Eirik II di Norvegia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eirik II di Norvegia
Eirik Magnusson (Stavanger cathedral).jpg
busto coevo di Eirik II nella Cattedrale di Stavanger, del 1280.[1]
Re di Norvegia
Stemma
In carica 9 maggio 1280 –
15 luglio 1299
Incoronazione estate 1280
Predecessore Magnus VI di Norvegia
Successore Haakon V di Norvegia
Nascita 1268
Morte Bergen, 15 luglio 1299
Casa reale Dinastia Bellachioma
Padre Magnus VI di Norvegia
Madre Ingeborg Eriksdatter
Coniugi Margherita di Scozia
Isabel Bruce
Figli Margherita di Scozia
Ingeborg Eriksdottir
Religione cattolica

Re Eirik II di Norvegia (1268Bergen, 15 luglio 1299) fu Re di Norvegia dal 1280 al 1299.

La vita[modifica | modifica wikitesto]

Eirik II di Norvegia era il più vecchio dei figli viventi di re Magnus VI di Norvegia e della moglie Ingeborg Eriksdatter di Danimarca, figlia di Eric IV di Danimarca. Quando ebbe cinque anni gli venne dato il titolo di re, da condividere con il padre, che aveva pianificato di incoronarlo quale sovrano, subordinato al suo potere, nell'estate 1280 quando Eirik avrebbe avuto dodici anni. Magnus purtroppo morì pochi mesi prima che la cerimonia avesse luogo e il figlio venne incoronato quale unico sovrano a Bergen, la giovane età di Eirik rese necessario un consiglio di reggenza formato per lo più da nobili del più alto lignaggio e probabilmente anche da sua madre Ingeborg. Eirik venne dichiarato maggiorenne nel 1282, ma si ritiene che tale consiglio abbia continuato ad esercitare una certa influenza durante il suo regno. Eirik aveva un fratello più piccolo, Haakon che dal 1273 era stato nominato Duca di Norvegia e nel 1280, quand'era appena decenne, aveva sotto il proprio controllo due grandi regioni, una nei dintorni di Oslo e l'altra a sud-ovest, nei pressi di Stavanger. Il re, che viveva abitutalmente a Bergen, nella zona occidentale del paese, aveva sotto la propria giurisdizione tutti i territori controllati dal fratello. Nel 1281 Eirik sposò Margherita di Scozia, figlia di Alessandro III di Scozia, che morì due anni dopo dando alla luce una figlia:

  • Margherita, che divenne regina di Scozia nel 1286 rimanendo al trono fino alla morte avvenuta nel 1290.

Margherita morì a soli sette anni e alla sua dipartita sorse la cosiddetta Grande causa, una disputa su chi dovesse ereditare il trono che coinvolse molte ricche famiglie di Scozia e anche qualche sovrano estero che sfociò, infine, nelle Guerre di indipendenza scozzesi. Lo stesso Eirik reclamò brevemente, e senza successo, la corona di Scozia per sé in quanto padre della defunta regina.

Nel 1293 Eirik si risposò con Isabel Bruce (1272circa-1358), sorella di Robert Bruce, i due non ebbero figli maschi, ma solo una bambina, Ingeborg Eriksdottir (1297-1357), che andò in sposa a Valdemar Magnusson, duca di Finlandia (1280circa-1318) nel 1312.

Il regno[modifica | modifica wikitesto]

Uno degli eventi più caratterizzanti del regno di Eirik fu la guerra contro la Danimarca che durò ad intermittenza fra il 1287 e il 1295, il principale motivo del contendere erano le pretese al trono che Eirik vantava attraverso la madre. A questo proposito egli strinse un'alleanza con un gruppo di nobili danesi, fra cui si distinguevano Jacob Nielsen, conte di Halland (morto 1309 circa) e Stig Andersen Hvide (morto 1293) che erano stati dichiarati fuorilegge per aver tentato di uccidere Eric V di Danimarca. Nel 1287 Eirik diede loro rifugio in Norvegia e due anni dopo, insieme ai due nobili, si mise al comando di una larga flotta che, raggiunta la Danimarca, bruciò la città di Elsinore e minacciò la sicurezza di Copenaghen. Altri attacchi del genere, mai risolutivi, si ripeterono nel 1290 e nel 1293 fino a che non venne siglata la pace nel 1295[2].

Eirik morì senza figli nel 1299 e gli successe il fratello Haakon V di Norvegia. Venne sepolto nella cattedrale di Bergen, demolita nel 1531.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lillehammer, Grete, et al. (1995) Museoteket ved Arkeologisk museum i Stavanger: Rogalandsfunn fra istid til middelalder, p. 108
  2. ^ Tor Einar Fagerland, Krig og diplomati i nordisk middelalder (Oslo, 2002)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Knut Helle. "The Cambridge History of Scandinavia: Prehistory to 1520". Cambridge University Press. 2003. P. 363–364

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Haakon III di Norvegia Sverre I di Norvegia  
 
 
Haakon IV di Norvegia  
Inga di Varteig  
 
 
Magnus VI di Norvegia  
Skule Bårdsson Bård Guttormsson  
 
Ragnfrid Erlingsdotter  
Margrete Skulesdatter  
Ragnhild Jonsdatter Jon Torbergsson  
 
Ragnhild Erlingsdotter  
Eirik II di Norvegia  
Valdemaro II di Danimarca Valdemaro I di Danimarca  
 
Sofia di Minsk  
Eric IV di Danimarca  
Berengaria del Portogallo Sancho I del Portogallo  
 
Dolce di Barcellona  
Ingebord di Danimarca  
Alberto I di Sassonia Bernardo di Sassonia  
 
Birgitte di Danimarca  
Jutta di Sassonia  
Agnes d'Austria Leopoldo VI di Babenberg  
 
Teodora Angelina  
 

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Norvegia Successore
Magnus VI 1280–1299 Haakon V