Eleazar Meletinskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Eleazar Moiseevič Meletinskij (in russo: Елеазар Моисеевич Мелетинский?; Charkiv, 22 ottobre 1918Mosca, 16 dicembre 2005) è stato un filologo, storico della letteratura, comparatista e culturologo russo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dell'ingegnere Moses Lazarevič e del medico Raisa J. Margolis, si trasferì con la sua famiglia nel 1921 dall'originaria Ucraina a Mosca, dove compì gli studi, terminando il liceo nel 1935, per iscriversi alla Facoltà di Filologia presso l'Istituto universitario di storia, filosofia e letteratura (IFLI) di Mosca, di cui frequentò i corsi negli anni dal 1935 al 1940, laureandosi nel 1940.

Dopo la seconda guerra mondiale, a cui partecipò come volontario, conseguì il dottorato in filologia sotto la guida di Victor Maksimovič Žirmunskij e insegnò letteratura e folklore nell'università statale carelo-finnica. Trascorse sei anni nei gulag dell'URSS e fu liberato nel 1954 alla morte di Stalin. Insegnò quindi all'Istituto di Letteratura Mondiale "A.M. Gorkij" (IMLI), dell'Accademia russa delle scienze.

Nel 1971 vinse a Palermo il premio internazionale di studi demo-etno-antropologici Giuseppe Pitrè per il miglior lavoro sul folklore, ma non gli fu concesso dal governo sovietico di venire in Italia a ritirarlo.

Nel 1990 gli fu assegnato il premio di stato dell'URSS per la realizzazione dell'enciclopedia I miti dei popoli del mondo. Nel 1989 si era trasferito all'Università statale per le Scienze umane di Mosca (RGGU), dove tra il 1989 e il 1994 istituì e diresse la cattedra di Storia e teoria della cultura mondiale, insieme ad S. S. Averincev, M. L. Gasparov, A. Ja. Gurevič e V. V. Ivanov.

Morì a Mosca il 16 dicembre 2005.

Opera critica[modifica | modifica wikitesto]

La sua ricerca critica e la sua attività di docente si sono svolte nell'ambito delle letterature comparate e del folklore; egli ha ripreso e proseguito il progetto di Aleksandr Nikolaevič Veselovskij di una poetica storica, una scienza della formazione dei generi letterari dal mito e dal rito primitivi. In parallelo con le ricerche, egli svolse un'incessante attività di editore, redattore e direttore di collane di pubblicazioni (“Studi sul folklore e la mitologia orientali” , oppure “Fiabe e miti dei popoli d'Oriente”) in cui riversò tutto il suo impegno divulgativo, didattico e illuministico, volto alla realizzazione dell'idea dello sviluppo della conoscenza umanistica attraverso gli ampi studi comparativi e tipologici sulle tradizioni culturali, e volto anche a eliminare la distanza tra la ricerca scientifica e l’insegnamento.

Nel corso della sua vita sembra aver lavorato a un unico progetto, scandito dalle sue pubblicazioni più importanti e da una ricca serie di saggi complementari: lo studio delle relazioni fra mito e letteratura. Alla fiaba dedicò la sua prima monografia (L'eroe della fiaba di magia: origine di un personaggio, 1958), all'epos successivamente dedicò tanto una sintesi storica e teorica (L'origine dell'epos eroico: le prime forme e i monumenti arcaici, 1963) quanto uno studio applicativo sui testi medievali scandinavi (L'Edda e le prime forme dell'epos, 1968).

Dall'epos al mito, alla ricerca delle origini dell'arte verbale e alle fonti della narratività, le sue ricerche si spostano sui fenomeni di riuso del mito (mitologismo) nella cultura e nella letteratura novecentesche (La poetica del mito, 1976); invece schiettamente etnografico è lo studio comparativo su L'epos mitologico paleoasiatico: il ciclo del corvo (1979). In seguito, Meletinskij si rivolge alla letteratura d'autore, al romanzo, considerato nelle sue forme occidentali e orientali (Il romanzo medievale: origine e forme classiche, 1983). Negli anni ottanta del XX secolo pubblica nuove grandi opere di sintesi che approfondiscono lo studio delle grandi forme narrative (Introduzione alla poetica storica dell'epos e del romanzo, 1986) e, pochi anni dopo, le forme narrative brevi (La poetica storica della novella, 1990). Negli anni novanta il suo interesse si volge al problema degli archetipi letterari e alla letteratura moderna e contemporanea russa.

Altri esponenti della culturologia[modifica | modifica wikitesto]

Si indicano qui alcuni altri autori che si possono riportare all'indirizzo scientifico della culturologia :

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  1. Geroj volšebnoj skazki: proischoždenie obraza, Moskva, Izdatelstvo vostočnoj literatury, 1958.
  2. Proischoždenie geroičeskogo eposa: rannie formy i archaičeskie pamjatniki, Moskva, Vostočnaja literatura, 1963.
  3. E. M. Meletinskij, S. Ju. Nekljudov, E. S. Novik, D. M. Segal, Problemy strukturnogo opisanija voľšebnoj skazki (1969), trad. it. di D. Ferrari Bravo e S. Signorini, La struttura della fiaba, Palermo, Sellerio, 1977.
  4. Poetika mifa, Moskva, Nauka, 1976, trad. it. di A. Ferrari, Il mito. Poetica folclore ripresa novecentesca, Roma, Editori Riuniti, 1993.
  5. Srednevekovij roman: Proischoždenie i klassičeskie formy, Moskva, Nauka, 1983.
  6. Vvedenie v istoričeskuju poetiku eposa i romana, Moskva, Nauka, 1986 (trad. it. di C. Paniccia, Introduzione alla poetica storica dell'epos e del romanzo, Bologna, Il Mulino, 1993, con una introduzione di C. Segre).
  7. Istoričeskaja poètika novelly, Moskva, Nauka, 1990 (trad. it. di L. Sestri, Poetica storica della novella, Macerata, EUM, 2014, con una introduzione di M. Bonafin).
  8. O literaturnych archetipach, Moskva, RGGU, 1994. (trad. it. di L.Sestri, Archetipi letterari, Macerata, EUM, 2016, con una introduzione di M. Bonafin)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

sull'opera di E. M. Meletinskij:

scritti di E. M. Meletinskij:

l'Istituto E.M.Meletinskij all'Università Statale per le Scienze Umane di Mosca:

la Poetica storica all'Università di Chicago:

la Culturologia in rete:

Controllo di autoritàVIAF (EN56702141 · ISNI (EN0000 0001 0904 1501 · LCCN (ENn82240887 · BNF (FRcb12435234t (data)