  • La grande Quadriennale. 1935: la svolta dell'arte italiana (con C. F. Carli), Electa, Milano, 2006. ISBN 8837046499
  • Modernità e classicità. Il ritorno all'ordine in Europa dal dopoguerra agli anni trenta, Bruno Mondadori, Milano, 2008. ISBN 9788861590748
  • Il movimento di Corrente, Abscondita, Milano, 2012. ISBN 9788884163356
  • Mario Sironi. La grandezza dell'arte, le tragedie della storia, Johan & Levi, Milano, 2015, ISBN 9788860101242
  • Christian Schad, Abscondita, Milano, 2015, ISBN 9788884165114
  • Arturo Martini. La vita in figure, Milano, Johan & Levi, 2015, ISBN 978-88-6010-185-3
  • Renato Birolli, Figure e luoghi 1930-1959 (con V. Birolli), Torino, MEF, 2016, ISBN 978-8894138641

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elena Pontiggia (a cura di), Paul Cézanne. Lettere, SE, Milano, 1987. ISBN 88-7710-004-4
  • Elena Pontiggia (a cura di), Jackson Pollock. Lettere, riflessioni, testimonianze, SE, Milano, 1991. ISBN 88-7710-228-4

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12457368 · ISNI (EN0000 0001 1815 708X · BNF (FRcb13482975s (data)