Egidio Romualdo Duni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Egidio Romualdo Duni

Egidio Romualdo (o Romoaldo) Duni (Matera, 11 febbraio 1708Parigi, 11 giugno 1775) è stato un compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allievo di Francesco Durante a Napoli, esordì nel genere dell'opera seria con Nerone e Adriano in Siria.

Dopo varie peregrinazioni in Europa e un soggiorno triennale (1743-1746) a Bari, dove ricoprì il posto di maestro di cappella in San Nicola, nel 1749 passò al servizio della corte filofrancese di don Filippo di Borbone.

Là si mise in luce nel musicare due libretti di Charles Favart. Il rapporto con la poesia francese fu talmente positivo da convincerlo a trasferirsi a Parigi (1756), dove fece fortuna soprattutto grazie all'appoggio degli Enciclopedisti, i quali vedevano in lui il confutatore della tesi di Rousseau circa la non-musicabilità della lingua francese.

Nel 1761 Duni arrivò ad occupare il posto di direttore musicale della Comédie Italienne, per la quale continuò a comporre fino al 1770. È autore di poco più di una trentina di melodrammi.

Il musicista era ipocondriaco e a lui si ispirò il suo amico Carlo Goldoni per tratteggiare il personaggio del nevrastenico mercante polacco Guden nella commedia del 1756 Il medico olandese[1]

Ad Egidio Romualdo Duni sono stati intitolati il conservatorio ed il cineteatro Duni di Matera, sua città natale. Inoltre ogni anno, nel mese di luglio, si svolge il Festival Duni[2]: un ricco cartellone di eventi musicali dal rock al pop fino a sonorità medievali, che vivacizza la città dei Sassi.

Come lui anche il fratello maggiore Antonio era un compositore, pur se meno famoso, mentre Emanuele, uno dei fratelli minori, fu un importante giurista e filosofo.

Composizioni[modifica | modifica wikitesto]

Drammi per musica[modifica | modifica wikitesto]

Prime assolute

Altri lavori[modifica | modifica wikitesto]

  • Didone abbandonata (Tragedia di Pietro Metastasio con musiche, oltre a quelle del Duni, di Sarro, Porpora e Vinci - Roma, Teatro delle Dame, 1732).
  • La semplice curiosa (Componimento drammatico, tradotto dal francese, di Pietro Pertici - Firenze, Teatro del Cocomero, 1751; di attribuzione incerta)
  • Giuseppe riconosciuto (Componimento drammatico di Pietro Metastasio - Bitonto, Cattedrale, 1759, ma probabilmente risalente al 1736 ca.)

Opere francesi[modifica | modifica wikitesto]

Altre composizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Messa a 5
  • Te Deum
  • 6 Sonate a tre
  • Minuetti e contradanze

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Copia archiviata, su ordinemedicipavia.it. URL consultato il 2 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2018).
  2. ^ Sito Festival Duni

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12569649 · ISNI (EN0000 0001 1560 2803 · SBN IT\ICCU\AQ1V\007917 · LCCN (ENn88023796 · GND (DE104207019 · BNF (FRcb14785405m (data) · NLA (EN35170450 · BAV ADV12414840 · CERL cnp00358623