Eilolfo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eilolfo
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
Consacrato vescovo 901
Deceduto 902/904

Eilolfo o Eilulphus (... – 902) è stato un vescovo italiano.

È stato vescovo di Asti tra il 901 ed il 902/904.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il suo episcopato è stato fortemente sostenuto da Lodovico III probabilmente in seguito ai servigi di Eilolfo verso l'imperatore[1].
Il primo documento attestante Eilolfo quale vescovo astense è datato 18 giugno 901.
Un altro documento lo cita nel 25 febbraio 902[2].
Esiste un terzo documento che erroneamente l'Ughelli cita con la data dell'812, ma che secondo il Savio debba collocarsi nel marzo del 902, in seguito ad un lascito di una certa Emelda verso il vescovado.

Alcuni studiosi,[3][4] associano il nome del vescovo Eilolfo a quello di San Bernolfo, santo martirizzato nei pressi di Mondovì.

La vicenda sorge nel 901, quando l'imperatore Ludovico III di Provenza, deposto il Conte di Bredulo, affidò i territori al vescovo di Asti Eilolfo.

Secondo la tradizione popolare, questi venne ucciso in un'imboscata durante una scorreria saracena, attorno al 904, a Priola nei pressi di Mondovì.

La tradizione vuole che nei secoli il nome del vescovo astigiano si sia trasformato in quello di Bernolfo, dato che nell'elenco dei vescovi di Asti, non compare in realtà nessun vescovo con tale nome e nemmeno esistono documenti in proposito.

A seguito del martirio, le spoglie di Eilulfo/Bernolfo furono sepolte sulle rive dell'Ellero e successivamente trasferite nella cattedrale di Mondovì.

Predecessore Vescovo di Asti Successore Capitolo di Asti.PNG
Staurace 901-902/904 Audace

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ F.Savio,Gli antichi vescovi d'Italia, dalle origini al 1300, descritti per regioni, Piemonte, Torino 1898
  2. ^ G.Assandria, Libro Verde della chiesa di Asti, foglio 96
  3. ^ G. Patrucco, I Saraceni nelle Alpi Occidentali (Bollettino Storico Bibliografico Subalpino, 1908)
  4. ^ Sattia A. I Saraceni nelle Alpi (Studi Storici, 1987)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Assandria, Il libro verde della Chiesa di Asti.
  • Pietro Giovanni Boatteri, Serie cronologica-storica de' Vescovi della Chiesa d'Asti, Asti 1807
  • Gaspare Bosio, Storia della Chiesa di Asti, Asti 1894
  • Gabotto F., Le più antiche carte dell'archivio capitolare di Asti (Corpus Chart. Italiae XIX). Pinerolo Chiantore-Mascarelli 1904
  • Lorenzo Gentile Storia della Chiesa di Asti, Asti 1934
  • Ughelli, in Italia Sacra, Astenses Episcopi, Venezia 1719
  • Carlo Vassallo, Gli Astigiani sotto la denominazione straniera, Firenze 1879
  • Guglielmo Visconti, Diocesi di Asti e Istituti di vita religiosi, Asti 2006

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]