Elara (mitologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nella mitologia greca, Elara era una fanciulla, figlia, a seconda delle versioni, o del re Orcomeno oppure di Minia.

Il mito[modifica | modifica wikitesto]

La bellezza di Elara attirò il desiderio del padre degli dei Zeus, il quale la sedusse segretamente e lontano dalle gelosie di sua moglie Era.
Quando la giovane rimase incinta del dio, Zeus chiese aiuto a sua nonna Gea, la Terra, e le supplicò di accogliere l'amante nelle sue profondità, per nasconderla dalla furia di Era. Gea acconsentì ed Elara trascorse nove mesi sottoterra fino a quando non partorì un bambino, il gigante Tizio, che per questo motivo non veniva universalmente riconosciuto come figlio di Elara, bensì frutto di Gea, dato che era stata quest'ultima a conservarlo nelle sue intimità.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Moderne[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca