Elegia scritta in un cimitero campestre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prima pagina dell'edizione illustrata dell'Elegia illustrata di Dodsley, con immagini di Richard Bentley
(EN)

« The boast of heraldry, the pomp of power, // And all the beauty, all that wealth e'er gave, // Awaits alike the inevitable hour. // The paths of glory lead not but to the grave. »

(IT)

« Il vanto di un nome illustre, lo sforzo del potere // e tutta la bellezza, tutta la ricchezza che mai sia stata data, // attende allo stesso modo l'ora inevitabile. // I sentieri della gloria non portano che alla tomba. »

(Thomas Gray, Elegia scritta in un cimitero campestre, versi 33-36, trad. propria)


L'Elegia scritta in un cimitero campestre è un'opera di Thomas Gray, completata nel 1750 e pubblicata per la prima volta nel 1751. L'origine del poema è sconosciuta, ma è molto probabile che sia stata ispirata dalla morte del poeta Richard West, avvenuta nel 1742. Gray completò la redazione dell'Elegia nel periodo in cui viveva vicino al cimitero di Stoke Poges. Una copia fu inviata al suo amico Horace Walpole, che la fece circolare nei circoli letterari di Londra. Gray fu costretto a mandare in stampa l'elegia il 15 febbraio 1751, per prevenire l'imminente uscita di una copia senza licenza della sua opera.

Il poema ha il nome dell'elegia, ma non la forma: piuttosto riprende lo stile delle odi, consueto all'epoca, ma contiene una riflessione sulla morte e sul ricordo della persona dipartita.

In questa opera Gray esplora il tema della morte ambientando il poema nel cimitero di Stoke Poges, nel Buckinghamshire, e descrive le atmosfere lugubri e cupe del luogo. [1]

L'autore grazie a questo poema, afferma l'uguaglianza che ci deve essere fra gli uomini e che anche nelle persone più povere potevano erano presenti individualità che avrebbero meritato di emergere a livello politico e sociale ma non è stato possibile a causa delle disparità economiche nella società dell'epoca; l'autore, nel poema, elogia quindi la gente comune, i contadini perché, sempre secondo l'autore, la fama ed il potere e la ricchezza materiale sono concetti illusori che non sopravvivono nell'uomo per l'eternità.

Il tema dell'opera viene proposto anticipando le tendenze letterarie dell'età vittoriana, in cui gli scrittori poi porranno particolare attenzione al quotidiano e al comune, in contrapposizione all'eroico.[2]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elisa Bolchi, Thomas Gray, “Elegy written in a country churchyard”: traduzione e commento, su Oilproject. URL consultato il 10 dicembre 2017.
  2. ^ L'attualità della letteratura, Pearson, p. 580.
Controllo di autoritàBNF: (FRcb12166616b (data)
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura